NY Rangers
3
PHI Flyers
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
1
Seattle Kraken
0
1. tempo
(1-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
0
1. tempo
(3-0)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
da-facebook-il-guanto-per-toccare-oggetti-nel-metaverso
Tutto attraverso un motorino interno al centro della mano che gonfia gli ‘attuatori’... (Keystone)
Tecnologia
19.11.2021 - 11:470
Aggiornamento : 14:45

Da Facebook il guanto per toccare oggetti nel metaverso

Attualmente in una fase sperimentale e di sviluppo, si porrà come accessorio fondamentale per avvicinare le esperienze digitali a quelle della vita reale

I Meta Reality Labs, già noti come Facebook Reality Labs, hanno svelato un guanto che permetterà di toccare gli oggetti nel metaverso. Zuckerberg, in occasione dell’annuncio della nascita di Meta, la compagnia che ingloba le attività di Facebook e delle altre aziende correlate, aveva condiviso la sua visione di una piattaforma di realtà virtuale e aumentata, dove le persone potranno incontrarsi per lavorare, studiare e divertirsi.

Il guanto, attualmente in una fase sperimentale e di sviluppo, si porrà come accessorio fondamentale per avvicinare le esperienze digitali a quelle della vita reale. Progettato per essere abbinato ai visori VR, come gli Oculus Quest 2, il guanto è dotato di decine di sensori, che i Labs definiscono “attuatori”, utili a sentire la presenza di oggetti negli ambienti 3D e distinguere tra pesi e consistenze differenti. Tutto attraverso un motorino interno al centro della mano che gonfia gli attuatori attraverso un semplice flusso d’aria. In questo modo, si creano dei dossi tra le dita che restituiscono la sensazione di presa di vari elementi. Toccando una penna, ad esempio, si gonfieranno solo i sensori sulle estremità di pollice e indice mentre, in caso di un pallone, saranno coinvolti entrambi i guanti e molti più attuatori. I Reality Labs hanno inoltre aggiunto specifici suoni, che danno l’illusione del tocco fisico. Come spiegano i ricercatori, non vi è una data di uscita ufficiale sul mercato e probabilmente ci vorranno anni prima che il dispositivo finale sia pronto e indossabile per un uso comune.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved