SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Qatar 2022
7 ore

Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’

Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
8 ore

Che umiliazione

La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
11 ore

I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa

Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
QATAR 2022
13 ore

La lunga marcia del calcio asiatico non è ancora finita

Dopo un Mondiale iniziato in maniera molto promettente, Australia, Giappone e Corea del Sud si sono infrante sul muro degli ottavi di finale
QATAR
14 ore

Eto’o colpisce uno youtuber, il video diventa virale

L’uomo, un algerino, lo aveva provocato sull’arbitro dello spareggio Algeria-Camerun che molti ritengono essere stato comperato
Angolo Bocce
14 ore

Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria

La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
QATAR 2022
15 ore

Il Manchester United vorrebbe Yann Sommer già da gennaio

L’accordo tra il portiere rossocrociato e il Borussia Mönchengladbach scadrà a fine stagione, proprio come quello di David de Gea con i Red Devils
Hockey
15 ore

Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler

Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
16 ore

Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria

Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
16 ore

I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo

Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CICLISMO
04.10.2020 - 17:41
Aggiornamento: 18:41

Sanzionato Alaphilippe, beffato Hirschi, beato Roglic

Alla Liegi vince lo sloveno che beffa il francese troppo sicuro del successo. Il campione del mondo retrocesso per aver ostacolato l'elvetico, alla fine secondo

sanzionato-alaphilippe-beffato-hirschi-beato-roglic

Clamoroso finale alla Liegi - Bastogne - Liegi. Sul traguardo della Doyenne, il campione del mondo Julien Alaphilippe alza le braccia al cielo convinto di aver vinto, ma il colpo di reni finale di Primoz Roglic gli strozza in gola l'urlo di gioia. Peccato che pochi metri prima, all'inizio della volata, lo stesso Alaphilippe, con un brusco scarto a sinistra, avesse costretto Marc Hirschi a bloccarsi, proprio quando sembrava che il bernese fosse sul punto di uscire in sorpasso. Un gesto che è costato al transalpino una penalità e la retrocessione al quinto posto in classifica. Una sanzione che, però, non ripaga il rossocrociato che deve accontentarsi di un secondo posto oltremodo amaro. Sì, perché ancora una volta Hirschi è stato protagonista e dopo la vittoria di mercoledì alla Freccia vallona è andato a un non niente dal suo primo successo in un Monumento. Alla fine ha trovato posto, per la terza gara consecutiva, su uno dei gradini del podio, a ulteriore dimostrazione delle sue qualità tecniche e fisiche, ma un pizzico di amaro in bocca non può certo mancargli. «Non ho visto le immagini televisive – ha commentato Hirschi –. Ero attaccato alla ruota di Julian, ho voluto lanciare il mio sprint e lui si è spostato sulla sinistra quando eravamo molto molto vicini. Purtroppo è andata così, in uno sprint sono cose che possono succedere. La giuria ha analizzato le immagini e ha preso una decisione: loro sono gli esperti, per cui la loro decisione è certamente quella più corretta».

In una Liegi corsa sotto un cielo plumbeo, con qualche goccia di pioggia e con temperature piuttosto basse, la gara si è decisa sull'ultima delle undici côte in programma, la Roche-aux-Faucons. Ad aprire il gas è stato Alaphilippe, al quale ha risposto soltanto Hirschi. In un secondo tempo sono rientrati anche Woods, Pogacar, Roglic e Kwiatkowski. Nel falsopiano susseguente alla salita, è stato l'elvetico a provare l'allungo, portandosi a ruota il campione del mondo. I due non hanno però potuto tagliar fuori Pogacar e Roglic. Negli ultimi 10 km il quartetto ha collaborato per mantenere un vantaggio di una ventina di secondi nei confronti di un gruppetto trainato da Mathieu van der Poel. All'interno dell'ultimo chilometro i quattro hanno iniziato a studiarsi, ciò che ha favorito il ritorno dell'altro sloveno Matej Mohoric,  il primo a lanciare la volata. Poi, come detto, l'irregolarità di Alaphilippe che ha tagliato fuori Hirschi e la beffa finale con la vittoria di Roglic. Peccato, perché dalla Roche-aux-Faucons in avanti il più forte era sembrato essere proprio il rossocrociato che ha così perso un'occasione enorme per scrivere il suo nome nell'albo d'oro di quella che viene considerata come la classica più dura e difficile dal calendario.

Gli svizzeri si erano già messi in evidenza prima dello scatto di Hirschi. Michael Schär e Gino Mäder si sono infatti intrufolati nella fuga di giornata, formata da otto corridori. I due elvetici hanno in seguito lasciato la compagnia degli altri fuggitivi e poco prima degli ultimi 50 km Schär si è sbarazzato anche del connazionale, anche se la sua azione si è esaurita non molto dopo. In luce pure Michael Albasini che con la Liegi 2020 ha messo la parola fine alla carriera agonistica e che dal 2021 diventerà il selezionatore della Nazionale rossocrociata. Il turgoviese (40 anni il 20 dicembre), secondo nella Doyenne 2016, ha attaccato a 27 km dalla conclusione, ma la sua azione si è esaurita quattro chilometri più tardi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved