Sciaffusa
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Friborgo
0
Ambrì
0
pausa
(0-0)
Lakers
1
Bienne
2
pausa
(1-2)
Langnau
0
Losanna
0
pausa
(0-0)
Zugo
0
Lugano
1
pausa
(0-1)
Sciaffusa
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Friborgo
LNA
0 - 0
pausa
0-0
Ambrì
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Lakers
LNA
1 - 2
pausa
1-2
Bienne
1-2
 
 
9'
0-1 NEUENSCHWANDER
 
 
11'
0-2 KOHLER
1-2
13'
 
 
NEUENSCHWANDER 0-1 9'
KOHLER 0-2 11'
13' 1-2
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Langnau
LNA
0 - 0
pausa
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Zugo
LNA
0 - 1
pausa
0-1
Lugano
0-1
 
 
17'
0-1
0-1 17'
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Elisabetta è viva (Keystone)
GRAN BRETAGNA
06.12.2019 - 20:300

Esercitazione militare crea fake news sulla morte della regina

Il tutto è partito da una conversazione su whatsapp. Ma la sovrana 93enne non ha avuto nessun infarto e sta bene

Una conversazione su Whatsapp su un'esercitazione militare è all'origine della fake news che ha fatto tremare la Gran Bretagna, perché annunciava nientemeno che la morte della regina Elisabetta. Lo rende noto il Guardian.

Domenica sera, milioni di britannici hanno ricevuto messaggi sulla morte della sovrana 93enne, diffusi come un'onda su WhatsApp, Facebook e Twitter, e il conseguente picco di ricerche su Google. Costringendo Buckingham Palace a chiarire che la regina era viva. La fonte era uno screenshot, firmato Gibbo, in cui si leggeva che Elisabetta aveva avuto un infarto e si aggiungeva che la notizia doveva restare sotto embargo fino a lunedì per consentire ai militari di prepararsi.

Alla fine si è scoperto che si trattava di una conversazione sui dettagli del piano d'emergenza da adottare in caso di morte della sovrana: un'esercitazione militare, quindi. E tuttavia, a quanto pare, tale conversazione è arrivata a qualcuno che l'ha ritenuta vera e l'ha diffusa sul web.

Una fonte ha confermato che in una base militare del Somerset si era svolta un'esercitazione sulla risposta alla morte della regina, con il nome in codice 'London Bridge'. Tanto che in seguito un portavoce della Royal Navy ha fatto sapere: "Anche se l'esercitazione è stata condotta regolarmente, ci rammarichiamo per eventuali equivoci che potrebbe aver causato".

© Regiopress, All rights reserved