l-illusione-del-mercato-autoregolato
Ora la palla è nel campo della politica (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

La bocciatura della legge contro l’omofobia è il suo ennesimo errore strategico, figlio di arroganza e incapacità di raggiungere compromessi
Commento
1 gior

Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince

Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
2 gior

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
3 gior

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
5 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
6 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
1 sett

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
1 sett

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
1 sett

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
1 sett

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
L'analisi
 
16.09.2021 - 05:300

L’illusione del mercato autoregolato

Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società

Dato un certo livello di produttività del lavoro e acquisita una determinata quota di mercato, l’unica maniera per un’azienda di incrementare la propria redditività sarebbe attraverso un’intensificazione dello sfruttamento della manodopera, ovvero allungando la giornata lavorativa oppure pagando di meno il personale. Se invece vi fosse un mutamento delle condizioni quadro, circostanze che per esempio spingono al rialzo la retribuzione dei dipendenti – come può essere il caso dell’entrata in vigore di una norma costituzionale che stabilisce un salario minimo, valida per l’intera regione –, per l’impresa la sola chance di mantenere inalterato il volume del proprio profitto, sia in termini assoluti che relativi, starebbe nel riuscire a eludere tale disposizione.

È tutta qui la spiegazione di ciò che sta accadendo con le tre ditte del Mendrisiotto che, appoggiandosi all’associazione padronale ‘Ticino Manufacturing’ e all’organizzazione sindacale – o presunta tale – ‘TiSin’, hanno forzato i propri collaboratori ad accettare un Contratto collettivo di lavoro (Ccl) – o presunto tale –, il quale prevede retribuzioni inferiori rispetto a quanto stabilito nella legge sul salario minimo approvata dal parlamento e dal popolo, pronta a entrare in vigore il prossimo dicembre.

Diciamo che il principale problema del salario lordo di 15 franchi all’ora offerto dalla Plastifil di Mendrisio, dalla Ligo Electric di Ligornetto e dalla Cebi di Stabio è che, volente o nolente, comporta due “vantaggi”: alle imprese in questione permette di conservare inalterata la propria redditività. Mentre al personale frontaliero la paga oraria pattuita – di qualche franco inferiore a quanto previsto nella costituzione cantonale – consente in ogni caso di sbarcare il lunario, visto il costo della vita parecchio inferiore dall’altra parte del confine.

Di tutto ciò è ben consapevole l’avvocato Costantino Delogu, presidente della ‘Ticino Manufacturing’, il quale nei giorni scorsi ha apertamente dichiarato quanto sia ad oggi impossibile “indennizzare determinate attività manifatturiere ai salari orari definiti politicamente”. Un Delogu che nella sua presa di posizione non ci ha girato molto attorno: o così, oppure licenziamenti di massa e delocalizzazioni della produzione. All’avvocato ha fatto eco l’ex sindacalista Nando Ceruso, che in conferenza stampa ha difeso a spada tratta l’agire dell’organizzazione da lui presieduta: “Abbiamo agito in buona fede, in difesa del lavoro in Ticino”. Siamo sicuri?

In fondo, si tratta della storica contrapposizione tra due visioni: quella che crede ciecamente nella libertà di contrattazione tra privati in un mercato che si autoregola, e quella che invece conferisce allo Stato il compito di arbitro, col mandato di tutelare il tessuto socio-economico cantonale, sia dalla parte dei lavoratori, sia dalla parte delle imprese.

Resta il fatto che la legge sul salario minimo entrerà in vigore a dicembre. Sotto la soglia dei 19 franchi lordi l’ora, si dice, un lavoratore residente non riesce ad arrivare alla fine del mese. Una sorta di sottile ‘linea rossa’ per le aziende. E se è vero che tutte le imprese cercano il profitto costi quel che costi (anzi, meno costi più profitto), qui si tratta di una conseguenza logica: visto l’articolo costituzionale, una ditta con sede in Ticino deve essere in grado di ottenere plusvalore pagando i propri dipendenti non meno di 19 franchi all’ora. Altrimenti la sua attività da un punto di vista legale, ma anche economico, non ha ragion di essere.

Chiaro, la norma costituzionale ha almeno un grosso difetto: esclude dall’applicazione le aziende nelle quali i rapporti di lavoro sono regolati da un Ccl. Questo è in effetti il motivo per cui quanto sta succedendo con le tre aziende del Mendrisiotto, seppur deplorevole, non costituisce una violazione della legge, bensì un palese raggiramento. Ed è proprio lì, in quel “buco” (grazie @Erroi), che si sono infilate le tre ditte, ‘Ticino Manufacturing’ e ‘TiSin’, capogruppo e vice della Lega compresi.

Ora la palla è nel campo della politica. L’Mps in primis e il Ps poi hanno già annunciato delle iniziative parlamentari che chiedono l’abrogazione della controversa clausola di eccezione per i Ccl. Da un punto di vista giuridico non dovrebbero sorgere grandi intoppi di fronte a una tale revisione: fa stato la recente sentenza del Tribunale federale a proposito del caso neocastellano. Il problema più che altro è che una modifica costituzionale richiede tempo, e in questa storia tanto tempo a dire il vero non ce n’è (time is money). Nel mentre, a essere chiamato in causa per metterci una pezza potrebbe essere il Consiglio di Stato. Quale sia effettivamente il margine di manovra del governo in questa intricata vicenda è tutto da verificare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved