facebook-stop-ad-annunci-mirati-su-salute-politica-e-religione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Tecnologia
Tecnologia
6 ore

Facebook, in 3 mesi interventi su 1,8 miliardi di contenuti spam

In aumento anche gli interventi su contenuti di violenza, 21,7 milioni in un trimestre rispetto ai 12,4 milioni del trimestre precedente
Tecnologia
2 sett

Pubblicità ovunque, anche negli ‘Shorts’ di YouTube

La piattaforma sta sperimentando banner anche nel formato di video brevi
Tecnologia
2 sett

TikTok è l’app più scaricata da inizio 2022, Twitter sedicesima

Il social network della cinese ByteDance ha superato quota 3,5 miliardi di download nel mondo. Seguono a distanza Instagram, Facebook, WhatsApp e Telegram
TECNOLOGIA
3 sett

Automatizzazione ad ogni costo?

L’ingegneria informatica davanti alla sfida tecnologica ed etica della sua pervasività
Tecnologia
3 sett

Coi fasci di luce laser la stampa 3D è super precisa

Sostituendo le tradizionali polveri con una speciale gelatina fatta da microgranuli di resina e sviluppando una nuova tecnica di controllo degli impulsi
Tecnologia
1 mese

Meno chat e più social: WhatsApp lancia Community

La nuova funzione permetterà di riunire un insieme di gruppi con simili interessi in un unico canale in cui gli amministratori possono inviare messaggi
Tecnologia
1 mese

Twitter permetterà (finalmente) di modificare i post

Il team del social network conferma che presto sarà disponibile l’opzione richiesta anche dal principale azionista Elon Musk
Tecnologia
1 mese

Internet Explorer va definitivamente in pensione fra tre mesi

Il popolare browser di Microsoft dal 15 giugno verrà sostituito, dove ancora impiegato, dal successore Edge, che resta tuttavia ancora poco utilizzato
10.11.2021 - 11:59
Aggiornamento : 15:28

Facebook, stop ad annunci mirati su salute, politica e religione

Il social ha annunciato che non utilizzerà più dati su stato di salute, credo religioso o politico e orientamento sessuale per indirizzare le pubblicità

Ats, a cura de laRegione

Gli utenti di Facebook e Instagram non potranno più essere bersagliati da annunci basati sul loro interesse per alcuni argomenti sensibili, come l’orientamento sessuale e l’affiliazione politica. Questo è un cambiamento importante.

“Vogliamo rispondere meglio alle aspettative mutevoli della gente su come gli inserzionisti dovrebbero lavorare”, ha detto martedì Graham Mudd, il vicepresidente della pubblicità per il gruppo con sede in California.

Ex Facebook ma recentemente rinominata Meta, la società madre della famiglia di applicazioni sociali sta attraversando una grande crisi reputazionale legata alle rivelazioni di un whistleblower, che la accusa di mettere i suoi profitti prima dei suoi utenti.

L’azienda ha avuto un fatturato di 84 miliardi di dollari nel 2020, principalmente dalle entrate pubblicitarie.

Migliaia di categorie eliminate

I pubblicitari amano la capacità di indirizzare i consumatori in modo molto fine e su larga scala. Possono scegliere tra migliaia di categorie d’interesse, in cui gli utenti sono collocati in base alle pagine che hanno visitato o agli annunci che hanno cliccato.

Dal 19 gennaio, migliaia di categorie saranno rimosse, comprese quelle relative all’orientamento sessuale (“matrimonio gay”, “cultura LGBT”), questioni di salute (“chemioterapia”, “giornata mondiale del diabete”), pratiche religiose (“chiesa cattolica”, “feste ebraiche”), affiliazioni politiche, etnia ecc.

L’idea è di impedire alle organizzazioni di abusare di queste categorie, come incoraggiare le persone a fare cose cattive o pericolose perché sono gay, musulmane o hanno il cancro, per esempio.

A gennaio, il Tech Transparency Project ha riferito di annunci per fondine di armi e giubbotti antiproiettile rivolti a membri di gruppi di estrema destra su Facebook prima delle rivolte di Washington.

Altri strumenti

Le autorità statunitensi per gli alloggi hanno anche intentato una causa nel 2019 contro Facebook, accusato di permettere annunci immobiliari che “escludono le persone di colore, le famiglie con bambini, le donne e le persone con disabilità”.

Nella dichiarazione, Graham Mudd ha detto che la decisione, “difficile da prendere", era basata sul feedback di esperti di diritti civili e legislatori. "Sappiamo che questo può colpire alcune aziende e organizzazioni”, ha riconosciuto il vicepresidente.

Saranno in grado di utilizzare altri strumenti, come il targeting delle persone che hanno interagito direttamente con il loro marchio o la geolocalizzazione, per esempio.

La piattaforma ha già preso provvedimenti per dare agli utenti più controllo sul tipo di annunci che vogliono vedere, o vedere meno, e prevede di aggiungere categorie all’inizio del prossimo anno, come il gioco d’azzardo o le diete.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
annunci facebook
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved