ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
1 ora

Trent’anni racchiusi nello spazio di 160 caratteri

Il 3 dicembre 1992 veniva trasmesso il primo Sms della storia. Un servizio sempre memo utilizzato, ma che non dovrebbe sparire
Curiosità
1 gior

Fugge dal centro neurolesi: ‘Torno in carcere dai miei amici’

L’uomo, ricoverato in un centro di riabilitazione a Messina su disposizione della direzione penitenziaria, ha divelto una zanzariera per scappare
Curiosità
1 gior

Anche quest’anno, è Whamageddon: in fuga da ‘Last Christmas’

È partita ieri la tradizionale ‘sfida’ social che consiste nell’evitare di ascoltare il celebre brano dei Wham per tutto il periodo natalizio
Curiosità
2 gior

L’allevamento dei cavalli Lipizzani è patrimonio immateriale

La decisione è stata presa dal comitato Unesco durante la 17esima sessione in Marocco. La candidatura è multinazionale e dà luce a un’antica tradizione
Curiosità
2 gior

Le domande razziste di Lady Susan, amica di Elisabetta II

Lady Susan Hussey si è dimessa dal suo ruolo ricoperto a corte dopo aver scandalizzato un’ospite con domande e toni inopportuni sulle sue radici etniche
Curiosità
3 gior

Dal forno all’Unesco: la baguette Patrimonio dell’Umanità

Il celebre sfilatino francese, insieme alle competenze artigianali e la cultura a riguardo, è stato inserito nella lista del patrimonio immateriale
Curiosità
5 gior

Il post della moglie del sindaco: ‘Finito di fare serata?’

Il primo cittadino di Rieti sgridato su Facebook dalla giovane consorte mentre si stava dilungando fuori casa
Curiosità
6 gior

Record per il Black Friday: spesi oltre 9 miliardi di dollari

I prodotti elettronici sono stati i più venduti con un aumento del 221%, ma sono andati bene anche i giocattoli e le attrezzature per il fitness
02.10.2022 - 18:03
Aggiornamento: 03.10.2022 - 11:57

Un abito... spruzzato su misura

Sono virali le immagini che vedono protagonista la top model Bella Hadid alla Parigi Fashion Week, ‘vestita’ con un tessuto fatto sul momento

un-abito-spruzzato-su-misura
Coperni

Chi crede che la moda sia fatta solo di cose frivole e salottiere deve ricredersi: la moda oggi è anche arte, ricerca e tecnologia. Un esempio di questo arriva proprio dalla Paris Fashion Week, e in particolare da una delle ultime sfilate proposte.

A chiudere il giro di passerelle della settimana della moda parigina è stata Coperni, con la sua sfilata primavera/estate 2023. La performace, unica nel suo genere, aveva come protagonista Bella Hadid: la modella, vestita solo da uno slip color nude e un paio di scarpe bianche, si è posizionata al centro della pedana; tre scienziati l‘hanno poi raggiunta, spruzzando direttamente sul corpo un materiale che in poco tempo si è solidificato, diventando così un tessuto da modellare seguendo la silhouette della donna. Nasce così il primo ’spray dress’.

Ma di che cosa è fatto?

Le fibre sono «sospese in una soluzione polimerica che evapora a contatto con il corpo. Dopo averle indossate, possono essere rimosse e trasformate nuovamente in soluzione, pronte per essere riutilizzate» raccontano i cofondatori di Coperni Sébastien Meyer e Arnaud Vaillant. «È nostro dovere di stilisti provare cose nuove. Non faremo soldi con questo, ma è comunque un momento bellissimo, un’esperienza davvero emozionante». Ecco quindi che la moda incontra la scienza e l’ingegneria. Per creare delle opere d’arte, certo, ma anche per cercare delle soluzioni che possano rendere la moda più ecosostenibile. Insomma uno spettacolo per gli occhi ma anche per la mente, portata a riflettere.

Prima di Coperni, Alexander McQueen

Coperni non è la prima casa di moda a proporre questo genere di sfilate. Un concetto simile era stato già portato in scena da Alexander McQueen con l’iconica sfilata del 1999. All’epoca Hadid aveva solo due anni, mentre a cavalcare le passerelle di tutto il mondo c’era Shalom Harlow. La modella arrivò vestita con un abito bianco e si posizionò su una piattaforma di legno girevole. Ai lati due braccia meccaniche della Fiat, utilizzate per la verniciatura delle auto. I due robottini Fiat iniziarono a spruzzare del colore – giallo e nero – sul suo vestito di Harlow. Si chiuse così la sfilata della collezione N.13 (primavera-estate 1999) firmata Alexander McQueen, fra sguardi increduli e colpiti per quella passerella che, più che una sfilata, pareva essere un’art performance.

© Regiopress, All rights reserved