NY Rangers
1
SJ Sharks
0
1. tempo
(1-0)
WIN Jets
NJ Devils
02:00
 
il-lato-b-delle-motoslitte-tra-rispetto-e-maleducazione
Salti e velocità che dovrebbero essere limitati ai circuiti e non dove la gente ciaspola
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
1 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
2 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
2 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
3 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
4 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
4 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
4 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
6 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
6 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 sett

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
L'analisi
 
08.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 16:29

Il lato B delle motoslitte tra rispetto e maleducazione

Convivenza difficile in alta valle di Blenio, tra lepri falciate e controlli di polizia ‘annunciati’. Il problema non sono le motoslitte ma chi le guida

Sale la tensione in alta valle di Blenio, dove si fa sempre più difficile la convivenza sulle nevi tra indigeni (quelli che si tramandano la baita da generazione in generazione e amano il loro territorio), ciaspolari della domenica e certe motoslitte, quelle che vedi saettare ‘fuori pista’, a tutto gas, a caccia di emozioni forti, incuranti delle leggi, della vegetazione e delle lepri che rischiano di falciare al loro passaggio.

A far montare ancor di più la panna, i recenti controlli di polizia. Benvengano per carità, ma per essere efficaci dovrebbero essere a sorpresa, in realtà molti in alta valle pare sapessero in anticipo dell’arrivo degli agenti. Peccato, chi andava multato si è tenuto alla larga.

Salgo spesso da Piera verso la capanna di Dötra a piedi, lungo la strada comunale, tornante dopo tornante, tra una ciaspolata e l’altra, sento i commenti stizziti di coloro che hanno le baite e non ne possono più della maleducazione di chi, inforcando motoslitte da 20mila franchi, si inoltra fuori dalle strade innevate. “Fanno uno scempio”, è il commento più gentile che ho sentito. C’è chi riporta di macabre scoperte sui sentieri, lepri ritrovate, tranciate a metà, in zone dove dovrebbero passare solo i ciaspolari.

Nei giorni scorsi stavo camminando sopra Anveuda e ho sentito il rombare di almeno tre motoslitte, erano ‘illegalmente’ fuori pista, sentivi chiaramente le gasate per superare i pendii innevati, un sibilo insistente e tenace rotolava fino a valle, rompendo il piacevole silenzio della foresta. Una nota stonata. Ebbene sì, quando ti immergi nella natura per fare una passeggiata, il rombeggiare delle motoslitte è fastidioso, come pure l’odore acre di benzina che ti impregna il naso al loro passaggio, quando invece di rallentare, pigiano sul gas.

Mi chiedo perché certe motoslitte da neve fresca per acrobazie, quelle usate da chi va fuori pista, possono essere vendute in Svizzera. Quando ce l’hai in garage, la vuoi usare, e non solo per andare in cascina, come prevede la legge. Non ci sono nemmeno in Ticino circuiti per chi ama questo passatempo, senza rompere i timpani a tutti e investire animali.

Le motoslitte hanno tutto il diritto di circolare sulle strade innevate, se è per raggiungere una cascina e se si dispone di patente, targhe, assicurazione e autorizzazione rilasciata dal comune. Spesso è l’unico mezzo per raggiungere la baita, per rifornire una capanna o un grotto, per trasportare merce o anche turisti. Sì, perché in alta valle di Blenio, ci sono anche taxi motoslitte con carrozzine a rimorchio e autorizzazioni specifiche, che trasportano in quota chi a piedi non ci arriverebbe mai. Così l’alta montagna, anche in tempo di pandemia, diventa più accessibile e democratica. Chi conduce queste motoslitte rallenta o si ferma, quando incrocia ciaspolari o famiglie in slittino sapendo di essere la presenza più ‘pericolosa’ sulla strada. Non sai che cosa può sbucare a tutta velocità dalla prossima curva. Le motoslitte, e c’è un progetto ancora embrionale in valle, possono essere mezzi utili per i soccorsi, perché arrivano dove altri mezzi faticano. Ho visto più volte persone, sulla strada verso la capanna di Dötra, soccorse da taxi motoslitte, perché non ce la facevano più (né a salire, né a scendere) o perché, colti da un malore.


Taxi motoslitta in val di Blenio

Questo è il lato B della motoslitte. A fare la differenza, è chi le guida. Rispetto o maleducazione. Rispetto dell' ambiente, delle persone, degli animali, delle norme. Oppure la maleducazione di chi persegue solo il proprio divertimento, scambiando strade innevate per piste di Monza pur sapendo che si possono incrociare bambini in slitta, sciatori e ciaspolari. Certi incroci sulle strette stradine di montagna sono davvero da brivido.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved