È una questione di gusti, ma di certo a Honda non
Auto e moto
01.07.2017 - 05:000

Honda Civic

Ecco la decima generazione, riprogettata dalla testa ai piedi. Il piglio è sempre futuristico, ma razionalizzato soprattutto nell’abitacolo.
Oggettivamente valida negli aspetti tecnici, offre uno spazio per passeggeri e bagagli sconosciuto alla concorrenza.

 

Per ‘raccontarvi’ la nuova Honda Civic forse è proprio essenziale partire dalle dimensioni, che sul modello attuale superano di due centimetri i quattro metri e mezzo. Questo la rende certamente più grande (anzi: la più grande) tra le sue dirette concorrenti, ma dall’altro le conferisce una disponibilità di spazio appunto sconosciuta alle sue rivali. I passeggeri posteriori infatti salgono assai agevolmente, stanno seduti comodi anche se alti un metro e ottanta – non fosse per l’assenza delle bocchette d’aerazione posteriore potrebbe essere una vera e propria vettura da viaggio, anche in relazione al suo comportamento stradale che vedremo tra qualche paragrafo. Tanto lo spazio per i passeggeri ma tanto anche lo spazio per i bagagli, come testimoniano i 478 litri di capienza.
Nonostante una storia lunga oltre quarant’anni, la Civic della passata generazione non ha raccolto grandi consensi da parte del pubblico alle nostre latitudini, in particolare a causa del design decisamente originale e futuristico, ma forse troppo spinto. In questo nuovo modello (che è veramente nuovo dalla testa ai piedi) si è cercato di semplificare le linee moderne, anche se complessa sembra sempre ancora provenire da un’altra decade. Pure l’abitacolo conserva un aspetto avanguardistico, sebbene l’ergonomia e la facilità di lettura siano state notevolmente migliorate. Comandi principali e plancia sono ora ben incentrati sul guidatore, che si ritrova peraltro con una bella posizione di guida più bassa di 3,5 centimetri. Di perfettibile c’è insomma solo il sistema di infotainment “Honda Connect”, giunto alla seconda generazione, che nonostante uno schermo da 7 pollici e tutte le funzioni desiderabili tra cui Apple CarPlay e Android Auto non riesce ad essere accattivante e intuitivo come quelli di altre concorrenti.
A testimoniare che questa Civic sia completamente nuova basterebbe considerare l’ubicazione del serbatoio. Anziché essere sotto i sedili anteriore questo è stato ora spostato nella più tradizionale zona posteriore, scelta tecnica che ha permesso di abbassare la posizione di guida dei citati 3,5 centimetri ma soprattutto avvicinare il baricentro all’asfalto di un ulteriore centimetro. Le qualità dinamiche e il piacere di guida emergono infatti sin dai primi metri, in particolare grazie a uno sterzo molto curato che – assieme ad altri componenti – ha una messa a punto specifica per il mercato europeo. A metterci del loro ci sono il nuovo retrotreno Multilink e l’assetto regolabile, che nella modalità sportiva frena il rollio. Nel complesso il comportamento è sempre sicuro, molto stabile grazie alla notevole tenuta di strada e anche l’eventuale intervento dei controlli elettronici è ben calibrato. Grazie alla generosità di coppia ai bassi regimi il propulsore resta sempre silenzioso anche con il cambio CVT, tanto che scomodarlo al di sopra dei 2’000 giri/min. accade assai raramente. Questo, unito alle sospensioni gradevolmente morbide, fa della Civic una grande viaggiatrice e una vettura rilassante che tuttavia non disdegna una guida sostenuta, purché fluida. Lo stesso cambio CVT inficia purtroppo le oggettive qualità nella guida più spinta nonostante cerchi di simulare un cambio automatico con sette rapporti pre-impostati tramite un software, rapporti peraltro selezionabili tramite i classici ‘paddle’ posti dietro al volante. Chi ama la guida spinta, insomma, dovrebbe optare per il cambio manuale e/o attendere l’arrivo a breve della Type-R. Lo stesso CVT aiuta tuttavia a contenere i consumi dato che il propulsore si trova sempre al regime ottimale permettendole di segnare un consumo effettivo attorno ai 6,5 litri per 100 km.
Prodotta in Inghilterra ed esportata in tutto il resto del mondo, la nuova Civic non manca di sorprendere per l’incredibile rapporto qualità/prezzo a cui è proposta e l’ampiezza dei dispositivi di sicurezza attiva. Questi ultimi comprendono peraltro frenata automatica d’emergenza, un regolatore di velocità in grado di riconoscere altre vetture di fronte a noi che stanno entrando nella nostra corsia nonché un dispositivo che grazie a interventi allo sterzo e all’impianto frenante può evitare l’uscita di strada – o quantomeno ridurne le conseguenze.

Scheda Tecnica

ModelloHonda Civic
Versione1.5 VTEC Turbo Prestige
Motore4 cilindri benzina (turbo), 1.5 litri
Potenza, Coppia182 cv, 220 Nm
TrazioneAnteriore
CambioA variazione continua
Massa a vuoto1’366 kg
0-100 km/h8,5 secondi
Velocità massima200 km/h
Consumo medio6,1 L/100 km (dichiarato)
Prezzo:32’200 franchi
La compri se…ti piacciono le automobili dalla tecnica sofisticata, costruite attorno al guidatore, con cui distinguersi dalla massa. O più semplicemente se cerchi tanto spazio e una vettura rilassante nell’uso quotidiano

 

Tags
guida
civic
spazio
grazie
honda
cambio
km
vettura
passeggeri
cvt
© Regiopress, All rights reserved