laRegione
lo-yoga-strumento-di-riabilitazione-per-i-detenuti
ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
17 ore

Silurato il maggiordomo: è giallo alla Casa Bianca

Timothy Harleth, il 'chief usher' portato nella residenza presidenziale da Melania Trump, è stato licenziato poche ore dopo aver accolto la nuova first family
Curiosità
17 ore

Libri rubati 70 anni fa sono su eBay: libraio denunciato

I carabinieri li hanno restituiti alla Biblioteca Diocesana del Seminario di Alba, nel Cuneese, da dov'erano spariti.
Curiosità
19 ore

Taiwan invitata a Washington: chi glielo dice ai cinesi?

È la prima volta dal 1979 per quella che la Cina considera una provincia ribelle, destinata alla riunificazione anche con la forza, se necessario.
Curiosità
2 gior

Si inietta funghi allucinogeni per guarire e quasi muore

Abbandonati i farmaci per il disturbo bipolare, voleva curarsi con la psilocibina, sostanza presente nei funghi 'magici'. Che gli sono cresciuti in corpo...
Curiosità
3 gior

Giappone, in taxi per 600 km. Poi si rifiuta di pagare

È salita a bordo a Tokyo, voleva vedere le dune nella prefettura di Tottori. In tasca però aveva solo pochi spiccioli. È stata fermata dalla polizia.
Curiosità
3 gior

Londra, Heathrow non è più il re degli aeroporti

Scalzato dal nuovo hub di Istanbul. Il traffico nell'Europa occidentale, d'altra parte, è diminuito di più del 70%
Video
Curiosità
3 gior

L'incidente non lo ferma: si arrampica in sedia a rotelle

L'ex arrampicatore di Hong Kong Lai Chi-wai è alla sua seconda impresa. Prima il torrione roccioso, ora il grattacielo (per beneficienza)
Curiosità
6 gior

Dopo critiche e bufale WhatsApp posticipa la privacy

La società comunica che inviterà i suoi utenti a rivedere l'informativa prima del 15 maggio, quando saranno disponibili le nuove opzioni business.
Curiosità
6 gior

Firenze, denunciati per maxi-furto di Nutella

Sessantotto barattoli in tutto, rubati in un supermercato aperto a colpi di crick. I carabinieri hanno atteso i due 'golosi' all'uscita
Video
Curiosità
6 gior

Il corpo di ballo della Polizia di Zugo danza su 'Jerusalema'

'A volte basta poco per affrontare la vita con un sorriso'. E i poliziotti riescono nell'intento, sposando il Jerusalema dance challenge
Curiosità
1 sett

Dietrofront: l'albero più grande della Svizzera è argoviese

Il primato dell'abete castellano è durato una sola settimana. L'autorità in materia dimenticava quello di Douglas di Gränichen (AG).
Curiosità
1 sett

Serbatoio scadente, sindaco messicano legato a un albero

I cittadini di Frontera Comalapa lo hanno fotografato e messo al pubblico ludibrio in rete. Non è il primo episodio 'curioso' in Messico...
Curiosità
1 sett

Il finto capo della posta estorce 265mila franchi

Vittima un 80enne di Basilea, preoccupato di presunti gangster interessati ai suoi soldi messi in banca. Via internet, iil denaro trasferito all'estero.
Curiosità
13.10.2019 - 12:380

Lo yoga, strumento di riabilitazione per i detenuti

La disciplina è in grado di migliorare l’umore e lo stato di salute mentale e fisica in cella, riducendo la propensione a comportamenti antisociali.

La pratica dello yoga applicata alle carceri. In occasione della Giornata Internazionale dell'Educazione in Carcere, il 13 ottobre, da uno studio emerge che fare yoga è uno strumento ideale per la riabilitazione fisica e mentale dei detenuti: la disciplina infatti è in grado di migliorare l’umore e lo stato di salute mentale in cella, ridurre la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali dei carcerati e di far calare il tasso di recidiva. Il percorso che i detenuti devono affrontare per avere nuovi contatti con l’ambiente esterno ed essere reinseriti nella società è alle volte lungo e tortuoso anche per via di numerosi problemi psicologici. Basti pensare che secondo i dati del Ministero della Salute il 40% dei reclusi soffre di disturbi psichici, causati da forme di dipendenza da sostanze, problemi nevrotici e di adattamento. In una ricerca della Oxford University e rilanciata dalla BBC, sessioni prolungate di yoga in carcere aiutano a migliorare lo stato di salute mentale dei detenuti, alleviando i livelli di ansia e depressione, e portano a un calo della recidiva. Pratica che potrebbe tornare utile alle oltre 50mila persone che affollano le carceri italiane, secondo i dati ISTAT, e al 68% di coloro che tendono nuovamente a finire tra le sbarre ripetendo gli stessi errori. Ma non è tutto, perché da una ricerca della Washington State University e pubblicata su Science Daily praticare yoga in carcere aiuta i detenuti nel creare relazioni più sane con i compagni di cella, aumenta la loro sensazione di autostima e riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali.

“La pratica dello yoga può essere un valido aiuto per compensare i numerosi problemi psicofisici generati dalla carcerazione. Molto spesso si crea un circolo vizioso che nel tempo può solo aggravarsi ed è per questo che l’apprendimento di una corretta respirazione può mitigare disturbi fisici e stati di tensione crescente – spiega Andrea Di Terlizzi, fondatore di Inner Innovation Project, tra i massimi esperti in Italia di Yoga e scienze antiche – La mia personale esperienza nel carcere di San Vittore a Milano e in quello di Cremona, risalente agli anni ’80 è che l’azione riabilitativa dello Yoga non dipende unicamente dall’efficacia della disciplina trasmessa ma soprattutto dall’esperienza di chi la comunica e, nel caso dei detenuti, e dalle sue capacità empatiche nello stabilire con loro il giusto rapporto”.

Ma non è tutto, perché alcuni esercizi di yoga, armonizzati con tecniche respiratorie e di concentrazione mentale, consentono la sperimentazione di uno stato di equilibrio nervoso che si riflette sulla percezione generale del carcerato, fornendogli una diversa condizione di calma e autocontrollo. Le sessioni di yoga possono risultare utili anche agli operatori nelle carceri, spesso sottoposti a un grave peso psicologico dovuto al loro lavoro: da un’indagine britannica condotta in un carcere di Manchester e pubblicata su The Telegraph è emerso che oltre 60 addetti dello staff hanno migliorato la propria condizione di salute fisica e mentale grazie a questa disciplina.

L’utilizzo positivo dello yoga come strumento di riabilitazione per i detenuti è un pensiero condiviso dalla dottoressa Amy Bilderbeck del dipartimento di psichiatria e psicologia alla Oxford University, che ha dichiarato alla BBC: “I nostri ricercatori hanno individuato come i detenuti sottoposti a una sessione intensiva di 10 settimane di yoga hanno migliorato notevolmente le loro condizioni di salute mentale, risultando più inclini alla partecipazione di attività educative rispetto a coloro che continuavano la solita routine. Più della metà dei carcerati adulti torna dietro le sbarre dopo un anno ripetendo gli errori del passato. Per questo motivo sensibilizzare le carceri nell’utilizzo di sedute di yoga e meditazione diventa un monito fondamentale per ridurre il tasso di recidiva e aiutare i detenuti nel loro percorso di riabilitazione all’interno della società”.

Ecco infine i 10 benefici dello yoga come strumento di riabilitazione dei detenuti emersi dalle ricerche:

• Riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali
• Allevia i livelli di ansia e depressione
• Favorisce lo sviluppo di autodisciplina e concentrazione
• Aiuta i detenuti a essere meno impulsivi e a intraprendere attività educative
• Aumenta la sensazione di autostima
• Porta i detenuti a essere meno inclini all’abuso di sostanze stupefacenti
• Aiuta a dormire meglio
• Fa calare il tasso di recidiva
• Favorisce la socializzazione e permette di creare relazioni più sane con i compagni di cella
• Potenzia la consapevolezza di sé e aiuta a prendere coscienza del crimine commesso

 

© Regiopress, All rights reserved