filippo-moggi-correre-fa-bene-alla-testa-e-viceversa
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
26 min

L'Uefa conferma Roma tra le sedi degli Europei

Il governo italiano permetterà infatti che lo stadio olimpico possa ospitare il pubblico nella misura almeno del 25 per cento della capienza dell'impianto
Gallery
basket
42 min

Clint Capela, sono numeri da superstar dell'Nba

Una prima “tripla doppia” contro Minnesota, un match con più di 25 punti e 25 rimbalzi contro i Detroit Pistons. È la stagione dei ginevrino degli Hawks
Calcio
51 min

Campana: ‘Ridicolo, guardiamo già alla prossima stagione’

Il direttore generale dell'Fc Lugano commenta la ‘concessione’ del Consiglio Federale a 100 persone negli stadi all'aperto e 50 all’interno
Hockey
3 ore

L'attesa è finita: la Nazionale di Fischer torna in pista

Dopo oltre un anno, i rossocrociati il 7 e l'8 maggio sfideranno due volte la Francia, a Bienne, per prepararsi ai Mondiali di Riga
Automobilismo
3 ore

Parte da Monza la stagione (anche virtuale) di Alex Fontana

Il pilota ticinese impegnato nel weekend nella prima tappa del GT World Challenge Europe con la Lamborghini Huracán GT3 Evo del team Emil Frey Racing
CALCIO FEMMINILE
19 ore

La Svizzera trova l'Euro solo ai calci di rigore

A Thun la Nazionale di Nils Nielsen pareggia 1-1 contro la Repubblica ceca, ma dal dischetto le elvetiche sono più precise
CALCIO
19 ore

Spettacolo a Parigi, il Psg resiste al Bayern

Ai bavaresi non basta il gol della vittoria firmato da Choupo-Moting al 40’. In semifinale anche il Chelsea nonostante la sconfitta con il Porto
Gallery
Hockey
20 ore

Buona la prima per il Lugano: steso il Rapperswil

I bianconeri iniziano con il piede giusto la serie dei quarti di finale con i sangallesi, superati alla Cornèr Arena per 6-2
Calcio
23 ore

Il Lucerna soffia il Lugano fuori dalla Coppa

Bianconeri eliminati (2-1) dopo una partita pazza e condizionata dal vento, con un rigore sbagliato da Maric al 121' e tanta sfortuna per i padroni di casa
Calcio
1 gior

Dal Team Ticino allo Zimbabwe a sostegno dell'Aysa

Materiale spedito in Africa tramite Matteo Vanetta con la collaborazione del Team Ticino, a favore dell'associazione dell'ex tecnico del Lugano Marc Duvillard
Hockey
1 gior

Rapperswil alla Cornèr Arena senza il loro coach

Per motivi di salute (non legati al Covid-19), Tomlinson non sarà alla transenna dei sangallesi in gara 1 dei quarti di finale col Lugano
Hockey
1 gior

Trofeo Atgs-Ritter, un premio per due: Heed e Arcobello

Per la prima volta in 40 anni di esistenza del Trofeo, sono in due a mettere le mani sul premio riservato al miglior marcatore delle due squadre ticinesi
CALCIO
1 gior

Sesto mandato per Florentino Perez alla Casa Blanca del Madrid

La candidatura del 74.enne imprenditore è stata l'unica presentata entro i termini. L'attuale numero uno rimarrà in carica fino al 2025
CALCIO
1 gior

Team Ticino: vince l'U18, pareggiano la U16 e la U15

Weekend di fortune alterne per i giovani calciatori ticinesi; sconfitta un po' severa per la U15 Academy
CICLISMO
1 gior

Marc Hirschi animerà il Tour de Romandie

Torna a fine mese la corsa elvetica dopo l'annullamento dell'edizione 2020. Non ci sarà il campione in carica Primoz Roglic
Altri sport
1 gior

Mujinga Kambundji rinuncia ai Mondiali di staffetta

La bernese, alla ricerca della forma dopo la frattura a un piede, ritiene che l'appuntamento in Polonia sia prematuro
Altri sport
1 gior

Academy e coach, tempo di scelte per Swiss Basketball

Qualche perplessità attorno al progetto pensato per i giovani dal 2004 al 2007; e al concorso per il dopo Barilari a guida della Nazionale
Tennis
1 gior

Il Covid ferma Medvedev, per lui niente torneo 'sotto casa'

Il russo – che nei giorni scorsi si era allenato anche con Nadal – non può giocare a Monte Carlo ed è in isolamento nella sua abitazione nel Principato
BASKET
1 gior

Minneapolis, dopo il baseball si ferma anche la Nba

Saltano due partite dopo lo scoppio delle proteste per l'uccisione di un ventenne di colore da parte degli agenti di polizia a un posto di blocco
Tennis
1 gior

Federer mette una croce sul torneo di Roma

Il basilese, numero 7 dell'Atp, cancella il suo nome dall'entry list ufficiale del Master 1000 italiano. Un'opportunità in più, forse, per gli organizzatori del Geneva Open
HOCKEY
1 gior

Il quarto col Lugano per Jelovac ha il profumo di derby

Il ventiseienne vodese del Rapperswil, ex difensore dell'Ambrì, si gode l'inizio di questi playoff. ‘Ma non so se si possa parlare di sorpresa‘
Calcio
1 gior

Il Lugano e quella Coppa tra sogno e realtà

Alla vigilia del quarto di finale con il Lucerna Renzetti punta tutto sull'ex trofeo Sandoz, Jacobacci frena per non mettere troppa pressione sui suoi
Hockey
2 gior

‘Occhio al Rapperswil: non è solo Clark, Cervenka e Moses’

Serge Pelletier lancia il quarto di finale contro i sangallesi. Che per i tifosi del Lugano porta con sé una novità per le partite casalinghe
Hockey
2 gior

Playoff e Covid, le istruzioni per l'uso

Domani parte la corsa al titolo, con l'incognita del Virus e con i giocatori in doppia 'bolla. Ecco cosa capiterà se dovesse esserci comunque un contagio
Calcio
2 gior

Festa clandestina, un club inglese esclude tre giocatori

Il Leichester mette fuori rosa Choudhury, Maddison e Perez dopo aver violato i protocolli anti Covid. 'Dobbiamo trasmettere valori positivi', dice l'allenatore
CALCIO
2 gior

Euro e spettatori, Roma chiede più tempo per decidere

Come Bilbao, Monaco e Dublino, la capitale italiana deve presentare entro il 19 aprile un rapporto sulla presenza dei tifosi all'Olimpico
HOCKEY
2 gior

Domenichelli: ‘Siamo noi, i nostri primi avversari’

Il general manager bianconero e il suo Lugano aspettano l'arrivo del sorprendente Rapperswil. 'Ha battuto due volte il Bienne e merita di essere ai quarti'
Atletica
02.03.2021 - 17:330

Filippo Moggi, correre fa bene alla testa, e viceversa

Studente di diritto e atleta di punta dell'Lcz di Zurigo, il 21enne talento sbocciato in casa Sam disputerà i 400 agli Europei assoluti

La partenza è fissata per domattina. Con la selezione svizzera sono ben tre gli atleti ticinesi a volare alla volta di Torun, in Polonia, sede dei Campionati europei assoluti d atletica. Un evento internazionale di primaria importanza, in un contesto sportivo ancora pesantemente condizionato dalla pandemia, al quale lo sport di casa nostra guarda quindi con estremo interesse. I progressi fatti negli ultimi anni dall’atletica cantonale valgono al piccolo Ticino una presenza decisamente qualificata e notevolissima, dal punto di vista numerico. Passi per gli attesi Ajla Del Ponte e Ricky Petrucciani, atleti ormai di respiro internazionale con un presente già di altissimo livello e un futuro che promette altre scintille, ma che dire della strepitosa qualificazione di Filippo Moggi nei 400 metri (come Ricky)? Beh, innanzitutto non era programmata, almeno non al momento di stilare gli obiettivi stagionali di un ragazzo molto applicato anche negli studi universitari. Secondariamente, è fantastica proprio perché giunta un po’ a sorpresa quale premio per la dedizione dell’ex portacolori della Sam, esempio di quanto lontano possano portare impegno e serietà, se uniti al talento.

Conciliare sport ad alto livello con gli studi accademici è possibile: è questo il messaggio di cui Filippo Moggi si fa latore. Anzi, a lui il doppio impegno fa proprio bene. Non toglie niente, semmai aggiunge. «A me - confessa il 21enne ticinese - l’operazione studi e sport riesce molto bene. Più cose ho da fare, migliori sono i risultati in ambo gli ambiti. Se mi concentro solo sullo sport e penso troppo a un allenamento o a una gara e poi questa magari va male, finisce che penso troppo anche alla prossima e ne pregiudico l’esito».

‘Non sacrifico né sport né studi’

C'è quindi una connessione tra la testa impegnata e il fisico. «Se so che ho un allenamento tra due lezioni all’università, prendo l’attività fisica come uno sfogo, come un momento di distacco per rifare il pieno di energie mentali, lasciando da parte i libri. Per poi, una volta finita la seduta di lavoro, rituffarmi nello studio, così da non avere nemmeno il tempo di rimuginare su come quell’allenamento si è svolto. Il concetto è semplice: se va bene, bene. Se va male andrà meglio la prossima volta. È un modo di lavorare che funziona davvero bene, per me. Mi permette di dare il massimo nei due ambiti, lo sport e gli studi. Siccome non intendo sacrificare nessuno dei due, vado avanti con questo metodo che mi permette di conciliarli bene. Quando poi, più avanti, si tratterà di fare una scelta, la farò. Per ora va davvero molto bene così».

Priorità all'università

Un punto di vista inedito, molto interessante, per un ragazzo che riesce a lavorare come un atleta completamente dedito alla pratica sportiva, con ottimi risultati, pur portando avanti con successo gli studi accademici. Ai quali, puntualizza Filippo, dà la priorità. «Mi alleno senza pormi limiti e senza togliere spazio allo studio, ma la mia priorità è l'università. Tre anni e mezzo per il bachelor, due per il master: andrò senz’altro fino in fondo. Preferisco studiare che correre, il mio futuro non sarà su una pista d’atletica. Detto questo, finché riesco a portare avanti entrambe le cose, continuo a farlo con molto piacere. In quanto, come detto, uno aiuta l’altro».

Effettivamente, un ambito sembra giovare all’altro. La sinergia funziona talmente bene che è arrivata la qualificazione agli Europei, nei 400. Un appuntamento che «inizialmente non era un obiettivo, no - conferma Moggi -. A novembre mi sono infortunato (uno strappo a un muscolo femorale), conseguenza di un problema che mi sono trascinato per tutta la scorsa stagione estiva nella quale, non a caso, ho corso pochissimo. Una volta terminata, a settembre, mi sono preso un mese di pausa proprio con l’idea di riposare e di rimettermi a posto. Quando ho ripreso gli allenamenti, la gamba ha ricominciato a farmi male. Da un controllo medico è emerso che c’era ancora una lesione. Così, ho rallentato di nuovo, mi sono allenato in maniera alternativa, con l’intento di preparare la stagione all’aperto entrante che culminerà negli Europei di categoria (U23, ndr). In inverno ho quindi impostato il lavoro sulla resistenza, il mio punto forte, sacrificando un po’ la velocità. I progressi non si sono fatti attendere. Non sono uno particolarmente veloce, sulle distanze brevi. Per contro, sono molto resistente. Con questi allenamenti, e senza assilli per le gare, la gamba è migliorata tanto da permettermi di tornare a gareggiare, a inizio febbraio (a Macolin, ndr). Volevo proprio vedere come l’arto avrebbe reagito e capire a che punto fossi, senza aspettative né pressioni. La prima gara è andata subito molto bene, ho fatto il mio personale (48’’03), un tempo però lontano quattro decimi dal limite per gli Europei. Alla luce di quel risultato, e dell’ottima risposta della gamba, abbiamo deciso di proseguire (in una seconda gara indoor a Macolin si è confermato in 48’’09, ndr). Ai Campionati svizzeri ho partecipato con l’obiettivo di migliorare ancora, ma soprattutto per ritrovare fiducia, dopo l’infortunio. È arrivato questo 47’’39. Non avevo proprio pensato a centrare il limite, anche se dopo i buoni risultati delle due prime gare disputate avevo comunque deciso di provarci, dando tutto, per vedere cosa ne sarebbe uscito. Ed è uscito questo bel tempone (abbattuto di quasi 7 decimi il suo personale, ndr) dopo il quale mi sono detto “beh, a questo punto andiamo agli Europei” (ride, ndr)».

Motivo d'orgoglio

Un risultato straordinario, reso ancor più bello dal fatto che è giunto in maniera inaspettata. A beneficio del grado di soddisfazione che per Filippo Moggi è «davvero grande. Ho ottenuto un limite per un Europeo assoluto. Per uno come me che non è assolutamente un atleta professionista, è motivo d’orgoglio. E ora… ci vado».

Già. Con quali prospettive? Si tratta innanzitutto di godersela, questa avventura. «Parto con l’intento di fare esperienza, di godermi l’ambiente che vi troverò, anche se sarà un po’ particolare, per le note questioni sanitarie. A livello tecnico, vado per rompere un po’ le scatole agli altri, per mettere gli avversari in difficoltà, con l’obiettivo di ritoccare ulteriormente il mio personale».

Lo sportivo che è in Filippo Moggi tirerà fuori gli artigli. «Non vado in Polonia per fare vacanza, ci vado per farmi valere. In batteria sarò il più lento, avrò davanti a me quattro o cinque atleti più forti. In una competizione indoor, il primo giro ei 400 è in corsia, il secondo in corda. Basterà seguirli (ride, ndr)».

In futuro, magari, gli 800

Torniamo alle sue peculiarità tecniche: si definisce non particolarmente veloce, ma molto resistente. Mai pensato a una conversione negli 800? «È un’opzione aperta per il futuro, ne ho già parlato anche con il mio allenatore. Presto o tardi, qualche 800 lo proverò, ma non so ancora in quali termini. Al momento, però, è ancora troppo presto per un passo del genere. Gli allenamenti di velocità vanno sempre meglio. Ho ancora dei margini e li sto sfruttando aumentandola. Finché riesco ad acquisire velocità, continuo a puntare sui 400. Anche perché quest’estate ho degli obiettivi precisi su questa distanza, penso soprattutto alla staffetta rossocrociata U23 della quale faccio parte e con la quale andremo agli Europei U23 in estate, con l'obiettivo di fare una medaglia. La concorrenza è qualificata, ma anche noi rossocrociati ce la caviamo. Siamo un bel gruppo, possiamo farcela, è il nostro traguardo per l’estate (si gareggia a luglio).  Non avrebbe senso abbandonarla ora».

Dalla cara vecchia Sam a Zurigo, sponda Lcz

Scuola Sam Massagno, premiato quale miglior atleta massagnese nel 2018, Filippo Moggi da un paio di stagioni è affiliato al Leichtathletik Club di Zurigo, l’Lcz. «Questo è il mio terzo anno nell’Lcz, società alla quale sono approdato un anno prima di iniziare gli studi universitari, nei mesi di pausa dopo il liceo che ho dedicato al servizio militare, sempre qui a Zurigo, dove già mi ero trasferito.  La mia vita si è spostata qui, ma le radici restano ben salde in Ticino, dove ho lasciato parecchi amici con i quali mi sento regolarmente. Lo stesso dicasi per i miei ex compagni di società, ci sentiamo sempre dopo le gare. I contatti li ho mantenuti tutti, anche quello con la mia ex allenatrice Cosetta (Grotti De Putti, ndr)».

Ricky, un amico

In forza all’Lcz c’è un altro ticinese illustre, Ricky Petrucciani, anch'egli atteso protagonista dei 400 metri a Torun. «Ci alleniamo assieme, anche se non tutta la settimana in quanto lui a volte si sposta a Cham (al centro sportivo Oym, per il progetto pilota “Swiss Diamonds Athletics Program”, ndr). Facciamo assieme le ripetute lunghe, due o tre volte alla settimana. Ci aiutiamo vicendevolmente. Ci conosciamo ormai a molti anni, siamo amici, abbiamo già più volte condiviso la camera nelle competizioni internazionali. Spero che ci mettano in camera assieme anche stavolta, agli Europei. Noi stiamo bene, e i tecnici sanno che non creiamo problemi (ride, ndr). È una scelta che accontenta tutti».

La stagione all’aperto non si esaurisce con gli Europei assoluti o con quelli Under 23… «In calendario c’è un terzo evento internazionale di spessore che ho fissato quale obiettivo, o Giochi mondiali universitari in Cina, a fine agosto. Spero che abbiano luogo regolarmente».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved