15.07.2022 - 05:30

La paura del lupo sta togliendo il sonno ai pastori ticinesi

Su laRegione oggi: la difficile convivenza col predatore. Ostetricia e Neonatologia all’Obv non sono in discussione. La Posta di Locarno è salva

la-paura-del-lupo-sta-togliendo-il-sonno-ai-pastori-ticinesi

Investimenti pesanti per le protezioni per il bestiame, pastori che iniziano a scarseggiare e notti insonni: queste le difficoltà e lo stato d’animo degli allevatori ticinesi, a cui la paura del lupo e degli attacchi agli animali da reddito sta togliendo, letteralmente, il sonno. Le testimonianze nel reportage di Simonetta Caratti, che nel suo commento evidenzia poi un problema venuto a galla recentemente dopo l’attacco a due mucche nei Grigioni: le protezioni pensate e finanziate dalle autorità sono calibrate per il bestiame minuto, ma non per i bovini.

"Il mantenimento del reparto di ostetricia e neonatologia presso l’ospedale Beata Vergine di Mendrisio non è in discussione in quanto vincolato da un mandato preciso deciso dal Gran Consiglio". Parola del Consiglio di Stato, che risponde a due interrogazioni di Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani (il Centro) e da una di Claudia Crivelli Barella (I Verdi) e cofirmatari.

La Posta di Locarno è salva. Come auspicato da Municipio, Commissione centro storico, ampi spicchi di politica e anche dalla sezione Ticino della Federazione Architette e Architetti Svizzeri (Fas), il Gigante giallo ha modificato il suo progetto riguardante un cambio di destinazione d’uso dello stabile, salvaguardando, in primo luogo, l’entrata attuale (invece di due laterali) e l’organizzazione interna con l’ampio spazio centrale così come lo conosciamo.

Leggi anche:

‘Qui, sugli alpeggi, la paura del lupo ci toglie il sonno’

E il lupo si travestì da pecora! Anzi da vitello

Mendrisio, la maternità dell’Obv non si tocca

Scacciato lo spauracchio, la Posta di Locarno è salva

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved