laRegione
Nuovo abbonamento
un-pugno-che-fa-bene
Ti-Press/Crinari
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
9 ore
Covid-19, contagiato anche un giocatore dello Xamax
Il club neocastellano lo ha rivelato in un comunicato. Mantenuta segreta l'identità. Nell'anticipo il Basilea batte 4-0 uno Zurigo con in campo cinque U21
CALCIO
13 ore
Arriva il Thun, basta regali
Dopo aver subito 9 reti in 3 partite, il Lugano vuole ritrovare la tradizionale solidità difensiva. Maurizio Jacobacci: 'Grinta, cattiveria e concentrazione'
Tennis
14 ore
Swiss Indoors definitivamente annullati
L'edizione del 2021, la numero 50, è in programma dal 23 al 31 ottobre
Golf
14 ore
Scialanga e Bono campioni ticinesi
I campionati ticinesi assoluti ospiti del Golf Patriziale di Ascona. In gara anche cinque coppie della categoria Special
Hockey
15 ore
Bionda rinnova con i Rockets, De Luca in prestito dal Bienne
L'attaccante classe 1997 disputerà la quarta stagione in rossoblù, il talento dei 'seeländer' si è distinto negli Elite U20
Calcio
15 ore
Basilea-Lugano si gioca domenica 26 invece di sabato 25
Zurigo-Sion verrà recuperata martedì 28 luglio. Bianconeri al St. Jakob con un giorno di ritardo, domenica 26 luglio
Atletica
15 ore
Meuwly: 'Ajla è entrata in una nuova dimensione'
L'allenatore della sprinter ticinese Del Ponte: 'I suoi non sono tempi che si ottengono per caso. Lavora per essere competitiva nei grandi appuntamenti'
Calcio
18 ore
Zurigo in campo a Basilea con sei della prima squadra
L'U21 sarà rinforzata da chi non aveva preso parte alla partita contro lo Xamax. Tra questi, Antonio Marchesano, Pa Modou e Marco Schönbächler
Hockey
1 gior
Coronavirus, in National Hockey League positivi 43 giocatori
In attesa della ripresa del campionato (il 1° agosto, con i playoff), effettuati oltre 600 tamponi
Podismo
1 gior
Il coronavirus ferma la maratona di Chicago
La corsa si sarebbe dovuta svolgere l'11 ottobre, ma a causa della pandemia gli organizzatori hanno gettato la spugna
Calcio
1 gior
Campana: 'L'integrità della competizione è compromessa'
Il direttore bianconero: 'A Basilea e contro lo Young Boys lo Zurigo si presenterà con l'Under 21. Non credo che a San Gallo facciano salti di gioia'
Calcio
1 gior
Ucciso Christopher, fratello di Serge Aurier del Tottenham
Anche lui calciatore (ma in quinta divisione), il 26enne è stato ferito a morte da due colpi alle spalle nei pressi di un dancing a Tolosa.
Hockey
1 gior
Rockets-Ambrì e Rockets-Lugano l'8 e 9 agosto
Due test particolarmente attesi apriranno la serie estiva di partite amichevoli della squadra di Eric Landry
Automobilismo
1 gior
Chiesa: 'Soddisfatto del lavoro svolto al Mugello'
Il pilota ticinese si sta preparando ad affrontare il Campionato Italiano Gran Turismo Sprint 2020 la cui prima tappa sarà a Misano a fine luglio
Atletica
1 gior
Hartmeier primatista ticinese U20 nel giavellotto
La giovanissima esponente della Virtus di Locarno ha scagliato l'attrezzo a 37m60. Irene Pusterla (Vigor) vince il lungo con 6m18
Ciclismo
1 gior
Pellaud e Stasny vincono la Grono-Rossa
Grande successo per la quarta edizione della Grono-Rossa, prima gara del calendario di Ticino Cycling dopo la pausa forzata per la pandemia
Hockey
1 gior
Pius Suter saluta tenta l'avventura della Nhl
L'attaccant 24enne fa valere la clausola rescissoria e lascia i Lions, con cui aveva vinto il titolo nel 2018
Ciclismo
1 gior
Stefan Küng al via della cronometro iridata
Niente gran finale del Tour de France per il turgoviese, che punta sull'appuntamento iridato di Aigle-Martigny
Calcio
1 gior
Il Tas 'grazia' il Manchester City: l'Europa ci sarà
Il Tribunale dello sport autorizza il club inglese a prendere parte ai tornei continentali
Hockey
1 gior
Il canadese Eric Fehr un altro anno alle Vernets
Il Ginevra Servette conferma l'attaccante 34enne, e completa così il suo quartetto di stranieri
FORMULA 1
2 gior
Lewis Hamilton, senza storia e con poche emozioni
Il britannico parte in testa e domina il Gp di Stiria, seconda prova del Mondiale. Harakiri Ferrari: al primo giro Leclerc tocca Vettel, fuori entrambi
CALCIO
2 gior
Partita rinviata per Covid-19 nel torneo della Mls
Negli Stati Uniti un test positivo e un secondo caso sospetto fermano la sfida tra Dc United e Toronto
Gallery
Calcio
2 gior
Questo Lugano fa e disfa, alla fine è 'solo' pareggio
Bianconeri in doppio vantaggio alla pausa, sul 3-0 al 47', ma beffati dalla rimonta del Lucerna (3-3) trascinato da Schürpf. Palo di Lavanchy al 93'
CICLISMO
2 gior
Stefan Küng firma il poker ai 'nazionali' a cronometro
A Belp ha preceduto Dillier e Bissegger. Tra le ragazze juniores, terzo posto per la ticinese Linda Zanetti
FORMULA 1
2 gior
Hamilton domina il Gran premio di Stiria
Il britannico vince davanti al compagno di squadra Bottas. Al primo giro Leclerc tocca Vettel e le Ferrari sono costrette al ritio
Gallery
Calcio
2 gior
Renzetti: 'Faranno di tutto per farci proseguire'
A meno di due ore dal calcio d'inizio di Lucerna-Lugano, ci si interroga sul prosieguo di una stagione macchiata dal caso Kryeziu
CALCIO
2 gior
Il futuro del Manchester City nelle mani del Tas
Attesa per domani mattina la sentenza del Tribunale dello sport sul ricorso del club inglese, il quale rischia due anni di sospensione dalle Coppe europee
ATLETICA
2 gior
Ajla Del Ponte brilla anche a Bulle
Al meeting della Gruyère la ticinese ha corso i 100 metri in 11''08 miglior prestazione europea della stagione
CALCIO
4 gior
Casi di Covid-19 a Zurigo e Gc, rinviate le partite
Le due squadre in quarantena fino al 17 luglio a seguito della malattia di Mirlind Kryeziu e Amel Rustemoski
FORMULA 1
4 gior
Racing Point da urlo? C'è una spiegazione
Lawrence Stroll ha costruito una trama di alleanze che porterà alla futura Aston Martin il know-how della Mercedes. Intanto, in Austria Verstappen è il più veloce
CALCIO
4 gior
A Lucerna il Lugano non vuole partire battuto
Dopo la bella prestazione contro il San Gallo, i bianconeri puntano a un successo in trasferta che li avvicinerebbe di molto all'obiettivo finale della salvezza
CALCIO
4 gior
Primo caso di coronavirus in Super League
Il difensore dello Zurigo Mirlind Kryeziu positivo al Covid-19. Ha sintomi lievi e si trova in quarantena
CALCIO
4 gior
Per il Basilea c'è il Wolfsburg o lo Shakthar
Europa League, effettuato il sorteggio per i quarti di finale. I renani nel ritorno degli ottavi devono difedere il 3-0 contro l'Eintracht
Pugilato
29.12.2018 - 11:150

Un Pugno che fa bene

Tiago Pugno, 25enne pugile locarnese, racconta la svolta della sua vita, prima ancora che di una carriera che ha obiettivi ambiziosi, Olimpiadi su tutti

Tiago Pugno ha una carriera da affrontare, e un profilo sportivo da raccontare. Ma, soprattutto, ha uno spaccato di vita che facile da raccontare non è, perché contiene episodi di violenza giovanile, con strascichi nella giustizia penale. Esperienze toste, intime, che segnano. La cui condivisione non può essere banale.È pur vero che la sua storia potrebbe essere confusa con la sceneggiatura di un film di seconda categoria basato sull’eroe che sbanda pericolosamente, svolta e infine si riscatta, ma nel percorso umano di un giovane che con il pugilato (e con la vita) ha deciso di fare sul serio, non c’è nulla di inventato. Né di retorico. «In casi come il mio – racconta Tiago – si tende a parlare di cattive compagnie. In realtà, ho attraversato un periodo in cui non sapevo bene cosa volevo, ero in lotta soprattutto con me stesso. La compagnia incide, sì, ma principalmente il problema ero io. Non addosso colpe particolari agli altri, la responsabilità delle mie azioni era soprattutto mia. Cominciai a 16/17 anni, fino ai 22, tre anni fa. Parte della mia aggressività è riconducibile all’adozione. I miei genitori mi sono sempre stati vicini, sono stati affettuosi, mi hanno supportato. Dentro di me, però, qualcosa mi è sempre mancato, lo sento ancora oggi. L’incertezza, non sapere bene chi sei... Sensazioni che mi hanno causato un po’ di irrequietezza. Il rapporto con i miei genitori adottivi è tuttora molto buono. Padre e madre naturali, invece, non li conosco. Ho avuto la possibilità di avvicinarli, in Brasile, ma ho preferito non farlo. La facevo un po’ più facile di quanto invece non fosse: vado giù, li incontro, li conosco... Ma non è così semplice».

La svolta coincide con un episodio preciso.

La sveglia me l’hanno data le autorità, nel giorno in cui mi sono ritrovato in stato di fermo. Sono stato posto di fronte a un ultimatum, a un bivio. Le strade da imboccare erano due: o finisci in galera, o ti tiri fuori. Ho trascorso una giornata in gattabuia, e in quelle ore mi sono chiesto cosa volessi fare della mia vita. Se fosse quello, il tipo di vita che volevo, o se invece non fosse il caso di tirarmi fuori e dimostrare che come persona valgo di più, e che come sportivo posso ottenere qualcosa di importante. Da solo, chiuso in una stanza molto piccola, mi sono guardato dentro e ho deciso di rimboccarmi le maniche per fare capire che valgo di più, che sono di più

Qualcosa è scattato in testa.

All’inizio ci ho messo un po’ a capire la gravità della situazione in cui mi ero cacciato. Le cose che facevo in giro, le consideravo delle bravate, non le ritenevo così gravi. Tra ragazzi si litigava, niente di particolarmente grave (attimo di riflessione, ndr). O meglio, grave sì, ma non è mai successo niente di così irreparabile. Quando sono finito dentro, mi sono svegliato. Ho smesso di dare la colpa agli altri, al mondo, come a volte i giovani sono soliti fare, per comodità. Mi sono detto che il problema non erano gli altri, bensì io. Mi sono rimboccato le maniche, ho lasciato perdere tutto quello che prima occupava il mio tempo senza restituirmi nulla in cambio. Ho detto agli amici che avrei preso un po’ le distanze, spiegando loro che avevo voglia di dimostrare di essere una persona migliore di quella che erano abituati a frequentare, per finalmente fare in modo che la gente potesse parlare di me in termini positivi, dopo tanta negatività.

Lo sport può essere d’aiuto.

So che con lo sport posso rappresentare tutti quelli che credono in me, e voglio esserne degno. Molti mi scrivono, leggono dei miei risultati, mi fanno i complimenti per il cambiamento che ho fatto. Tanti di loro, sono gli stessi con cui in passato avevo delle discussioni. Un messaggio che ho ricevuto diceva: “Sono contento di vedere che stai investendo forze ed energie in qualcosa di veramente bello. Sono contento che sia tu a rappresentarci quando partecipi a tornei internazionali”. Mi ha fatto molto piacere. La gente sta cambiando opinione su di me. Voglio lavorare affinché capisca che sono una persona diversa, uno sportivo vero, che fa le cose sul serio.

È cambiato anche il modo di combattere?

Pugilisticamente ero testardo e presuntuoso. Non ascoltavo, ero convinto di sapere già tutto. Quando l’asticella si è alzata, ho capito che la mia presunzione non portava a nulla. Sono cambiato dal punto di vista emotivo e psicologico, e questo ha comportato anche la svolta sul piano fisico e tecnico. Ho iniziato a costruire la casa, mattone dopo mattone. Sento di essere già arrivato a buon punto, ma so di poter fare di più, e voglio farlo. Se penso alla persona che ero, sono sempre più convinto che la strada imboccata sia quella giusta, e continuerò a lavorare in questa direzione.

Tiago è seguito da un team di collaboratori.

Sì, siamo il ‘team Pugno’. Essendo pugile, ci chiamiamo così, ma senza prenderci troppo sul serio. L’apporto delle persone che mi seguono è però fondamentale. Il mio contributo a una mia vittoria lo quantifico con il 10 per cento. Il resto è merito di chi mi accompagna (Albano Dazzi, che gestisce la palestra EverFit di Sant’Antonino, Giovanni Laus, allenatore, Andry Menin, preparatore tecnico, Antonio Liucci, preparatore atletico anche di alcuni calciatori di Super League, tra i quali i ticinesi Djuric dello Xamax e Marchesano dello Zurigo). Se sul ring so esattamente cosa devo fare, è perché l’abbiamo fatto e rifatto in allenamento. Tutti loro conoscono bene la mia storia. Laus non si capacitava del fatto che sprecassi il mio talento. In me ha sempre visto una persona con delle qualità, intelligente, con un potenziale umano, con cui è gradevole parlare. Fino al momento della “rinascita” non me ne rendevo conto. “O cambi, o sei fuori”: me lo sono sentito ripetere anche da loro.

Il monito ha sortito l’effetto desiderato

So cosa devo fare, so come migliorare. So che per progredire mi devo fidare di loro. Ho messo da parte le uscite con gli amici, anche quelle più innocenti, per semplicemente bere qualcosa, perché non mi davano nulla. E anche perché vi era il rischio che non fossi io stesso in grado di gestire la serata o il nervosismo, anche di altre persone. Mi sono detto: rimango a casa, ritrovo me stesso, e mi concentro su quello che è diventato il mio vero obiettivo. Mi alzo presto al mattino, vado a correre, conduco una vita regolare. In quel momento stava nascendo mio figlio. Si poneva anche la questione di quale esempio volessi dargli, di quale persona volessi essere. Avevo più ore per allenarmi, più energie, più forza. Ho curato aspetti determinanti quali le ore di sonno, l’alimentazione. È stato un cambiamento radicale, anche psicologico. Sento di non aver più bisogno delle cose che facevo prima. Non sono recluso in casa, ma se esco lo faccio con testa, e rientro presto. Frequento gli stessi locali di prima, ma è bello notare il diverso atteggiamento delle persone nei miei confronti: erano chiusi, prevenuti, ora invece mi accolgono, si interessano ai miei risultati.

Antonio Liucci, figura chiave.

Lavoravo con lui già in passato. Mi ha dato una mano a trovare lavoro, sono nello staff della sua palestra (Tiago segue la scuola di istruttore fitness a Lugano, ndr). Gli ho detto di volermi giocare tutto, di avere tanto da dare. Ha sempre creduto in me. Mi è venuto incontro e mi sta ancora oggi dando una grossa mano. A patto, però, che faccia le cose sul serio («Altrimenti è fuori», ha confermato Antonio. Per me è un po’ di tutto: certamente è un grande amico. Ci sentiamo più volte al giorno, mi sa capire, riesce anche a cogliere eventuali difficoltà di ordine psicologico. Gestisce la mia attività a 360 gradi. In un giorno in cui mi ha visto un po’ demoralizzato, mi ha dato una grande mano, mi ha motivato affinché mi ripresentassi carico e ben disposto. Era la settimana dopo il titolo svizzero di Locarno. Ero stato a Thun per le qualificazioni, avevo preso un po’ di freddo, non ero al meglio. Prima di un match ti arrivano addosso tutte... Sauna, bagno turco... Le ho provate tutte per recuperare in fretta, ma non ero al cento per cento. Lui ha saputo motivarmi e “tirarmi fuori” da quello stato.

'L'avversario sul ring mi aiuta a esprimere quello che sono'

Europei, Mondiali, Olimpiadi, sono gli obiettivi di Tiago Pugno. Ambiziosi ma concreti. «Gli “European Games” – dal 14 al 30 giugno 2019 a Minsk, in Bielorussia – sono una prima importante tappa. Non sarà facile. In un ritiro in Irlanda con la selezione nazionale ho visto all’opera alcuni dei miei potenziali avversari. Forti, ma non irraggiungibili. A casa degli altri non volano i divani, come siamo a volte portati a credere. Con Antonio (Liucci, ndr) abbiano già impostato il lavoro: mi ha detto chiaramente che i sacrifici che ho già fatto non sono nulla di fronte a quelli che mi attendono. Voglio fare un bel risultato: per me, per la Svizzera, per il Ticino. Mi piace rappresentare la Svizzera, sono fiero di combattere con i colori rossocrociati».Europei, Mondiali, Olimpiadi, sono gli obiettivi di Tiago Pugno. Ambiziosi ma concreti. «Gli “European Games” – dal 14 al 30 giugno 2019 a Minsk, in Bielorussia – sono una prima importante tappa. Non sarà facile. In un ritiro in Irlanda con la selezione nazionale ho visto all’opera alcuni dei miei potenziali avversari. Forti, ma non irraggiungibili. A casa degli altri non volano i divani, come siamo a volte portati a credere. Con Antonio (Liucci, ndr) abbiano già impostato il lavoro: mi ha detto chiaramente che i sacrifici che ho già fatto non sono nulla di fronte a quelli che mi attendono. Voglio fare un bel risultato: per me, per la Svizzera, per il Ticino. Mi piace rappresentare la Svizzera, sono fiero di combattere con i colori rossocrociati».Un match vinto a Minsk apre le porte dei Mondiali. «Sì, ma è presto per dire se sarà sufficiente anche per le Olimpiadi. Potrebbe essere necessario vincere un match anche ai Mondiali».Tiago è membro dei quadri nazionali di Swiss Boxing, con cui prende parte regolarmente a tornei internazionali. Ma non sono state solo rose e fiori, nemmeno lì. «Ho purgato un anno di sospensione della licenza, decisa sulla base della segnalazione della Procura pubblica. La federazione svizzera ha dovuto allinearsi, anche se la storia era ormai vecchia di tre anni, e superata. Decisione discutibile, ma l’ho accettata. Non mi sono demoralizzato, anzi ho lavorato per un anno con ancora maggiore intensità, per farmi trovare ancora più pronto, al rientro. Così è stato: a un torneo in Olanda ho vinto la medaglia di bronzo. Swiss Boxing mi ha riaccolto. Ovviamente, non accetterebbero una “ricaduta”, ma hanno fiducia in me, e mi hanno sostenuto. Dal primo raduno, ho ricominciato a fare punti. Nella mia categoria (56 kg) non c’è avversario che possa tenermi testa. Agli Svizzeri andati in scena a Locarno ho battuto nettamente un ragazzo che voleva contendermi il posto nella selezione nazionale. Sul ring ho fatto quello che dovevo fare: gli ho fatto capire di non essere d’accordo (lo ha messo giù al 1° round, ndr)». L’avversario... «Nella boxe la battaglia principale è quella contro sé stessi. Io non vedo una persona da picchiare, sulla quale riversare la mia rabbia. Anche perché prima di un combattimento cerco proprio di essere tranquillissimo. Privo di rabbia, appunto. A chi mi chiede come faccio a picchiare qualcuno sul ring, rispondo che nel mio avversario vedo un ragazzo con i miei stessi sogni, i miei stessi obiettivi. Una sorta di compagno che mi aiuta a esprimere quello che sono. Se ho la possibilità di metterlo giù, la colgo. Funziona così anche negli altri sport, in fondo».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved