impervio-gordola-si-fa-il-suo-vino
20.07.2021 - 05:40

Impervio, Gordola si fa il suo vino

Su LaRegione oggi: il comune di Gordola finanzia la produzione di vino locale; Noè Ponti a Tokyo 2020; la masseria di Vigino in pericolo; le proteste a Cuba

Si chiama Impervio 2020, ed è un vino Made in Gordola, nato sui vigneti collinari, e prodotto da una start-up di viticoltori finanziata dal Comune, per rimediare al taglio della quantità di uva in eccesso ritirata deciso dalle grosse cantine ed evitare di mandare al macero una grossa quantità di uve locali.

Impervia, ma non impossibile, sarà anche la strada di Noe Ponti alle Olimpiadi di Tokyo: il 20enne ticinese sarà protagonista nei 100 e 200 delfino e nelle staffette 4x100 e 4x200: dopo l'oro europeo, l'obiettivo è la semifinale. 

Il Mendrisiotto in questi anni ha cercato di non dimenticare le vestigia delle sue origini, ma non sempre ci è riuscito. L'ultimo esempio di un mancato salvataggio è proprio quella Masseria di Vigino che, a Castel San Pietro, rischia di andare perduta per sempre. 

Cuba è in fermento, continuano le proteste e con esse la repressione da parte del regime: il commento di Naya Dedemailan, attrice cubana residente in Ticino.

 

Leggi anche:

Gordola, dai vigneti abbarbicati è nato l’Impervio 2020

Noè Ponti: ‘Obiettivo semifinale’

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

A proposito della repressione a Cuba

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gordola masseria vigino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved