lasciate-gli-uccellini-fuori-dal-nido-c-e-chi-pensa-per-loro
Intervenire solo se si è sicuri che il giovane uccelletto si trova in pericolo o è veramente abbandonato
13.04.2021 - 16:450
Aggiornamento : 17:48

Lasciate gli uccellini fuori dal nido: c'è chi pensa per loro

Al contrario di quel che si possa credere, continuano a essere nutriti e protetti dai loro genitori. Un errore raccoglierli, avvertono gli ornitologi.

Molti giovani uccelli di questa stagione lasciano il nido anche se non possono ancora volare bene, ma non hanno bisogno del nostro aiuto. Sono infatti raramente abbandonati e continuano a essere nutriti e protetti dai loro genitori. Sarebbe quindi un errore raccoglierli. A ricordarlo è la Stazione ornitologica svizzera di Sempach (Lu), precisando che le probabilità di sopravvivenza di questi uccelletti sono drasticamente inferiori sotto la custodia dell'uomo e la loro rimessa in libertà è poi difficile. Al contrario di quanto si possa pensare, questi uccellini che svolazzano attorno in maniera insicura non sono né feriti né caduti dal nido, ma si tengono nascosti nei dintorni del loro nido dove continuano a venir nutriti dai genitori. Oltre a ciò bisogna anche considerare che l'avventurarsi di alcuni piccoli prima che possano volare bene riduce il rischio che un predatore li mangi tutti quando scopre il nido, aggiunge l'Istituto ornitologico svizzero.

In sostanza, si potrebbe intervenire solo se si è sicuri che il giovane uccelletto si trova in pericolo o è veramente abbandonato (nido distrutto, morte dei genitori). Se si trova su una strada o in un luogo esposto ai gatti o alle intemperie dovrebbe essere messo nella siepe o sull'albero più vicini. Se, da una distanza di almeno 50 m, si constata che per almeno un'ora il piccolo non viene nutrito dai genitori, si può prenderlo in custodia. La soluzione migliore è però di portarlo immediatamente per l'ulteriore assistenza in una stazione ufficiale di cura. Gli indirizzi sono ottenibili presso l'Associazione svizzera per la protezione degli uccelli Aspu/BirdLife Svizzera o la Stazione ornitologica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved