israele-palestina-manuale-di-una-tragedia
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
6 ore

I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha

Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior

Nella padella del ‘woke’

L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
laR
 
19.05.2021 - 05:30
di Aldo Sofia

Israele-Palestina, manuale di una tragedia

La tragica vicenda del conflitto é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale, con radici profonde anche al di fuori dell’area regionale

Al netto dei vari fideismi, per cui la ragione é irrilevante rispetto al credo religioso (quindi la terra promessa agli ebrei, o la supremazia dell’ ‘umma’ islamica per ogni metro quadrato conquistato dai successori di Maometto), la tragica vicenda del conflitto israelo-palestinese é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale. Con radici profonde, situate anche al di fuori dell’area regionale. Leggi antisemite, persecuzioni anti-ebraiche,  ghetti, pogrom si produssero in Europa e nell’impero di Russia ben prima della Shoah. E un iniziale ‘passo riparatore’ fu la promessa di una ‘homeland” per gli ebrei, attraverso la Dichiarazione Balfour, con il padre del sionismo Herzl che nemmeno escluse l’idea di una patria in Africa. Poi il ‘male assoluto’, il nazismo e il suo programma di sterminio anti-semita, con non poche complicità e voltafaccia tutt’intorno al Terzo Reich. Un Occidente colpevole e debitore nei confronti degli ebrei accettò di pagarne il prezzo anche morale, e compensò con la nascita dello Stato ebraico.                

Golda Meir parlò impropriamente di ‘una terra senza popolo, per un popolo senza terra’; più saggiamente, Ben Gurion ammise che bisognava capire ‘l’enormità di quanto chiesto agli arabi’. L’aggressione militare a Israele del 1948, fu seguita da oltre 70 anni di guerre, odio, incomunicabilità, ribellioni anche armate nei territori palestinesi occupati nel ’67 (quando sembrò realizzarsi il destino di un ’Israele biblico’), colonizzazione, annessione, violazioni del diritto internazionale, divieti di spostamento, confini alterati, muri, il peso dei religiosi accresciuto nei due campi, la proclamazione di Israele come Stato esclusivo degli ebrei, nazionalismo e fanatismo che si sommano in maniera esplosiva. E, oggi, un supplemento d’odio. Infatti, ecco la novità più significativa e allarmante, senza significativi precedenti: gli scontri fra arabi e israeliani non solo nella Gerusalemme eternamente contesa e in Cisgiordania fra coloni e palestinesi, ma anche all’interno dello Stato ebraico, nelle città a popolazione mista: Lod, Akko, Haifa, Jaffa, e in Galilea e nel Negev. Ferite profondissime, sorprendenti per molti israeliani, lasciate imputridire nei calcoli di una politica purtroppo lucida, che con Netanyahu e i suoi alleati nazional-ortodossi ha puntato all’indebolimento della parte laica dei palestinesi, negando tenacemente la prospettiva dei ‘due Stati’: che se realizzata avrebbero messo fuori gioco o molto indebolito Hamas.                     

Tutto corroborato da una comunità internazionale complice perché silente, passiva, rassegnata, spaventata dagli sconvolgimenti in tutta la regione e dal terrorismo entrato in casa, fino al “marchio trumpiano” di una presidenza statunitense sfacciatamente docile verso Israele. “Unica democrazia della regione”, si ripete; sì, ma democrazia solo per la parte dominante, come il Sud Africa prima di Mandela. In tal modo, sempre e comunque, si torna drammaticamente dalle parti della casella di partenza. Con nulla in mano. Se non la terribile concretezza del generale fallimento.

                                                                          

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gaza gerusalemme hamas israele palestina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved