euro-sfumato-coach-deluso-a-meta-uniti-ma-e-mancata-esperienza
Keystone
Il bilancio di Gianluca Barilari
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
14 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
17 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
17 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
18 ore

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
18 ore

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
18 ore

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
19 ore

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
21 ore

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
21 ore

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
22 ore

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
Sci
23 ore

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
1 gior

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per i Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita da infortuni nella sua carriera sulle gobbe
SCI ALPINO
1 gior

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
1 gior

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
1 gior

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
1 gior

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
1 gior

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
1 gior

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
 
23.02.2021 - 17:510
Aggiornamento : 18:07

Euro sfumato, coach deluso a metà: 'Uniti, ma è mancata esperienza'

Intervista a Gianluca Barilari, che traccia un bilancio sulla non qualificazione della Svizzera a Eurobasket 2022. Il suo futuro 'si deciderà fra qualche settimana'.

Gianluca Barilari è un coach felice o deluso del torneo di qualificazione a Eurobasket 2022?

Deluso, ma al contempo soddisfatto. Deluso per la partita persa in casa contro la Finlandia e per come abbiamo affrontato i finnici venerdì: ci è mancato il giusto approccio a un match fondamentale, nel quale il peso delle responsabilità ha pesato su alcuni giocatori poco esperti di queste situazioni. Soddisfatto, invece, per avere visto la squadra dare tutto sino all’ultimo, anche nell'incontro contro la Serbia che era ininfluente. Il nostro è un gruppo di ragazzi eccezionali e uniti come pochi: non finirò mai di ringraziarli.

Quali sono i motivi principali alla base di una vittoria e cinque sconfitte?

Ci sono mancate due cose. La prima è un play o una guardia di spessore internazionale, perché un altro come Kazadi non l’abbiamo. Lui ha fatto l’impossibile, sebbene nel suo club giochi da ala; ma si è messo a disposizione con grande serietà, perché ne avevamo bisogno. E la seconda: almeno un lungo che abbia la stazza adeguata per reggere i colossi che ti trovi contro.

In alcune gare si sono visti recuperi importanti; in altre, sprechi nel finale. Come lo spieghi?

Certamente con un’esperienza in campo europeo di pochi giocatori; inoltre con una miriade di tiri liberi sbagliati, che ci sono costati moltissimo; infine con una mancanza di continuità di rendimento nell’ambito della stessa gara. Il risultato è stato che vantaggi alti, anche di 18 punti, sono svaniti in pochi minuti perché si è perso il concetto di lavoro di squadra.”

Quindi la carenza di giocatori abituati alle scene europee ha avuto un peso?

Senza voler distribuire colpe - perché nessuno lo meriterebbe, considerato l’impegno che tutti hanno messo dal primo all’ultimo minuto di questa esperienza europea -, è innegabile che non abbiamo giocatori dello stesso valore, come in qualsiasi squadra. La differenza la fanno le panchine più attrezzate, quindi quelle delle nazioni che hanno un serbatoio molto più ampio al quale attingere. Io posso solo dire grazie a tutti. 

Perché si è ingaggiato un altro assistent coach, Fabio Corbani, per le ultime due gare? 

Io lavoravo con lui già da diversi anni e mi sarebbe piaciuto averlo prima di qualche settimana fa. Il suo valore aggiunto è quello di un coach che ha allenato a Siena, Cantù e Treviso, mica il Rasa; che quindi ha esperienze importanti da trasmettere, utili a tutti per crescere.

I tiri liberi (86/231, il 65% di realizzazioni) sono stati una palla al piede in molte sfide: come mai?

Anche in questo caso possiamo parlare di controllo sotto pressione. Non sono tutti scarsi come le cifre potrebbero indicare, ma in taluni frangenti la palla pesa quanto una medicinale. Se non si hanno la giusta freddezza e il controllo delle emozioni, il rischio dell’errore aumenta esponenzialmente. Noi questo lo abbiamo pagato a caro prezzo, con un 11/33 contro la Georgia e 14/31 contro la Finlandia, partite perse di un niente.

Kazadi è risultato il miglior rimbalzista con 39 (23 difensivi e 16 offensivi), seguito da Jurkevitz con 29 e Cotture con 28. Che tipo di segnale è questo?

A livello di rimbalzi siamo quasi sempre stati superiori alle avversarie e questo è un segno di compattezza sotto le plance, per evitare secondi tiri. Però abbiamo prodotto pochi contropiedi, perché le aperture non sempre hanno funzionato. Chiaramente, come detto prima, avere un giocatore da due metri e 10 e 120 chili, cambierebbe anche questo aspetto; ma non l’abbiamo.

Il tiro da tre punti è un'arma letale per tutte le squadre?

È la moda, dopo il pick and roll che è comunque ancora in auge e che noi abbiamo sfruttato anche bene. Il tiro da tre è quello che permette vantaggi e recuperi, sempre che funzioni. Tutte le squadre ne fanno un grande uso e noi siamo fortunati ad avere giocatori come Kovac e i due Mladjan, che sanno essere micidiali. Poi tocca all’avversaria prendere le contromisure. Ovviamente se si fa 1/17 in un tempo, come nella nostra prima sfida contro la Finlandia, i punti persi sono o possono essere letali. Per noi, senza grossi pivot per giocare dentro l’area, è un’arma fondamentale e lo si è visto anche in gara 6.

Le avversarie sono lontane o vicine, al di là di formazioni più o meno al top?

Direi più vicine, se confrontate con il ranking, perché ce la siamo giocata contro tutte. Poi si è visto come l’assenza di Baldassarre e l’innesto di Kopponen dalla loro parte, abbiano permesso alla Finlandia di batterci con meno fatica. La Serbia e la Georgia che vedremo agli Europei, avranno ancora una qualità superiore alle squadre che abbiamo affrontato noi. Però abbiamo dimostrato di potercela giocare, perché per finire conta chi sta in campo, non il potenziale crack che non c’è. E questo è motivo d’orgoglio per tutti.

Il modo di arbitrare in Europa è molto diverso rispetto al nostro, blando e ondivago.

Usano un metro che permette la fisicità, ma non le spinte e le trattenute, i blocchi in movimento e altro. Bisogna sapersi adattare in fretta, altrimenti si va in bonus in un attimo, come abbiamo visto. Anche questo fa parte dell’esperienza che si acquisisce.

Lo staff tecnico ha funzionato?

Ottimamente. Con Stimac siamo sempre stati leali, oltre che e aperti a critiche e a trovare le soluzioni migliori; poi alla fine decidevo io. Ma stima reciproca e rispetto sono stati al top. Con l’arrivo di Corbari, poi, abbiamo avuto un confronto in più ed è stato positivo.

Qual è il tuo futuro? E quello di questa nazionale?

Per quanto riguarda il mio futuro, faremo un’analisi fra qualche settimana: si valuterà il tutto e si prenderanno decisioni. Per la nazionale si vedrà come allargare il parco giocatori e quali mezzi si avranno per continuare a costruire.

Restiamo in attesa per capire se questa nazionale avrà gli stessi condottieri o se si apriranno nuovi scenari. Di sicuro l’operato di Barilari e del suo staff va lodato, per aver saputo riportare interesse, entusiasmo e affetto verso la nazionale: i sogni di qualificazione a Eurobasket 2022 sono svaniti al tramonto, ma tutti sono pronti a farli rivivere in futuro.

 

 

 

 

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved