laRegione
Nuovo abbonamento
non-aveva-potuto-finire-la-scuola-perche-e-trans-fino-ad-ora
Viviana González in classe (Foto: Diego Spivacow/AFV)
+1
ULTIME NOTIZIE Impact Journalism
Gallery
Impact
1 anno

L'ex galeotto che calma le banlieu di Francia

Al volante del suo camper, questo campione della non violenza viaggia in tutta la nazione per incontrare i giovani provenienti dalle periferie difficili.
Gallery
Impact
1 anno

Una casa per andare oltre i problemi mentali

In Argentina, un centro basato sul modello di New York clubhouse mira a reintegrare nella società le persone con difficoltà
Impact
1 anno

Europeisti ed euroscettici non si parlano più. A meno che..

L'iniziativa del Zeit Online e di altri media di tutta Europa ha permesso a persone con visioni diverse sull'Ue di incontrarsi e discuterne
Foto
Impact
1 anno

Una 15enne rivoluziona la vendita di frutta e verdura con un'app

Comproagro è un’applicazione colobiana che collega direttamente gli agricoltori ai consumatori: niente intermediari significa migliori guadagni
Foto
Impact
1 anno

In Belgio c'è un tutor per aiutare i rifugiati a lavorare

Per chi viene da altre culture, il mondo dell'impiego europeo può essere ostico: ci sono tanti non-detti. Un'associazione fornisce una soluzione.
Foto
Impact
1 anno

Quando sei un 'néné' e ti salva il computer

In Marocco oltre 300mila studenti non abbandonano la scuola pubblica e rischiano l'esclusione. Una Ong li "recupera"... recuperando materiale informatico
Foto
Impact
1 anno

Paralizzato dopo un ictus, inventa il 'TripAdvisor' per disabili

Willy Ruiz è stato il marketing manager di Apple Spagna per 10 anni prima di sentirsi male. Ora sta cambiando la vita di molte persone
Foto
Impact Journalism
1 anno

Quando spieghi ai potenti cos'è la realtà

Negli Stati Uniti un progetto si prefigge di far incontrare politici e persone di potere con la realtà della gente comune
Foto
Impact Journalism
1 anno

Belgio, i dipendenti dell'ostello a lezione di lingua dei segni

L'idea è venuta alla direttrice della catena di ostelli della gioventù: 'L'iniziativa sta facendosi conoscere nella comunità dei non udenti'
Impact Journalism
1 anno

7,7 miliardi di ragioni per favorire l'inclusione sociale

Invece di muri dovremmo costruire ponti. Alcune persone stanno facendo proprio questo, dando risposte locali a sfide mondiali.
Impact
24.06.2019 - 07:100
Aggiornamento : 25.06.2019 - 18:42

Non aveva potuto finire la scuola perché è trans, fino ad ora

In Argentina Viviana Gonzalez ha dovuto attendere quasi 40 anni per poter conseguire un diploma.

Viviana Gonzalez aveva otto anni quando si rese conto di non essere quello che appariva. Viveva a Buenos Aires con la sorella maggiore e la madre, che si era trasferita dalla provincia di Corrientes quando era molto giovane. «Ci ha cresciute come madre single al meglio delle sue capacità; siamo cresciute in fretta. Quando avevo 10 anni, ho iniziato a vendere generi alimentari e mia sorella lavorava come cameriera», dice Gonzalez.

A 12 anni ha iniziato a prostituirsi come mezzo di sussistenza. «Ero molto povera e volevo continuare a studiare, diventare insegnante o medico – racconta –. Tutto è finito quando mi è stata negata la possibilità di frequentare la scuola superiore, perché mi hanno chiesto di vestirmi da ragazzo. Non ce l’ho fatta, non era così che mi vedevo».

Fu costretta a lasciare la scuola. «Fu allora che il mio sogno cominciò a morire. Dovevo diventare adulta presto e cercare soldi – rielva Gonzalez –. Altri tendono a stereotipare le persone come me: abiti corti, tacchi alti, parrucche, prostituzione, droga e alcol. Non si rendono conto che sentiamo, pensiamo, piangiamo, ridiamo, abbiamo obiettivi e sogni».

Gonzalez ha ormai 48 anni e il suo sogno sta per avverarsi. Lo scorso dicembre si è diplomata al Trans Mocha Celis Popular High School, una scuola pubblica gratuita e accelerata per adulti transgender che ha aperto le sue porte a Buenos Aires nel novembre 2011. È stata la prima nel suo genere al mondo. 

È uno spazio educativo inclusivo orientato alla diversità di genere, sessuale e culturale che cerca di compensare l’esclusione di persone transgender, ma è aperta anche agli altri. Oggi, 150 studenti, dai 16 ai 70 anni in su, frequentano qui le lezioni. Il 40% di loro sono transgender, così come alcuni insegnanti. Ma ci sono anche studenti provenienti da insediamenti urbani vicini, persone con identità di genere diverse e i figli degli immigrati. Hanno tutti una cosa in comune: la loro istruzione è stata interrotta ad un certo punto della loro vita e vogliono completarla.

Il nome della scuola non è stato scelto a caso. Mocha Celis era un travestito nato a Tucumán, che si è espresso contro la violenza ed è stato ucciso dopo aver ricevuto minacce da un poliziotto. Non sapeva né leggere né scrivere. La sua storia riflette l’estrema vulnerabilità e le violazioni dei diritti umani che la comunità transgender in Argentina deve ancora affrontare. I suoi membri sono emarginati, fino a poco tempo fa criminalizzati, hanno un’aspettativa di vita inferiore ai 35 anni, e hanno enormi difficoltà ad ottenere un’istruzione o a trovare un lavoro dignitoso.

Una frase divulgata dall’attivista trans Lohana Berkins e dipinta su una delle pareti della scuola illustra il suo obiettivo: «Quando un travestito va all’università, la sua vita cambia. Molti travestiti all’università possono cambiare la vita di un’intera società». Le donne transgender sono spesso sopravvissute. Molte hanno dovuto lasciare casa da bambine e hanno scoperto che la prostituzione era l’unico modo per sopravvivere.

«Scrivevo poesie quando ero bambina e avrei voluto continuare – dice Gonzalez –, ma la notte e la prostituzione hanno reso i miei quaderni vuoti. Passano gli anni e i sogni svaniscono. A volte si spera solo che accada qualcosa di buono». Ed è accaduto. Un pomeriggio, un amico la portò a “la Mocha”. Come ricorda Gonzalez: «Quando sono arrivata, una delle persone mi ha accolto a braccia aperte e mi ha detto una cosa che aspettavo di sentire da quando avevo 11 anni: “Benvenuta a Mocha Celis, concluderai la scuola superiore”». 

«Questo è stato il primo liceo trans mondiale – ricorda il preside Francisco Quiñones Cuartas –. Da quando abbiamo aperto dei programmi pre-universitari sono stati sviluppati in Cile, Brasile e Costa Rica. In Argentina ce n’è uno a Tucumán e un altro collegato all’Università di Avellaneda, a Buenos Aires».

I fondatori della scuola si sono offerti volontari per insegnare gratuitamente fino al 2014, quando sono stati riconosciuti la scuola superiore e il suo diploma. Oggi lo Stato finanzia gli stipendi degli insegnanti, ma «la manutenzione quotidiana della scuola è coperta dagli sforzi degli insegnanti e dalle donazioni», dice Quiñones Cuartas.

Luli Arias, 32 anni, è uno degli insegnanti transgender, che dà lezioni di salute, genere e tecniche di studio. «L’ottanta per cento degli studenti trans sono coinvolti nella prostituzione, e più del 70 per cento dice di voler fare qualcos’altro – dice –. Comprendiamo la complessità della loro vita e il tipo di supporto di cui hanno bisogno. Gli studenti si identificano con gli insegnanti, e quando alcuni dicono: “Vorrei diventare insegnante o avvocato”, mi emoziono molto». 

Il corso di diploma di quest’anno è il sesto della scuola. La maggior parte delle materie che studiano sono le stesse di quelle insegnate in qualsiasi altra scuola superiore, ma fatte su misura per una prospettiva di parità di genere. Gonzalez dice che la Mocha l’ha resa orgogliosa di essere ciò che è: «Penso che un giorno sarò un’ottima inse

© Regiopress, All rights reserved