laRegione
la-vittoria-di-gasparini-rialzatasi-per-la-terza-volta
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Atletica
2 ore

Ajla Del Ponte è pronta ad aggiungere altri mattoncini

La sprinter valmaggese si sta preparando (in Sudafrica) per una nuova stagione che per lei scatterà al coperto il 29 gennaio. Con un occhio rivolto a Tokyo
Hockey
3 ore

Due settimane di stop per il biancoblù Julius Nättinen

‘Solo’ una forte distorsione alle cervicali per il finlandese dell'Ambrì Piotta. Indisponibili pure Kneubuehler e Mazzolini
Hockey
3 ore

‘Preoccupato no, ma riconosco che mi manca qualcosa’

È un casco giallo un po' sbiadito quello di Mark Arcobello, topscorer del Lugano ma a secco di reti da sedici partite
Hockey
3 ore

Mondiali, marcia indietro dell'Iihf: niente Minsk

La Federazione internazionale ritira l'assegnazione dell'organizzazione alla Bielorussia. E valuta le opzioni di Danimarca e Slovacchia
Calcio
5 ore

La Nazionale due volte a San Gallo

Svizzera-Lituania per le qualificazioni agli Europei e Svizzera Finlandia (amichevole) al Kybunpark
Tennis
6 ore

La fase finale della Coppa Davis in tre città

Oltre a Madrid, due sedi europee ospiteranno due gironi a testa e due quarti di finale. Il Resto sarà concentrato nella capitale spagnola
Ciclismo
6 ore

Hirschi spalleggerà Pogacar al Tour de France

Il bernese nella scorsa edizione ha vinto la frazione di Sarran. Lo sloveno prenderà parte anche alla Vuelta
Calcio
7 ore

Paolo Tramezzani allenatore dell'Hajduk Spalato

L'ex tecnico bianconero e del Sion ha firmato per il club croato fino al 2022
Calcio
7 ore

Alain Nef nello staff dello Zurigo

Il 38enne ex difensore centrale proprio dell'Fcz ritiratosi nel 2019 è l'assistente allenatore della Under 18 tigurina
Tennis
10 ore

Alexander Zverev molla Roger Federer e si affida a Sergej Bubka

"Torno alle origini, mi sosterrà la mia famiglia". Il tedesco chiude la collaborazione con l'agenzia Team 8, fondata dal campione svizzero e dal suo manager.
Sci
10 ore

Sci: testato positivo il direttore delle corse di Coppa del Mondo

Markus Waldner in isolamento, non sarà presente al weekend di gare a Kitzbühel. Tampone negativo per le persone del suo entourage.
Hockey
21 ore

'Mondiali in Bielorussia? Senza di noi, però'

Dopo Skoda, anche l'azienda tedesca Liqui Moly minaccia di togliere la sponsorizzazione nel caso in cui Minsk dovesse ospitare il torneo a fine maggio
BASKET
1 gior

Massagno ko e Lugano ok, entrambe di misura

Spinelli battuta a Ginevra dopo essere rimasta in partita fino all'ultimo, Tigers in rimonta contro il Nyon
GALLERY
Hockey
1 gior

Ambrì: c'è la prestazione, non il risultato

Prova generosa e coraggiosa dei leventinesi, sconfitti 2-0 sul ghiaccio dello Zugo. In una domenica macchiata dall'infortunio di Nättinen
Calcio
1 gior

Il Lugano sopravvive al rigore invernale e fa 1-1 a Sion

Nella prima uscita del 2021 i bianconeri vanno sotto 1-0 al Tourbillon a causa di un'ingenuità di Daprelà, che poi però si rifà trovando il pareggio al 95'
GALLERY
Hockey
1 gior

Stavolta il Lugano si deve inchinare al Davos

Bianconeri sconfitti dai grigionesi per la prima volta in stagione: alla Cornèr Arena la domenica pomeriggio si conclude sul 2-4
TENNIS
1 gior

Australian Open al via come previsto, malgrado il confinamento

Si inizierà l'8 febbraio nonostante 72 giocatori in isolamento per casi di Covid-19 sugli aerei con i quali hanno raggiunto Melbourne
Sci
1 gior

Meillard sfiora il podio nel primo successo di Foss Solevaag

Il rossocrociato ha chiuso quarto lo slalom di Flachau a 19 centesimi dal terzo posto occupato dal francese Pinturault. Anche Aerni e Zenhäusern nei dieci
BIATHLON
1 gior

Benjamin Weger e un podio che mancava da nove anni

Il vallesano (31 anni) ha conquistato il terzo posto nella 15 km mass-start du Oberhof, alle spalle del norvegese Tarjei Bö e dell'austriaco Felix Letiner
SCI ALPINO
1 gior

Michelle Gisin sul podio ovunque, come Vreni Schneider

Terza sabato e seconda domenica, è diventata la seconda svizzera a chiudere almeno una volta tra le prime tre in tutte e cinque le specialità. Quarta Lara Gut-Behrami
CICLISMO
1 gior

Vertebra fratturata per Wilco Kelderman

Terzo all'ultimo Giro d'Italia, l'olandese è rimasto coinvolto con alcuni compagni in un incidente stradale nel corso di un campo d'allenamento in Italia
Calcio
2 gior

Asumah Abubakar, il calciatore che non sognava di diventarlo

Notato quasi per caso quando da bambino giocava nelle strade di Kumasi, il 23enne attaccante ganese è approdato a Cornaredo dopo un percorso tortuoso
Hockey
2 gior

A Lugano non è serata. E lo Zugo ringrazia

Quattro gol nel solo primo tempo segnano le sorti del venerdì sera, in una partita già ampiamente decisa dopo mezz'ora. Di Fazzini il gol della bandiera
Gallery
Hockey
2 gior

L'equilibrio lo spezza Knak, e il Davos passa alla Valascia

Poco ispirato in powerplay, l'Ambrì Piotta costretto alla resa contro i grigionesi. L'allungo decisivo nel terzo tempo
CALCIO
3 gior

Lugano, riprendere da dove si era lasciato (neve permettendo)

I bianconeri di Maurizio Jacobacci in campo domenica a Sion per il recupero del decimo turno di Super League: ‘Raggiungiamo la salvezza il più in fretta possibile’
Freestyle
04.12.2020 - 06:000

La vittoria di Gasparini, rialzatasi per la terza volta

La 23enne di Cadro è pronta al rientro (oggi a Ruka) dopo due anni di assenza dalla Coppa del mondo in seguito al terzo grave infortunio delle sua carriera

Domani attorno alle 15 (ora svizzera) Nicole Gasparini guarderà dall’alto al basso le gobbe della pista di Ruka, in Finlandia. E avrà già vinto. Sì perché se presentarsi al cancelletto di partenza di una gara di Coppa del mondo rappresenta un successo per qualsiasi giovane freestyler, figuriamoci per la 23enne di Cadro. Che di prove del circuito mondiale ne ha già affrontate undici, ma nessuna di queste negli ultimi 22 mesi, passati tra riabilitazione, fisioterapia e allenamenti per tornare quella di prima. Anzi, «più forte di prima», mette subito in chiaro “Niki”.

Più forte della ragazza che nel febbraio 2019, quando si apprestava a vivere il suo primo Mondiale da protagonista (a Deer Valley, nello Utah), si era vista crollare il mondo addosso per colpa di un atterraggio non perfetto in allenamento che le aveva procurato lo strappo dei legamenti crociati del ginocchio sinistro. Un colpo durissimo per una ragazza allora solo 21enne ma che già nelle annate 2014/2015 e 2016/2017 era stata costretta a saltare l’intera stagione (rassegna iridata compresa) a causa di due gravi infortuni al ginocchio, prima al destro e poi al sinistro. «Il primo passo è stato quello di decidere come procedere, perché a prescindere dal prosieguo dell’attività agonistica, dovevo “aggiustare” il mio ginocchio – ci racconta dalla Finlandia l’atleta della selezione rossocrociata, oltre che di TiSki –. Avendo già utilizzato i miei due tendini delle cosce per ricostruire i legamenti del ginocchio in occasione dei precedenti infortuni, assieme ai medici abbiamo deciso di prelevare quanto necessario da un “donatore” (un cadavere, ndr), anche per non andare a indebolire ulteriormente altre parti del mio corpo. Mi sono dovuta sottoporre a due interventi, il primo per chiudere i buchi nell’osso riasalenti all’operazione precedente e il secondo, tre mesi dopo, per ricostruire i legamenti».

Una riabilitazione diversa ma spinta dal sogno di sempre

E poi è iniziata la lunga riabilitazione, un percorso imprescindibile che purtroppo la ticinese conosceva già bene, ma che forse anche per questo ha deciso di affrontare in maniera differente rispetto alle due precedenti esperienze… «Sentivo il bisogno di provare a fare qualcosa di diverso e ho scelto di staccarmi dal comfort di casa e svolgere la riabilitazione a Winterthur, presso un struttura specializzata (il centro di MedBase Win4, ndr) nella quale praticamente nessuno mi conosceva a parte l’amica Camilla Gendotti, osteopata della squadra svizzera di moguls che mi ha pure ospitato in quei mesi e che era con me negli Stati Uniti quando mi sono fatta male. Ho preso questa decisione anche perché dovevo capire se tornare a sciare era davvero quello che desideravo e non volevo farmi influenzare da nessuno. Anzi a dire il vero dentro di me avevo già deciso di riprovarci, ma ci tenevo a farlo meglio, non valeva la pena tornare a un livello inferiore o anche uguale a prima, volevo darmi la possibilità di tornare più forte e sentivo che a Winterthur avrei trovato le condizioni giuste per farlo. Inoltre essendoci già passata, sapevo che durante un percorso di riabilitazione sono tanti i momenti difficili nei quali sei più fragile e anche più influenzabile, per cui ho voluto isolarmi in modo da avere la certezza di essere solo io a prendere le decisioni sul mio futuro. Ciò non toglie che come sempre il supporto della mia famiglia e degli amici, che paradossalmente sentivo più spesso di quando ero in Ticino, è stato importante».

Un percorso a ostacoli affrontato come detto non una, non due, ma ben tre volte, spinta dalla forza di un sogno che il dolore (non solo fisico) ancora non è riuscito a spezzare… «Devo ammettere che durante la riabilitazione ho avuto diversi dubbi, ci sono stati giorni in cui ho fatto più fatica e mi sono chiesta se ne valesse davvero la pena, però poi mi ricordavo perché ero arrivata fino a lì, ossia per realizzare il mio sogno più grande, partecipare alle Olimpiadi e questo mi ha aiutato ad andare avanti durante questa riabilitazione come in quelle passate».

‘Un po’ di tensione c’è, ma ho proprio voglia di godermela e di divertirmi’

Quella di domani sarà come detto la prima gara di Nicole da quasi due anni, con la sua ultima apparizione in Coppa del mondo che risale al 28esimo posto conquistato nella località canadese di Mont Tremblant il 26 gennaio 2019... «Un po’ di tensione, in particolare alla prima gara, c’è sempre anche se non si rientra da un infortunio, però devo dire che dopo due anni lontano dalle competizioni, il desiderio di tornare in pista supera di gran lunga la paura. Ho proprio voglia di godermela e di divertirmi senza mettermi troppa pressione. Ho svolto una bella preparazione estiva e mi sento bene, anche se purtroppo a causa delle restrizioni legate al Covid ho potuto passare meno tempo con gli sci ai piedi rispetto agli anni passati, e questo allenamento tra le gobbe e sui salti un po’ mi manca. A maggior ragione so che devo sfruttare ogni giorno in cui ho la possibilità di sciare per mettere chilometri nelle gambe e affinare i meccanismi. Di conseguenza non mi sono ancora posta obiettivi a livello di risultati, in questo momento il mio scopo principale è ritrovare il feeling di gara e con la pista, in modo da fare nuovamente il pieno di fiducia».

Poi, eventualmente, si potrà anche pensare a chiudere il conto in sospeso con i Campionati del mondo, la cui partecipazione le è sempre stata negata dagli infortuni. Una rassegna iridata in programma a metà febbraio nella prefettura cinese di Zhangjiakou (dove nel 2022 dovrebbero svolgersi le competizioni olimpiche) comunque a forte rischio a causa evidentemente della delicata situazione sanitaria mondiale e delle restrizioni (in particolare la quarantena obbligatoria di 14 giorni in entrata nel Paese) imposte dalla Cina… «Per qualificarmi devo ottenere due piazzamenti nelle migliori 24. Chiaramente sarebbe bello riuscire finalmente a partecipare a un Mondiale, ma partire con l’obiettivo di centrare la qualifica mi metterebbe solo addosso un’inutile agitazione che sarebbe controproducente. In questi anni ho imparato che l’importante è rimanere sereni e apprezzare quello che si fa, poi tutto, risultati compresi, arriva di conseguenza. Nella stagione 2018/2019 era successo così, ero tranquilla ed era arrivata la qualificazione».

Molto più di una squadra

Nicole Gasparini non è l’unica ticinese pronta a lanciarsi nella nuova Coppa del mondo, con lei c’è anche il 25enne di Tenero Marco Tadé, tre le promesse più grandi dello sport rossocrociato ma a sua volta frenato da più infortuni (ha comunque già in bacheca un bronzo ai Mondiali 2017), l’ultimo dei quali nel 2018 a pochi giorni dalle Olimpiadi di Pyeongchang… «Io e Marco ci siamo sempre un po’ alternati con gli infortuni e in pratica questa è la prima stagione che ci apprestiamo a vivere assieme, pur conoscendoci dal 2006. Il percorso simile in ogni caso ci ha avvicinato, sappiamo cosa significa e ci supportiamo, è bello poter iniziare questa stagione insieme e sono certa che arriveremo entrambi in fondo».

Una selezione quella rossocrociata di moguls che come ormai da tradizione è praticamente un feudo ticinese, con Nicole e Marco unici due atleti di Cdm e uno staff quasi interamente di casa nostra. Salutato lo storico allenatore Andrea Rinaldi (passato all’importante ruolo di direttore di gara della Fis, quindi comunque presente sulle piste della Coppa del mondo), la guida tecnica è affidata a Giacomo Matiz (ex atleta della nazionale italiana che per anni si è allenato con quella svizzera), mentre della parte acrobatica si occupa Juan Domeniconi. C'è poi la già citata Camilla Gendotti in qualità di fisioterapista… «Quando ho frequentato il primo corso di freestyle alla scuola Eyfa (European Youth Freestyle Academy, ndr) di Andrea Rinaldi, Giacomo era un atleta 20enne e fungeva da aiuto allenatore. In seguito siamo stati anche compagni di squadra, di conseguenza si è creato un bel rapporto ed è fantastico averlo ora come tecnico, mi conosce bene e sa capirmi. Ma è lo stesso anche con Juan e Camilla, più che un team il nostro è una piccola famiglia e questo aiuta molto, soprattutto nei momenti difficili».

Chi invece non fa più parte (perlomeno non fisicamente) dell’affiatato gruppo è Deborah Scanzio, ritiratasi nel marzo 2018 dopo poco meno di una ventina d’anni passati sulle gobbe di mezzo mondo… «Ma mi è sempre vicina, siamo persino diventate compagne di scuola in quanto quest’anno ci siamo iscritte entrambe al Bachelor di Leisure (termine che raggruppa i settori dell’intrattenimento e del turismo, ndr) Management della Supsi, per cui ci sentiamo quasi più di prima e ho la fortuna di poter continuare a contare su di lei».

Già, però domani pomeriggio, quando guarderà dall’alto al basso le gobbe della pista di Ruka, Niki sarà sola con il suo sogno. O forse no.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved