La piattaforma per la condivisione permette di sce
Auto e moto
15.12.2017 - 16:480

Smart Vision EQ ForTwo

La piccola e innovativa Smart sta per dare vita a una nuova rivoluzione nel mondo auto­mo­­­bilistico, inaugurando un’epoca di vetture elettriche autonome al servizio della più confortevole mobilità urbana. Tecnologia di cui beneficerà l’intero gruppo Daimler.

Design accattivante, piacere di guida, praticità quotidiana e massima sicurezza, il tutto in un marchio che racchiude l’intero know-how del gruppo Daimler e rappresenta un grande investimento per un futuro di vetture elettriche. Tutto questo è EQ, il marchio di una intera gamma di veicoli elettrici e servizi del gruppo Daimler e quindi di Smart, Mercedes-Benz e altri marchi. Un marchio che non si limita alle semplici autovetture ma che comprende pure le infrastrutture e i software ad esse collegate.
Una delle protagoniste è stata (e sarà nella sua versione di serie) la Smart Vision EQ ForTwo, presentata allo scorso salone di Francoforte, la quale rappresenta piuttosto bene un futuro non troppo lontano, fatto di veicoli elettrici autonomi che rinunciano completamente ai tradizionali comandi, sempre più obsoleti in un contesto urbano congestionato. Di fatto, è la prima vettura del Gruppo Daimler che fa a meno di volante e pedali, come spiega Annette Winkler, amministratore delegato Smart: “La vettura dispone di tecnologia per la guida autonoma di livello 5, di conseguenza niente volante, né pedali e fa tutto da sola: raccoglie i passeggeri direttamente sul luogo richiesto e offre uno spazioso abitacolo dotato di tutti i comfort, sgravando i suoi occupanti dai compiti della guida come la conosciamo oggi. Smart Vision EQ ForTwo è la nostra visione della mobilità urbana del futuro e rappresenta il prototipo per il car sharing più radicale in assoluto: completamente autonomo, estremamente comunicativo, simpatico, ampiamente personalizzabile e, naturalmente, elettrico. Con Smart Vision EQ ForTwo diamo un volto agli argomenti che Mercedes-Benz Cars utilizza nella strategia CASE (Connected, Autonomous, Shared, Electric) per descrivere come si immagina la mobilità futura”.
Il sempre più diffuso car sharing già oggi mostra numeri interessanti: tramite il servizio Car2go, per esempio, viene noleggiata una vettura ogni 1,4 minuti e conta oggi già 2,6 milioni di utenti nel mondo, con previsioni di quintuplicare tali cifre entro il 2025, con 36,7 milioni di utenti. In questo contesto la Smart Vision EQ ForTwo rappresenta un buon esempio di game changer: la vettura, infatti, non deve essere né ritirata né restituita presso stazioni fisse, per la massima comodità. Con la guida autonoma sarà ancora meglio: con Smart Vision EQ ForTwo gli utenti non devono cercare una vettura libera, perché sarà essa stessa a raggiungerli direttamente sul luogo desiderato; grazie all’intelligenza collettiva e alla previsione delle necessità, poi, l’auto sarà probabilmente già nelle immediate vicinanze, cosicché il rendimento aumenta e il volume di traffico nelle superfici destinate ai parcheggi diminuisce.
Dietro alle proporzioni tipiche delle Smart si nasconde quindi un’intera filosofia di mobilità, in questo caso alimentata con un motore elettrico il quale dispone di un accumulatore agli ioni di litio con capacità di 30 kWh che si ricarica autonomamente alla relativa stazione di rifornimento di energia; le vetture possono fra l’altro collegarsi mediante induzione, cedere corrente e alleggerire la rete fungendo da “batterie collettive”.
Il marchio EQ non è solo un progetto futuro in attesa di concretizzazione, bensì già realtà ai giorni nostri. Il Gruppo Daimler ha infatti pensato a una apposita applicazione per smartphone con la quale l’automobilista può analizzare la propria mobilità quotidiana e compararla a numerosi parametri di veicoli ibridi o elettrici, in modo tale da valutare i vantaggi nel caso di un passaggio a questo tipo di tecnologie. L’app è già stata distribuita presso clienti Mercedes-Benz e gli stessi membri del Direttivo Daimler. “La conclusione è che le vetture elettriche e ibride in modalità elettrica sono più adatte di quanto si creda all’uso quotidiano. Con l’app, anche il più scettico degli scettici dovrà ricredersi” afferma Wilko Stark, capo di Daimler & Mercedes-Benz Cars Strategy e capo di CASE. EQ Ready può essere scaricata gratuitamente per iOS e Android in inglese e tedesco.

 
© Regiopress, All rights reserved