Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Bologna
2
Fiorentina
3
fine
(1-1)
Spezia
0
Sassuolo
0
1. tempo
(0-0)
Venezia
1
Verona
0
1. tempo
(1-0)
Davos
Ambrì
15:45
 
GCK Lions
Winterthur
15:45
 
tardi-ma-ora-l-intesa-c-e
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
6 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
1 sett

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
L'analisi
24.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 15:19

Tardi, ma ora l’intesa c’è

Con l’accordo tra Italia e Svizzera, la fiscalità dei frontalieri cambierà rendendo forse più equo il mercato del lavoro a cavallo del confine

È un tema, quello della tassazione dei lavoratori frontalieri, che ha acceso il dibattito politico locale e tenuto banco per oltre un decennio. Ricordiamo quando, nell’estate del 2011, il Consiglio di Stato a maggioranza bloccò i ristorni fiscali che - stando a un accordo internazionale, quello appunto aggiornato ieri - spettavano all’Italia o meglio ai Comuni di residenza dei lavoratori frontalieri in una fascia di 20 chilometri dal confine svizzero. Una promessa retta dal diritto internazionale e disattesa dalla Svizzera per volontà del Ticino che in quell’accordo era, e continua a essere, principale parte in causa. Infatti è il nostro Cantone a farsi ‘ente pagatore’ per le imposte alla fonte prelevate dai redditi di lavoro dipendente dei frontalieri italiani che lavorano oltre che in Ticino, anche in Vallese e Grigioni. Erano gli anni delle discussioni sullo scambio automatico d’informazioni fiscali e si intravedeva all’orizzonte la fine del segreto bancario. Quella mossa diplomaticamente maldestra, che non fece piacere per prima all’allora consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, serviva comunque a fare pressione sull’Italia perché si sedesse a un tavolo per regolare, oltre alla tassazione dei lavoratori frontalieri ormai superata dal regime di libera circolazione delle persone tra Svizzera e Unione europea, anche l’accesso al mercato italiano da parte degli intermediari finanziari svizzeri, oltre all’annosa questione dei rapporti tra il Ticino e Campione d’Italia. Sappiamo come andò a finire. Lo scambio automatico d’informazioni arrivò regolarmente e nel frattempo la piazza finanziaria fece opera di ‘moral suasion’ nei confronti della clientela italiana affinché aderisse ai programmi di emersione di capitali illecitamente esportati. Il libero accesso al mercato italiano dal Ticino è rimasto invece lettera morta con buona pace di ‘roadmap’ varie e tante belle parole.

Ora, a distanza di quasi un decennio da quelle schermaglie diplomatiche e a cinque anni dalla prima sigla sotto una bozza di accordo mai firmata dai rispettivi ministri, è arrivata probabilmente la parola fine anche alle mille polemiche politiche tutte ticinesi. Negli ultimi giorni c’è stato chi – giocando sui soliti stereotipi – ha accusato gli italiani di essere sostanzialmente inaffidabili e levantini, mettendo in dubbio anche la buona fede del suo consigliere federale, il responsabile delle finanze Ueli Maurer che proprio negli scorsi mesi si è speso in prima persona per arrivare a un accordo entro la fine dell’anno. Lo aveva promesso a Bellinzona lo scorso ottobre e così è stato, riabilitando anche la controparte italiana. 

L’intesa che regolerà il trattamento fiscale dei redditi dei frontalieri conseguiti in Svizzera, una volta giunta a regime, supererà il sistema dei ristorni. Ogni Stato di fatto tasserà i redditi secondo il proprio sistema tributario. Del resto la base legale affinché l’Italia tassi i redditi conseguiti all’estero dai suoi contribuenti esiste dal 2003. In questo modo il Ticino potrà trattenere molto di più di quanto preleva oggi: l’80% del gettito fiscale di questi redditi, rispetto all’attuale 62%. Non si fanno cifre, ma dovrebbero essere decine i milioni di franchi in più ogni anno che rimarranno nelle casse ticinesi.

Questa però è musica del futuro. Dal 2022, anno in cui dovrebbe entrare in vigore l’accordo – sperando che l’iter di ratifica tra Italia e Svizzera non prenda troppo tempo – e fino al 2033 esisterà una sorta di ‘doppio binario’ fiscale tra nuovi e vecchi frontalieri. Questi ultimi continueranno a essere tassati con l’attuale sistema dei ristorni. Ma gli accordi si fanno in due. Ed è questa clausola il prezzo da pagare per portare a casa l’obiettivo principale: incassare di più e rendere il mercato del lavoro transfrontaliero più equo, anche se in modo dilazionato nel tempo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved