laRegione
la-svizzera-e-una-bomba-e-il-successo-sulla-serbia-e-storia
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Lugano, anche a Rapperswil niente da fare

Sotto 2-0 dopo 13', i bianconeri sono costretti nuovamente alla resa. Alla squadra di Pelletier non bastano le reti di un ritrovato Arcobello e di Morini
HOCKEY
4 ore

Ambrì, questa è una vittoria importante

I leventinesi sconfiggono all’overtime per 2-1 il Langnau. Decide una doppietta di Kostner.
Sci alpino
7 ore

Rossocrociati primi non certo per caso

Al giro di boa della stagione la Svizzera guida con un buon margine sull'Austria la classifica per nazioni. Reusser: ‘La squadra è vincente in ogni settore’
CALCIO
7 ore

Lugano, rientra l'emergenza a centrocampo

Gli infortuni a Sabbatini e Custodio, oltre alla squalifica di Lovric, avevano preoccupato Jacobacci. Ma entrambi hanno recuperato e contro l'Yb ci saranno
CALCIO
8 ore

Al Duhail o al Ahly sulla strada del Bayern Monaco

Effettuato il sorteggio del Mondiale per club (4-11 febbraio). I neozelandesi dell'Auckland rinunciano a causa della quarantena al loro rientro in patria
CICLISMO
9 ore

Thibaut Pinot dice di no al Tour de France

Il francese, beniamino del pubblico, ha deciso di rinunciare alla Grande Boucle e di incentrare la stagione sul Giro d'Italia
BASKET
10 ore

Arbitraggio, in Svizzera si va a spanne

Anche chi in campo europeo eccelle, come Clivaz, da noi è incline a dimostrare il suo potere. E per tecnici e giocatori, adeguarsi diventa un'impresa
Calcio
10 ore

Manata a un avversario: due partite di sospensione per Leo Messi

L'argentino era stato espulso domenica nei tempi supplementari per la prima volta da quando indossa la maglia del Barcellona
Calcio
12 ore

San Gallo-Lugano anticipata a domenica

Inizialmente prevista il 6 febbraio, subentra nella data prevista per Lucerna-Lugano rinviata causa quarantena della squadra di Celestini
Calcio
13 ore

Coppa Svizzera, Chiasso-Lucerna giovedì 11 febbraio

L'Asf ha fissato cinque ottavi di finale, ma quelli che vedono coinvolte le squadre dei campionati amatoriali (tra cui Monthey-Lugano) slittano ancora
Tennis
14 ore

Australian Open sotto pressione: anche due giocatori positivi

Tensione anche tra tennisti: 'Djokovic è un cretino' twitta Kyrgios. Non si placano le critiche per l'arrivo sul continente di tanti stranieri in vista del torneo.
Gallery
Calcio
20 ore

Paolo Righetti: ‘Ac Bellinzona al lavoro settimana prossima’

Il campionato di Promotion League riparte forse solo in aprile. ‘Ripartire, per dare un segnale, per la condizione e per il morale’
Atletica
1 gior

Ajla Del Ponte è pronta ad aggiungere altri mattoncini

La sprinter valmaggese si sta preparando (in Sudafrica) per una nuova stagione che per lei scatterà al coperto il 29 gennaio. Con un occhio rivolto a Tokyo
Hockey
1 gior

Due settimane di stop per il biancoblù Julius Nättinen

‘Solo’ una forte distorsione alle cervicali per il finlandese dell'Ambrì Piotta. Indisponibili pure Kneubuehler e Mazzolini
Basket
29.11.2020 - 17:080

La Svizzera è una 'bomba' e il successo sulla Serbia è storia

La selezione di Gianluca Barilari supera i vice campioni olimpici nelle qualificazioni a Euro 2022 grazie al tiro da tre, con la tripla decisiva di Dusan Mladjan

Storica vittoria della nazionale svizzera di fronte a una nazione che è fra le regine del basket mondiale, la Serbia. Un successo quello conquistato nelle qualificazioni agli Europei del 2022 nella bolla di Espoo, che resterà negli annali, come quello contro la Russia un decennio fa, perché negli annali non sta scritto come erano o non erano formate le squadre. Infatti, per dovere di cronaca, è giusto sottolineare che la compagine affrontata sabato è solo lontana parente di quella "vera", formata per lo più da giocatori che militano nella Nba. Ma, come si suol dire, sono fatti serbi e non certamente tali da inficiare una vittoria che è tutta da godere.

Anche perché la squadra di Gianluca Barilari ha disputato una super partita, senza quasi mai perdere il filo del discorso e con una determinazione che è frutto di una costruzione tecnica e mentale della quale va dato merito al coach e al suo staff. La Svizzera ha condotto la gara per quasi 30 minuti, segno evidente di una forza sul campo che ha messo in difficoltà l’avversario. Una selezione rossocrociata in stato di grazia dalla lunga distanza, perché i punti oltre la linea dei 6,75 m sono stati determinati: il 13/23 finale, 56%, è una cifra da capogiro per le nostre abitudini e ha segnato la differenza fra le due squadre; il 9/23 dei serbi non è per nulla scadente, ma la differenza è sostanziale, perché nelle altre cifre, per quel che possono contare, l’equilibrio è stato evidente.

I rossocrociati fanno la differenza dalla lunga distanza

Il primo quarto è stato caratterizzato da una raffica di triple, aperta da Kovac e proseguita con i fratelli Mladjan: tre di Marko e una di Dusan, controbilanciata da tre bombe serbe: 6/7 da 3 per i nostri (anche in senso ticinese, se vogliamo) per un 28-25 molto inusuale in sfide di questo genere. Il secondo quarto è stato in rimonta per i serbi che dal 31-25 in entrata sono arrivati al 36-40 al 4’. Timeout di Barilari e Svizzera subito rimessa in corsa, con un parziale di 8-0 che dal 41-44 al 7’ è passato al 49-44 alla pausa.

Ad aprire le danze nel terzo quarto ci pensano Cotture e Kovac con 2 triple: +9 al 2’. Poi è uno stillicidio di tiri liberi fino alla sirena, perché i serbi mettono ne mettono 14 dalla lunetta e gli elvetici 9 per il 73-72 all’ultima pausa. Quarto conclusivo da brividi, aperto da 5 punti di Kazadi (78-74). Dopo la tripla di Marko Mladjan la Serbia si scuote e fa 7-0: 83-85 al 5’. Ma Dusan e Kovac mettono ancora due triple e si torna avanti, 90-85 al 7’. Quattro palle perse da una parte e due dall’altra, perché la tensione non è una parola vuota, fanno sì che il risultato si muova poco: sul 90 pari a 46” dalla sirena, Baldassarre sbaglia due liberi, però è lo stesso giocatore che costringe l’avversario a perdere palla a 21”. La sfera gira, Marko Mladjan penetra sul fondo e poi scarica al fratello nell’angolo: Dusan si alza e infila il 92-90 a 5 decimi dalla sirena. La disperata rimessa serba finisce nelle mani di Baldassarre e il trionfo è servito.

'Successo storico merito di tutta la squadra'. Ora testa alla Georgia.

Facce incredule da parte serba, estasi su quelle rossocrociate. Una vittoria costruita con grande attenzione, con un passaggio a vuoto quando ognuno se ne è andato per conto suo ma subito arginato grazie al coach, che ha rimesso la squadra in carreggiata. «È stata una vittoria soffertissima e non poteva essere altrimenti – ci dice Barilari –. Devo ringraziare tutta la squadra per come si è comportata in campo, dove ognuno ha portato il suo mattone. Non conta se è stato in campo 21” come Gravet o 25 minuti come altri. Se vinci di due punti significa che tutti sono stati necessari per costruire questa vittoria che è certamente storica per tutto il basket elvetico».

Dopo l’euforia del sabato, bisogna subito trovare la concentrazione per la sfida di domani con la Georgia, al comando del gruppo E a punteggio pieno dopo il successo 91-85 sulla Finlandia. Metabolizzata la vittoria? «Diciamo che non è facile restare con i piedi per terra dopo un successo di questo spessore: sappiamo di aver fatto la storia. Ma il presente è quello che conta e se vogliamo continuare a credere nel traguardo dell'Europeo dobbiamo vincere contro la Georgia e recuperare così le due sconfitte (dello scorso febbraio contro la stessa Georgia e la Finlandia, ndr)».

Che gara sarà? «Anche la Georgia aveva battuto la Serbia e quindi… siamo alla pari – afferma ridendo Barilari –. «Contro di loro abbiamo sfiorato la vittoria nella gara d’andata, speriamo di riscattarci stavolta. Sappiamo della loro forza ma siamo anche consapevoli della nostra: abbiamo dimostrato di saper giocare a basket e di farlo bene. Ora dobbiamo ripeterci e se riusciremo a essere concreti per 40 minuti, nessun risultato ci è precluso».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved