nord-stream-2-l-equilibrio-gassoso
I due leader hanno trovato la 'quadratura del cerchio' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
40 min

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle disuguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
4 ore

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
1 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
1 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
2 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
4 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
4 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior

Schiave invisibili dei trafficanti

Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
L'analisi
 
23.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:01

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?

Il progetto più controverso del Vecchio continente è ora realtà. Il Nord Stream 2 sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati, trovando la classica quadratura del cerchio: Washington rinuncia alle sanzioni contro le aziende che stanno terminando il gasdotto, in cambio dell’impegno di Berlino a garantire la sicurezza energetica continentale, compresa quella di Kiev; inoltre Mosca non potrà utilizzare il gas come arma geopolitica.

La Russia grida vittoria; Polonia, Ucraina e i Paesi baltici sono furibondi; l’Unione europea ne esce politicamente indebolita, non essendo riuscita a compattare tutti su un’unica linea. La Germania, invece, diventa ancora di più la potenza predominante tra i Ventisette: non solo colosso economico-tecnologico ma ora anche hub energetico. Il raddoppio del Nord Stream permetterà in effetti alla Russia di fornire agli europei gran parte del loro fabbisogno di gas, aggirando il transito per l’Ucraina, causa di ben due “guerre dell’oro blu” nel 2006 e nel 2009. Il peso geopolitico di Kiev si riduce di molto, tanto che Varsavia parla di nuovo patto ‘Ribbentrop-Molotov’.

Ma è davvero soltanto questa la lettura (apparente) di un evento in grado di rivoluzionare i destini europei nei prossimi decenni? Come hanno ben dimostrato gli antichi romani, l’edificazione di strade e infrastrutture è un’ottima occasione di sviluppo. Ma è l’uso che se ne fa di queste infrastrutture a determinare la bontà o meno dell’opera.

L’Occidente, è bene premetterlo, continua a comprare petrolio e gas da Mosca – verso la quale mantiene una certa dipendenza –, soprattutto per ragioni di equilibri globali, sperando nella conservazione della stabilità politica ed economica in Russia. Quanti più anni l’ex superpotenza comunista vivrà non affamata – sembra essere la logica occidentale –, maggiori saranno le probabilità che la democrazia possa mettere un giorno radici. Il problema è semmai che i ricchi proventi incassati in Occidente sono stati in parte spesi dai russi per lo sviluppo di nuove armi. Ma il rischio, secondo alcuni leader, ne vale la candela: sperano che la Russia alla fine si unisca alla crociata anti-cinese.

Il nodo centrale è però in realtà un altro: la Merkel si è impegnata a invertire la dinamica del rapporto tra produttori e compratori. Non dovrà essere più Mosca a dettare le regole, bensì l’Ue. Come fare? Diversificando ancor di più i propri approvvigionamenti. Fare, insomma, come fa Pechino, che quasi impone il prezzo di acquisto sul proprio mercato. Il gas, del resto, è un prodotto “regionale”.

Con questa mossa d’altronde la Casa Bianca apre al Cremlino e a Berlino. Continuare con le sanzioni non aveva più senso: l’opera si sarebbe completata lo stesso. In cambio Washington spera non solo di trovare nuovi alleati anti–cinesi, ma anche di inserirsi ancor di più nel ricco mercato energetico europeo. In particolare in Polonia e tra gli euroscettici.

L’Ucraina infine entra ancor di più nell’orbita Ue, facendo indirettamente una concessione, anche dolorosa, pur di aderire al “sogno europeo”. Bruxelles, invece, dovrà porre adesso maggiore attenzione: a Varsavia il Polexit (la Brexit alla polacca) acquisisce un argomento non da poco a sostegno delle sue tesi. Se l’ungherese Orban vincerà il referendum sulla legge Lgbtq saranno dolori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved