laRegione
lo-yoga-strumento-di-riabilitazione-per-i-detenuti
ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
2 ore

Cina, trovata la scultura di un baco da seta di 6mila anni fa

Di colore marrone chiaro con strisce intagliate, è stata scoperta durante gli scavi archeologici nella contea di Xiaxian
Curiosità
3 ore

Gallo da combattimento uccide poliziotto

L'agente cercava di catturare l'animale durante un combattimento illegale. A causa della pandemia, l'attività è sospesa. Fatale la recisione dell'arteria femorale.
Curiosità
23 ore

All'asta la prima calcolatrice a batteria Texas Instruments

Vale tra i 30 e i 50mila dollari. La sua creazione si deve allo statunitense Jerry Merryman; ci vollero due anni per trasformare il progetto in realtà.
Curiosità
23 ore

Le mascherine si decompongono, ma serve mezzo secolo

Uno studio belga ha calcolato che servono fino a 450 anni. E` bene, quindi, che finiscano nel bidone della spazzatura e non in mare...
Curiosità
2 gior

In base al nuovo decreto, a Venezia si cena all'alba

È la provocazione di un'osteria veneziana, che organizza per martedì 27 ottobre una cena di gala alle 5 del mattino. 'E alle 10, after dinner...'.
Curiosità
3 gior

Al World Pasta Day, a confronto con miti e credenze

È proprio vero che la pasta 'fa ingrassare', 'fa addormentare' e che 'in bianco è meglio'? Gli esperti hanno risposto nel fine settimana.
Curiosità
3 gior

Il 'Mortadella Day' festeggiato senza pubblico

Viaggio nel tempo a Bologna per 'la Bologna', con l'annuale festa che rievoca la storia di questo salume.
Curiosità
3 gior

Barbie e Hot Wheels più forti della pandemia

È record negli ultimi vent’anni per la bambola Mattel: +29%. Ma le automobiline non sono state da meno
Curiosità
4 gior

Battuti all'asta sette manoscritti del Führer

Il presidente delle organizzazioni ebraiche in Europa aveva chiesto di boicottare l'asta. 'Non sono in mani neonaziste', giura il direttore di Hermann Historica.
Curiosità
6 gior

Allo zoo di Zurigo son tornate le giraffe

È la prima volta dal 1956. Per garantire che i visitatori possano ammirare le giraffe a livello degli occhi è stata realizzata una terrazza sopraelevata.
Curiosità
6 gior

Barbie Versace (non in vendita) per i 50 di Claudia Schiffer

'Claudia e Barbie sono due donne forti e sicure di sé, perché sono sempre state le artefici del proprio destino', spiega Donatella Versace
Curiosità
1 sett

Senatore brasiliano beccato con i soldi nelle mutande

Mazzette occultate nella biancheria intima: ‘Ero spaventato per strane persone in casa’ (erano gli agenti)
Curiosità
1 sett

In vacanza col bonus Covid, abbandonano le bimbe a casa

Giappone, una coppia di genitori incriminata per abbandono di minori, le figlie di tre e un anno di età, quest'ultima ritrovata disidratata
Curiosità
13.10.2019 - 12:380

Lo yoga, strumento di riabilitazione per i detenuti

La disciplina è in grado di migliorare l’umore e lo stato di salute mentale e fisica in cella, riducendo la propensione a comportamenti antisociali.

La pratica dello yoga applicata alle carceri. In occasione della Giornata Internazionale dell'Educazione in Carcere, il 13 ottobre, da uno studio emerge che fare yoga è uno strumento ideale per la riabilitazione fisica e mentale dei detenuti: la disciplina infatti è in grado di migliorare l’umore e lo stato di salute mentale in cella, ridurre la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali dei carcerati e di far calare il tasso di recidiva. Il percorso che i detenuti devono affrontare per avere nuovi contatti con l’ambiente esterno ed essere reinseriti nella società è alle volte lungo e tortuoso anche per via di numerosi problemi psicologici. Basti pensare che secondo i dati del Ministero della Salute il 40% dei reclusi soffre di disturbi psichici, causati da forme di dipendenza da sostanze, problemi nevrotici e di adattamento. In una ricerca della Oxford University e rilanciata dalla BBC, sessioni prolungate di yoga in carcere aiutano a migliorare lo stato di salute mentale dei detenuti, alleviando i livelli di ansia e depressione, e portano a un calo della recidiva. Pratica che potrebbe tornare utile alle oltre 50mila persone che affollano le carceri italiane, secondo i dati ISTAT, e al 68% di coloro che tendono nuovamente a finire tra le sbarre ripetendo gli stessi errori. Ma non è tutto, perché da una ricerca della Washington State University e pubblicata su Science Daily praticare yoga in carcere aiuta i detenuti nel creare relazioni più sane con i compagni di cella, aumenta la loro sensazione di autostima e riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali.

“La pratica dello yoga può essere un valido aiuto per compensare i numerosi problemi psicofisici generati dalla carcerazione. Molto spesso si crea un circolo vizioso che nel tempo può solo aggravarsi ed è per questo che l’apprendimento di una corretta respirazione può mitigare disturbi fisici e stati di tensione crescente – spiega Andrea Di Terlizzi, fondatore di Inner Innovation Project, tra i massimi esperti in Italia di Yoga e scienze antiche – La mia personale esperienza nel carcere di San Vittore a Milano e in quello di Cremona, risalente agli anni ’80 è che l’azione riabilitativa dello Yoga non dipende unicamente dall’efficacia della disciplina trasmessa ma soprattutto dall’esperienza di chi la comunica e, nel caso dei detenuti, e dalle sue capacità empatiche nello stabilire con loro il giusto rapporto”.

Ma non è tutto, perché alcuni esercizi di yoga, armonizzati con tecniche respiratorie e di concentrazione mentale, consentono la sperimentazione di uno stato di equilibrio nervoso che si riflette sulla percezione generale del carcerato, fornendogli una diversa condizione di calma e autocontrollo. Le sessioni di yoga possono risultare utili anche agli operatori nelle carceri, spesso sottoposti a un grave peso psicologico dovuto al loro lavoro: da un’indagine britannica condotta in un carcere di Manchester e pubblicata su The Telegraph è emerso che oltre 60 addetti dello staff hanno migliorato la propria condizione di salute fisica e mentale grazie a questa disciplina.

L’utilizzo positivo dello yoga come strumento di riabilitazione per i detenuti è un pensiero condiviso dalla dottoressa Amy Bilderbeck del dipartimento di psichiatria e psicologia alla Oxford University, che ha dichiarato alla BBC: “I nostri ricercatori hanno individuato come i detenuti sottoposti a una sessione intensiva di 10 settimane di yoga hanno migliorato notevolmente le loro condizioni di salute mentale, risultando più inclini alla partecipazione di attività educative rispetto a coloro che continuavano la solita routine. Più della metà dei carcerati adulti torna dietro le sbarre dopo un anno ripetendo gli errori del passato. Per questo motivo sensibilizzare le carceri nell’utilizzo di sedute di yoga e meditazione diventa un monito fondamentale per ridurre il tasso di recidiva e aiutare i detenuti nel loro percorso di riabilitazione all’interno della società”.

Ecco infine i 10 benefici dello yoga come strumento di riabilitazione dei detenuti emersi dalle ricerche:

• Riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali
• Allevia i livelli di ansia e depressione
• Favorisce lo sviluppo di autodisciplina e concentrazione
• Aiuta i detenuti a essere meno impulsivi e a intraprendere attività educative
• Aumenta la sensazione di autostima
• Porta i detenuti a essere meno inclini all’abuso di sostanze stupefacenti
• Aiuta a dormire meglio
• Fa calare il tasso di recidiva
• Favorisce la socializzazione e permette di creare relazioni più sane con i compagni di cella
• Potenzia la consapevolezza di sé e aiuta a prendere coscienza del crimine commesso

 

© Regiopress, All rights reserved