Auto e moto

Volkswagen Golf R 20 Years, compleanno d’autore

L’edizione speciale celebra due decenni di sportività R: spiccano guida incisiva e carattere docile, ‘prezioso’ per rotondità e confidenza

Dettagli mirati in tinta a contrasto distinguono la Golf in edizione 20 Years in tiratura limitata, basata sull’allestimento di punta R
30 ottobre 2023
|

I vent’anni appartengono alle età d’oro e questo può ben valere anche nel caso del fortunato allestimento di punta “R” di Volkswagen; apparso per l’appunto già nel 2002 a corredo della versione 2003 più “cattiva” dell’allora Golf 4, poi esteso a numerosi altri modelli. Il fortunato traguardo del ventesimo compleanno ha dunque trovato posto in prima fila nella produzione della marca tedesca, che vi ha dedicato la variante specifica in edizione limitata “20 Years”. Basata proprio sulla base tecnica dell’attuale Golf R Performance: la più spinta in gamma. Esteticamente la personalizzazione si limita a pochi dettagli sottilmente distribuiti tra elementi di carrozzeria e particolari interni; la dotazione di serie è ulteriormente estesa rispetto alle altre “R”, pur continuando a mantenere a richiesta con supplemento di prezzo la regolazione adattiva dell’assetto DCC con selezione del profilo di guida: opzione caldamente consigliata per estendere la versatilità d’uso dell’auto.

La Golf R 20 Years adotta il conosciuto ed apprezzato due litri TSI turbo con potenza di poco superiore ai 330 cavalli, erogazione robusta e combinata tra l’altro ad alcune raffinatezze tecniche che ne agevolano resa e sfruttamento in marcia: è presente la modalità assistita per lo scatto da fermo, mentre con aperture parziali dell’acceleratore il turbocompressore viene mantenuto in precarico in modo da annullare ogni ritardo di risposta e accelerare la successiva fase di accelerazione piena. A questo specifico aspetto concorre inoltre la regolazione aperta della valvola a farfalla durante le decelerazioni, anche qui per ottenere successivi “rilanci” più immediati. In effetti, tra le qualità dinamiche della Golf R spiccano senza dubbio equilibrio e prevedibilità, che ne fanno una berlinetta sportiva molto capace ma pure accessibile in modo ben lineare. Caratteristica che permette così di guidare alzando il ritmo con naturalezza e naturale progressione, senza timore di un cambio di reattività repentino: la Golf più sportiva è sempre “semplice” e sincera da capire, pur confermandosi sportiva di razza che richiede esperienza e capacità per essere sfruttata a fondo.

Eccellente, in special modo, la conduzione dinamica ma “garbata”, improntata al ritmo lesto con veloci cambi di direzione, senza eccessi di aggressività. È questo forse il campo di maggior rendimento della vettura, davvero precisa e facile da condurre in punta di volante, forte di un comportamento piatto e molto efficiente. Con grinta via via esuberante l’avantreno mostra invece una presa di aderenza sempre salda, ma rimarcata da un lieve ma crescente sottosterzo, che il posteriore segue di buon grado senza però mostrare gran sensibilità al rilascio dell’acceleratore: la R resta facile, ma anche appena meno reattiva di quanto si vorrebbe volendola condurre con una certa malizia. Eccellente in ogni caso il comparto motore-trasmissione, il primo solidamente vivace e pronto, con sonorità di tutto rispetto – complice il costoso scarico in titanio presente sull’auto in test –, la seconda esemplare per rapidità e reattività dei passaggi di rapporto nella modalità di guida più spinta. Tra i tanti programmi di marcia figura anche la soluzione Drift dedicata alle derapate in sovrasterzo su strada chiusa, resa possibile dalla versatilità della trazione integrale 4Motion più evoluta con gestione dinamica della coppia sulle singole ruote.

Le sospensioni regolabili offrono dal canto loro una soluzione efficace, seppur non estrema, per la guida più ispirata, mentre in configurazione normale lasciano comunque spazio alla sensazione di sportività combinata però al valido assorbimento delle sollecitazioni stradali, per un comfort di marcia apprezzabile. Cui si aggiungono la valida silenziosità ad andatura costante e la solida accoglienza offerta dal piacevole abitacolo, con sedili sportivi ma altrettanto comodi sulla distanza. La Golf R si lascia dunque apprezzare una volta di più anche per versatilità, confermandosi compagna di marcia – oltre che di pilotaggio – tra le più “rotonde” del segmento.

Scheda Tecnica

ModelloVolkswagen Golf
Versione2.0 TSI 4MOTION R «20 Years»
Motore4 cilindri, turbo benzina, 2.0 litri
Potenza, coppia333 cv, 420 Nm
TrazioneIntegrale
CambioDoppia frizione a sette rapporti
Massa a vuoto1’574 kg
0-100 km/h4,6 secondi
Velocità massima270 km/h
Consumo medio8,2 l/100 km (omologato)
Prezzo70'200 Chf

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE