ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
17 ore

Rubano una pianta di limoni dal sagrato, il prete posta il video

Singolare furto a Cava de’ Tirreni, nel Salernitano. Rattristato il parroco: ‘La chiesa è la casa di tutti’
Curiosità
1 gior

Assolto dopo aver forzato un tabernacolo e rubato pure le ostie

Pentito, il 28enne aveva restituito l’arredo sacro sottratto dalla chiesa nel Varesotto. Il giudice lo grazia per ‘particolare tenuità del fatto’
Curiosità
1 gior

Alla prova dei fornelli la spunta la Danimarca

Mark Hansen vince il concorso internazionale Bocuse d’Or, Campionato mondiale non ufficiale di cucina. Dove la Svizzera si piazza decima
Curiosità
2 gior

ChatGPT supera esami universitari di legge e business

Anche se con voti non particolarmente alti, il potente strumento di intelligenza artificiale è stato promosso in 4 corsi di alcuni atenei statunitensi
Curiosità
2 gior

Rishi, bambino prodigio, ha sviluppato tre app per smartphone

Il ragazzino di Bangalore ha otto anni (con un quoziente intellettivo pari a 180) è stato insignito del prestigioso Pradhan Mantri Rashtriya Bal Puraskar
Curiosità
6 gior

Dalla pelle al cervello, la via delle carezze

È stato ricostruito il circuito nervoso del tatto che apre a nuove terapie per aiutare le persone che soffrono di ansia, depressione e autismo
Curiosità
1 sett

Il 22 gennaio è il compleanno della Guardia svizzera pontificia

Fondata da papa Giulio II nel 1506 allo scopo di difendersi dai nemici e dai frequenti delitti politici nella Roma di quei tempi
Animali
17.05.2022 - 19:07

Più di tremila lupi in Italia, quasi mille sulle Alpi

La stima è dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) che ha compiuto un monitoraggio tra il 2020 e il 2021

Ansa, a cura de laRegione
piu-di-tremila-lupi-in-italia-quasi-mille-sulle-alpi
Keystone
Il Wwf rileva che ‘le minacce’ per la conservazione della specie ‘restano attuali’

Il lupo non è più una specie a rischio in Italia. Anzi, gli interventi di conservazione ne hanno fatto aumentare la popolazione che ora supera i 3’300 esemplari, 950 nelle regioni alpine e quasi 2’400 lungo il resto della Penisola. La stima è dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) che ha compiuto un monitoraggio tra il 2020 e il 2021 su mandato del ministero della Transizione ecologica.

La notizia non è accolta con piacere dall’Unione dei Comuni e degli Enti montani italiani (Uncem), tantomeno dalla Coldiretti, che chiedono un piano nazionale a difesa degli agricoltori e degli allevamenti. Ma quello dei lupi è un argomento che divide. Un piano nazionale era stato presentato nel 2019 dall’allora ministro dell’Ambiente Sergio Costa ma non è stato mai approvato dalla Conferenza Stato-Regioni per una spaccatura fra i territori, tra chi voleva la possibilità di abbattimento e chi difende la conservazione della specie.

Se si calcola l’estensione delle aree dove è presente il lupo (41’600 chilometri quadrati sulle Alpi e 108’500 chilometri quadrati nelle regioni peninsulari), la specie occupa quasi la metà del territorio italiano, afferma il Wwf. Ovunque la popolazione di lupo è cresciuta, sulle Alpi di più, indica l’Ispra secondo cui il range può essere compreso tra 822 e 1’099 esemplari sulle Alpi e tra 2’020 e 2’645 nel resto.

Il monitoraggio, spiega l’Istituto, "è stato documentato con 6’520 avvistamenti fotografici con fototrappola, 491 carcasse di ungulato predate, 1’310 tracce, 171 lupi morti, oltre che da 16’000 escrementi rinvenuti sul terreno. Sono state condotte 1’500 analisi genetiche che hanno permesso d’identificare la specie. In totale sono stati percorsi a piedi 85’000 chilometri per raccogliere i dati necessari all’indagine".

Il Wwf rileva che "le minacce" per la conservazione della specie "restano attuali. Bracconaggio e mortalità accidentale continuano a ucciderne centinaia ogni anno, e l’ibridazione con il cane mette a repentaglio l’integrità genetica della specie". Il conflitto con gli allevatori, anche se inferiore ad esempio rispetto a quello causato dai cinghiali, "può localmente avere un impatto elevato su alcune aziende zootecniche", osserva il Wwf ricordando l’efficacia delle azioni di prevenzione dei danni. Federparchi chiede ora che gli interventi di "conservazione delle aree protette siano rivolti verso quelle centinaia di specie, importanti per la biodiversità, che in Italia sono concretamente a rischio, seguendo le indicazioni scientifiche delle Liste Rosse".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved