Pur essendo una vettura nata da un compromesso, la
Auto e moto
04.11.2017 - 16:060
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:22

Mercedes-AMG C43 Cabrio

Con la sua eccellente insonorizzazione e la trazione integrale, questa Classe C  rinvigorita con le cure del reparto sportivo di casa diventa una vettura ideale
per tutte le stagioni. Senza assolutamente sacrificare un comfort prover­biale, grazie ad una messa a punto effettuata con grande maestria.

Pensate ad un’automobile con le sospensioni molto morbide, capace quasi di volare sulle imperfezioni della strada, con un motore che ha un ‘tiro’ pazzesco sin dal minimo fino alla velocità mas-sima, tanto da sembrare inarrestabile. Aggiungete uno sterzo abbastanza preciso per disegnare le traiettorie e un rombo proveniente dallo scarico presente ma mai fastidioso, che ti accompagna con emozione nella vita di tutti giorni ben gestito da un morbido cambio automatico. Questo sarebbe il ritratto di una perfetta Gran Turismo, ma dato che siamo alla guida di una Mercedes-Benz C43 AMG Cabriolet, sorge qualche preoccupazione proprio per quelle tre lettere: A-M-G. Il comfort è infatti la sensazione prevalente, e dato che ultimamente le vetture forgiate ad Affalterbach sono una più tosta e autorevole dell’altra… questo fatto ci sorprende.
I giudizi affrettati però non vanno mai bene, specialmente perché spulciando le caratteristiche di questa “43” è evidente che sotto pelle si deve nascondere ben altro. La filosofia delle “43” consiste sempre nel prendere ciò che offre la top di gamma e infarcirlo con qualche ingrediente e un po’ del know how di AMG. Per esempio il 3 litri V6 biturbo eroga 367 cavalli e 520 Nm grazie ad un aumento della pressione di sovralimentazione, mentre la trazione integrale 4MATIC Performance AMG ha una ripartizione di coppia con rapporto 31/69 tra avantreno e retrotreno. L’impianto frenante ha dimensioni maggiori e il reparto sospensioni è stato profondamente rivisto, in particolare l’asse anteriore che adotta fusi a snodo più rigidi, cuscinetti di guida dei bracci trasversali di nuova concezione e una maggiore campanatura negativa.
L’impressione iniziale dovrebbe insomma essere soltanto un ricordo una volta che dalla modalità “Comfort” si passa a quelle più sportive. E nell’affrontare i primi chilometri di un lungo passo di montagna viene proprio naturale inserire la “Sport”, specialmente dopo che le rocce alla nostra destra hanno amplificato a dovere quel sound molto bello e corposo, tipicamente da V6, che tra i 2’000 e i 3’500 giri al minuti diventa un po’ rauco. L’assetto immediatamente più fermo ti porta infatti d’istinto ad esplorare la zona più alta del contagiri, ben rassicurato da uno sterzo comunicativo e preciso. La prontezza d’inserimento è davvero notevole per una scoperta di questa stazza, ed in questa impostazione l’assetto sembra trovare il suo bilanciamento naturale sobbalzando meno pur restando sempre ben ammortizzato.
Quello che le manca è una certa reattività del motore, la quale emerge poi selezionando la modalità “Sport +” unito ad una maggiore incisività del cambio automatico a 9 rapporti, il quale però in scalata continua a pensarci su un po’ troppo. In questa modalità l’esplorazione del contagiri si avvicina sempre di più nella sua zona nobile, durante la quale la C43 si dimostra molto gradevole e affidabile nel pennellare le curve a ritmi medio-veloci, con l’obiettivo di tirarti fuori con la massima efficacia dalle curve e godere di un’impronta tangibilmente più dinamica senza però compromettere la facilità di guida, dato che al limite è ben difficile inficiare la sua compostezza. Più che cercare il limite assoluto si finisce con l’usare i primi tre quarti dell’acceleratore, senza insistere più di tanto con lo stesso in uscita. E questo fa si che inevitabilmente l’assetto – gestibile indipendentemente dalle modalità di guida – trovi nel settaggio intermedio il suo compromesso naturale, esprimendosi al meglio in quella perfetta unione della sportività senza sacrifici.
Una tipologia di compromesso che forse non si adatta così bene alla Coupé, da un punto di vista strutturale più predisposta ad accogliere un mostro nel vano motore, ma che risulta perfetto per un’ottima passista quale la Cabriolet. La quale comunque non manca di mostrare il suo appeal sportivo con una caratterizzazione estetica ben marcata in particolare nel frontale con prese d’aria molto ampie come pure negli interni forte degli inserti a contrasto rossi. Ciò che piace della C43 Cabriolet è infatti
la sua polivalenza, indipendentemente dalla stagione o dal tipo di strada. Oltre al fatto che il suo prezzo è davvero interessante considerato che vi portate a casa una Cabriolet di lusso, rifinitura
di tutto punto, con un motore da quasi 400 cavalli. Un bel modo per spendere i propri soldi.

Scheda Tecnica

ModelloMercedes Classe C Cabriolet
VersioneC43 AMG 4MATIC
MotoreV6, benzina (biturbo), 3 litri
Potenza, coppia367 cv, 520 Nm
Trazioneintegrale
Cambioautomatico, 9 rapporti
Massa1’870 kg
    0-100 km/h4,8 secondi
Velocità massima250 km/h
(limitata elettronicamente)
Consumi8,3 l/100 km (omologato)
Prezzo80’700 Chf
La compri se…cerchi una cabriolet sportiva
da usare in tutte le stagioni

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
c43
cabriolet
amg
guida
motore
modalità
assetto
comfort
© Regiopress, All rights reserved