libellule-da-proteggere-c-e-una-guida-di-campo
Erythromma viridium (Occhirossi minore) - Wildermuth
Curiosità
07.04.2021 - 13:290
Aggiornamento : 15:55

Libellule da proteggere: c'è una guida di campo

È quella di BirdLife Svizzera e Ficedula, che presentano le specie più comuni in Svizzera, fornendo indicazioni su come individuarle e proteggerle.

Berna - È primavera e le libellule stanno per emergere dalle acque raggiungere il cielo. Tuttavia, moltissimi di questi insetti sono inseriti nella Lista Rossa delle specie minacciate poiché i corsi d’acqua puliti, non incanalati e dotati di grandi zone alluvionali sono diventati rari, così come i laghi e gli stagni poveri di nutrienti e i prati umidi. Delle 76 specie autoctone censite in Svizzera, tre sono ormai estinte, ben 30 sono assegnate a diversi livelli di minaccia, e solo le restanti sono ancora considerate “non minacciate”. BirdLife Svizzera chiede dunque una migliore protezione di questi habitat, e lo fa attraverso una nuova guida di campo in cui si presentano le specie di libellule più comuni in Svizzera, con indicazioni su come individuarle e proteggerle. La guida presenta tutte le 72 specie segnalate in Svizzera tramite disegni e un breve testo. Le 56 pagine permettono l’identificazione gli animali direttamente sul campo o con l’aiuto di fotografie, oltre a fornire una panoramica sull’affascinante ciclo vitale delle libellule, diviso tra il mondo dell’aria e quello dell’acqua.

BirdLife Svizzera si impegna per la realizzazione dell'infrastruttura ecologica, per uno spazio sufficiente per gli habitat delle libellule e per una politica agricola rispettosa della natura. BirdLife Svizzera promuove anche direttamente le libellule nell’ambito di diversi progetti. Alla palude di Neerach (ZH), per esempio, sono stati creati nuovi specchi d’acqua nelle praterie dei dintorni. Da un lato, questo giova alla popolazione della Verdina minore, importante per la zona, e dall'altro, alle specie legate ai piccoli specchi d'acqua dal carattere pioniero, come la Frecciarossa o la Codazzurra minore. Nell’ambito del progetto sugli uccelli nidificanti nei prati, nel paesaggio palustre di Rothenthurm (SZ) si stanno sbarrando dei fossati e creando piccoli specchi d'acqua per la Smeralda artica, la Frontebianca comune e altre specie. Numerose sezioni locali di BirdLife Svizzera hanno creato nuovi specchi d’acqua e si occupano della manutenzione di stagni e fossati, evitando così che vengano soffocati dalla vegetazione.  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved