KYRGIOS N. (AUS)
0
TSITSIPAS S. (GRE)
1
2 set
(6-7 : 4-4)
SONEGO L. (ITA)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(1-6 : 0-1)
FLIPKENS K./TORMO S.
0
BENCIC B./SANDERS S.
1
2 set
(3-6 : 4-2)
a-questa-svizzera-e-sempre-mancato-qualcosa
Dusan Mladjan punto di forza della Svizzera (Ti-Press)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

L’Asf solleva Vogel dalla panchina della U17

Alla base della decisione una differente visione sull’implementazione della nuova filosofia di gioco
Atletica
7 ore

Caroline Agnou non ce la fa: niente Eugene per lei

Reduce da un infortunio ai Campionati svizzeri, l’eptatleta elvetica deve gettare la spugna per i Mondiali statunitensi
basket
22 ore

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
23 ore

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
23 ore

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
1 gior

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
1 gior

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
1 gior

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
calcio
1 gior

Lugano e Inter di fronte nella ‘Lugano Super Cup’

Il 12 luglio a Cornaredo si affrontano i vincitori della Coppa Svizzera e della Coppa Italia
Basket
21.02.2021 - 15:32
Aggiornamento: 17:17
di Dario ‘Mec’ Bernasconi

A questa Svizzera è sempre mancato qualcosa

La squadra di Gianluca Barilari ha però l'attenuante di alcune assenze di peso che le hanno tolto sostanza e peso, nell'una o nell'altra occasione

La Nazionale svizzera di basket lascia la corsa a Eurobasket 2022 con una vittoria e cinque sconfitte. Un torneo nel quale, in più di una gara, si è fatta del male da sola. Prendiamo due cifre: 11 su 33 nei tiri liberi nella prima gara contro la Georgia, partita persa all’overtime, dopo un gran recupero, 5 punti nell’ultimo minuto di gara; il 14 su 31 nei liberi nella prima sfida con la Finlandia e dopo essere stata avanti di 18 punti al 25’. Poi 1/17 da 3 nel secondo tempo, con i finnici a recuperare e vincere sulla sirena.

In gara tre l’exploit contro la Serbia, non la vera Serbia occorre pur dirlo, e vinta con una tripla di Dusan Mladjan allo scadere. Ma questa è stata una prova quasi perfetta, con il 56% da 3, 13 su 26, da urlo e chiave decisiva.

Nella quarta partita la sconfitta contro la Georgia, squadra che ha avuto ottime percentuali, ma calata nel finale dopo il +15, 75 a 60 al 33’. Recupero d’orgoglio, ma georgiani in controllo.

La quinta sfida, quella della sconfitta di venerdì contro la Finlandia, è dovuta a una scarsa attitudine difensiva e a una mancanza di aggressività nei primi 30 minuti, con i finnici a dominare nei due quarti centrali, +27 al 29’ e poi scarichi, cosa che ha permesso solo un buon recupero di carattere.

La partita di ieri contro la Serbia è stata di liquidazione: una Svizzera con molto carattere, priva di Marko Mladjan, capace di salire fino a +13 con 3 triple di Dusan Mladjan, 66-53 al 28’, ha ceduto, 13-1 di parziale al 34’, per chiudere 81-88. Uscita di scena di spessore da parte di tutti, e questo è un dato che va sottolineato.

Insomma è sempre mancato qualcosa, una volta Jurkevitz, nell’ultima Baldassarre, due giocatori importanti co perché esperti e capaci di agire nel clima internazionale: due assenze non sono un alibi ma un’attenuante.

Si è visto come manchi in troppi giocatori l’esperienza in gare di livello e, infatti, i migliori sull’arco del torneo sono stati, complessivamente e non con identica continuità, i fratelli Mladjan, Kovac, Kazadi, Baldassarre e Cotture, gente abituata alle sfide in Europa.

Ci è mancato una seconda guardia di spessore perché Jaunin e Zinn non hanno il fisico per l’Europa: Barilari ha puntato su Jurkevitz per compensare, ma non s’inventa un ruolo di peso in tre gare. Ci manca almeno un lungo di peso e lo si è visto contro gli avversari che hanno qualità tecnica e quantità (chili e numero) sotto le plance.

Infine, il metro arbitrale svizzero è lontano come Marte dall’Europa. In Elvezia si lascia che mettano le mani addosso, si spinge e si tira, si fanno blocchi in movimento e falli antisportivi che non vengono sanzionati, e così si paga dazio perché in Europa si gioca fisico ma non sporco, differenza essenziale fra basket e lotta libera. Per me lo staff tecnico non poteva fare molto di più, i se e i ma nei dopo gara lasciano spesso il tempo che trovano.

Insomma, la Nazionale è la somma di quanto riusciamo a produrre. Se siamo 61esimi nel ranking Fiba, mentre la Serbia, quella vera, è quinta, la Finlandia 34esimi e la Georgia 36esima, qualcosa deve pur significare.

Qualificazioni a Euro 2002, gruppo E

6ª e ultima giornata: Serbia-Svizzera 88-81 (39-41). Georgie -Finlandia xxxxx

Classifica: 1. Serbia 6/10. 2. mm

Nota: Georgia (paese ospitante), Serbia e Finlandia qualificate alla fase finale (1-18 settembre 2022)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
europei 2022 gianluca barilari svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved