Curiosità
Gessi e grotte dell'Appennino entrano nel Patrimonio Unesco
Un riconoscimento che tocca quattro province italiane, quelle di Reggio Emilia, Bologna, Ravenna e Rimini
Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano
(Claudia Vago/Wikipedia)
20 settembre 2023
|

I Gessi e delle grotte dell'Appennino emiliano-romagnolo entrano nella lista dei beni naturali del Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Un ‘premio’ che tocca quattro province, quelle di Reggio Emilia, Bologna, Ravenna e Rimini, porta a 16 i siti Unesco riconosciuti a vario titolo in Emilia-Romagna e a quota 59 quelli italiani inseriti nella prestigiosa lista. Sono sette le aree coinvolte: Alta Valle Secchia (Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano); Bassa Collina Reggiana (Paesaggio Protetto della Collina Reggiana); Gessi di Zola Predosa (sito Natura 2000), Gessi Bolognesi (Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell'Abbadessa); Vena del Gesso Romagnola (Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola), Evaporiti di San Leo (sito Natura 2000), Gessi della Romagna Orientale (Riserva Naturale Regionale di Onferno).

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE