israele-palestina-manuale-di-una-tragedia
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

La bocciatura della legge contro l’omofobia è il suo ennesimo errore strategico, figlio di arroganza e incapacità di raggiungere compromessi
Commento
1 gior

Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince

Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
2 gior

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
3 gior

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
5 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
6 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
1 sett

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
1 sett

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
L'analisi
 
19.05.2021 - 05:300

Israele-Palestina, manuale di una tragedia

La tragica vicenda del conflitto é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale, con radici profonde anche al di fuori dell’area regionale

Al netto dei vari fideismi, per cui la ragione é irrilevante rispetto al credo religioso (quindi la terra promessa agli ebrei, o la supremazia dell’ ‘umma’ islamica per ogni metro quadrato conquistato dai successori di Maometto), la tragica vicenda del conflitto israelo-palestinese é pragmaticamente una storia di conquista e possesso territoriale. Con radici profonde, situate anche al di fuori dell’area regionale. Leggi antisemite, persecuzioni anti-ebraiche,  ghetti, pogrom si produssero in Europa e nell’impero di Russia ben prima della Shoah. E un iniziale ‘passo riparatore’ fu la promessa di una ‘homeland” per gli ebrei, attraverso la Dichiarazione Balfour, con il padre del sionismo Herzl che nemmeno escluse l’idea di una patria in Africa. Poi il ‘male assoluto’, il nazismo e il suo programma di sterminio anti-semita, con non poche complicità e voltafaccia tutt’intorno al Terzo Reich. Un Occidente colpevole e debitore nei confronti degli ebrei accettò di pagarne il prezzo anche morale, e compensò con la nascita dello Stato ebraico.                

Golda Meir parlò impropriamente di ‘una terra senza popolo, per un popolo senza terra’; più saggiamente, Ben Gurion ammise che bisognava capire ‘l’enormità di quanto chiesto agli arabi’. L’aggressione militare a Israele del 1948, fu seguita da oltre 70 anni di guerre, odio, incomunicabilità, ribellioni anche armate nei territori palestinesi occupati nel ’67 (quando sembrò realizzarsi il destino di un ’Israele biblico’), colonizzazione, annessione, violazioni del diritto internazionale, divieti di spostamento, confini alterati, muri, il peso dei religiosi accresciuto nei due campi, la proclamazione di Israele come Stato esclusivo degli ebrei, nazionalismo e fanatismo che si sommano in maniera esplosiva. E, oggi, un supplemento d’odio. Infatti, ecco la novità più significativa e allarmante, senza significativi precedenti: gli scontri fra arabi e israeliani non solo nella Gerusalemme eternamente contesa e in Cisgiordania fra coloni e palestinesi, ma anche all’interno dello Stato ebraico, nelle città a popolazione mista: Lod, Akko, Haifa, Jaffa, e in Galilea e nel Negev. Ferite profondissime, sorprendenti per molti israeliani, lasciate imputridire nei calcoli di una politica purtroppo lucida, che con Netanyahu e i suoi alleati nazional-ortodossi ha puntato all’indebolimento della parte laica dei palestinesi, negando tenacemente la prospettiva dei ‘due Stati’: che se realizzata avrebbero messo fuori gioco o molto indebolito Hamas.                     

Tutto corroborato da una comunità internazionale complice perché silente, passiva, rassegnata, spaventata dagli sconvolgimenti in tutta la regione e dal terrorismo entrato in casa, fino al “marchio trumpiano” di una presidenza statunitense sfacciatamente docile verso Israele. “Unica democrazia della regione”, si ripete; sì, ma democrazia solo per la parte dominante, come il Sud Africa prima di Mandela. In tal modo, sempre e comunque, si torna drammaticamente dalle parti della casella di partenza. Con nulla in mano. Se non la terribile concretezza del generale fallimento.

                                                                          

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved