Ivan Ballinari e Paolo Pianca (Erik Agostinelli)
RALLY
03.11.2018 - 06:200

Il Ticino che vince

L'anno perfetto di Ballinari e Pianca. 'Spero che questo successo serva da esempio ai giovani di casa nostra' dice il pilota malcantonese, fresco di titolo

Breganzona – Gli è scesa pure qualche lacrima, quando ha finalmente capito che il titolo nazionale del rally avrebbe (infine) imboccato la via di casa. Ed è talmente ostinata quell’emozione che, nonostante siano passate ormai due settimane dal trionfo sulle strade del Vallese, non vuole saperne di andar via. «Se questo è il sogno di una vita? Di più, di più – dice senza esitazioni Ivan Ballinari –. Per me sarebbe già stato un sogno partecipare al campionato svizzero, cosa che poi sono riuscito a fare ormai da qualche stagione. E adesso che io e Paolo (Pianca, ndr) quel campionato siamo riusciti addirittura a vincerlo, non riesco a crederci».

E quello è il migliore degli epiloghi possibili a una stagione a dir poco eccezionale, con tre vittorie, un secondo e un quarto posto nelle cinque prove di campionato (su sei) a cui Ballinari ha preso parte. O con lo stesso Pianca, o con Giusva Pagani, l’altro navigatore. A proposito: curioso il fatto che siano addirittura due... «Diciamo che la nostra è una squadra, nel vero senso del termine – spiega il 41enne pilota malcantonese –. È stata una decisione presa a tavolino, quella che Paolo quest’anno avrebbe fatto più gare di Giusva. Poi, l’anno prossimo, potrebbe anche capitare l’esatto contrario».

Vettura a parte – una Skoda Fabia R5 – il vostro è un successo interamente ticinese, sotto le insegne della plurititolata Lugano Racing. «Già, si può ben dire che il nostro sia un team nostrano, in cui c’è un sacco di persone che dovremmo ringraziare. Penso alla Roger Tuning, che in tre stagioni ci ha fornito macchine dall’affidabilità fenomenale. Ma pure a mio padre, che ogni volta si sveglia prestissimo per un’ultimissima ricognizione prima che la strada venga chiusa. Oppure ancora ad Andrea, il presidente del fan club, l’uomo che rende possibile tutto questo, visto il gran lavoro che c’è da fare per trovare degli sponsor».

Cioè i soldi per correre, in un mondo come quello dello sport motoristico in cui si fa presto a vedere il fondo della cassa... «Già, sono i franchi, la nostra benzina. E io e Paolo quel problema l’abbiamo vissuto sulla nostra pelle, perché ci siamo visti rovinare una stagione da un problema di soldi. Successe un paio di stagioni fa, quando, dopo aver vinto in Francia la prima prova del campionato svizzero, uscimmo di strada alla quarta o quinta speciale della gara successiva, nel Giura. E fu davvero un bel volo, quello, che mise seriamente a repentaglio la stagione, tra auto, noleggio, franchigia... Infatti, all’errore successivo dovemmo chiudere baracca in anticipo, siccome non c’erano più mezzi».

C’è però anche un’altra caratteristica degli sport automobilistici, cioè l’accettazione del rischio. E nel caso del rally si tratta di un rischio condiviso: il pilota mette la sua vita nelle mani del navigatore, e viceversa. «È vero, e non solo perché si vince e si perde in due. Arriverei persino a dire che durante le prove speciali è come se io e Paolo, o io e Giusva, fossimo una cosa sola. Addirittura, dal loro tono di voce riesco a capire se mentre stanno leggendo una nota mi raccontano l’esatto contrario...».

Sul serio? «Sì, capita. Quando se ne escono con un “veloce”, e lo dicono con lo stesso tono che utilizzano abitualmente per avvisarmi dell’arrivo di una curva lenta, io mollo tutto perché intuisco che sto esagerando».

A proposito di mollare: quando siete arrivati in Vallese tu e Pianca eravate sì coscienti del margine accumulato in classifica sui vostri rivali, ma sapevate pure che quella è la prova più lunga di tutte e, di conseguenza, distribuisce i punteggi più alti. Come si gestisce una situazione del genere? «Con il cervello – ride –. In sostanza, devi fare l’esatto contrario di ciò che faresti in una gara normale, quindi aggredire le prove speciali. Infatti il tuo obiettivo dev’essere quello di arrivare al traguardo limitando i danni. E nel mio caso era qualcosa che andava pure al di là dell’aspetto classifica, siccome dei vari rally svizzeri, il Vallese è quello in cui io e Paolo abbiamo corso di meno. Senza contare, poi, che su quelle strade tanto particolari, anche per una semplice questione di ‘grip’ ogni anno ci sono un sacco di ritiri. In condizioni simili, le prove hanno un’importanza capitale: è quella la ragione che ci ha spinti a fare il primo giro con enorme cautela, così da prendere i riferimenti con la massima precisione e provare poi a dare qualcosina in più al secondo giro».

Quando hai sentito che quel titolo sarebbe diventato tuo? «La verità? Quando sono uscito di casa, prima di salire in macchina per andare in Vallese ho guardato mio figlio Jules, che ha due anni e mezzo, e gli ho detto: Adesso papà va, e ti porta a casa il titolo’. So bene che c’è una componente che non si può controllare, ed è la sfortuna, ma sono pure dell’avviso che nella vita bisogna sempre crederci e metterci tutto ciò che si ha per raggiungere l’obiettivo. E il mio era uno solo: portare per la prima volta in Ticino il titolo svizzero».

Pur se non è la prima volta alle nostre latitudini che un pilota di rally ha un trionfo da festeggiare: cioè quello del 1973, quando ancora c’era la Coppa Svizzera che il bellinzonese Paolo Buzzi vinse al volante di una Lancia Fulvia Hf. «Non conosco Buzzi, ma ho saputo che ha vinto pure il Rally du Vin, e questo gli fa onore. Tuttavia, la Coppa Svizzera d’un tempo non è la stessa cosa di un campionato svizzero come quello odierno, in cui si va a correre pure in Italia e in Francia affrontando rivali agguerriti e preparati sotto tutti i punti di vista».

Ma il Ticino è una terra di rally? «Direi proprio di sì. E da sempre, pensando alle scuderie. Alludo naturalmente alla Lugano Racing (che, nell’occasione, festeggia addirittura il suo ventunesimo titolo, ndr) e alla Dmax, ma pure a ciò che un tempo fu la Chicco d’Oro. Ed era un po’ un paradosso, che fino a qualche giorno fa non ci fosse alcun equipaggio campione, in un cantone in cui le scuderie da titolo ci sono sempre state. Ora, però, spero sinceramente che il risultato che abbiamo portato a casa io, Paolo e Giusva possa servire da esempio ai giovani di casa nostra».

A livello di piloti, da noi come siamo messi? «Diciamo che non ce ne sono moltissimi, ma alcuni di loro hanno davvero un gran potenziale. Penso soprattutto a Kim Daldini e Niki Bühler, due giovani che potrebbero avere una buona carriera. Anche se ‘carriera’ è un parolone, siccome siamo tutti dilettanti. E quindi, trionfi o no, ogni giorno ci alziamo per andare a lavorare».

Potrebbe interessarti anche
Tags
titolo
rally
casa
paolo
campionato
vallese
pianca
ticino
prove
pilota
© Regiopress, All rights reserved