polifemo-nel-cantone-di-nessuno-niente-mai
Ti-Press
Un’Odissea alla luganese
13.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:19

Polifemo nel cantone di Nessuno, niente, mai

Sarà stata l’astuzia di Ulisse a ispirare i municipali di Lugano durante gli interrogatori condotti dalla Procura?

a cura de laRegione

“Aiuto, aiuto, Nessuno vuole uccidermi”, urlava Polifemo dalla sua caverna, dopo che Ulisse aveva ficcato una lancia nel suo unico occhio per fuggire con i suoi uomini. Sarà stata l’astuzia dell’eroe di Itaca a ispirare i municipali di Lugano durante gli interrogatori condotti dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta per la demolizione dell’ex Macello? A rileggere durante il fine settimana le motivazioni date dal procuratore generale Andrea Pagani per giustificare il suo decreto di abbandono, l’idea di un’Odissea alla luganese non risulta poi così stravagante: Nessuno ha dato l’ordine di abbattere “tutto” il centro sociale del Molino (“claudicante passaggio d’informazioni”); Nessuno ha chiamato le ruspe alcune ore prima che gli autogestiti occupassero il Vanoni (“errore di compilazione da parte della ditta”); Nessuno, insomma, ha infranto la legge nella notte tra il 29 e il 30 maggio 2021. Un certo Juan José Saer, come Omero, potrebbe a questo punto darci il benvenuto nel cantone di Nessuno, niente, mai.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved