laR+ IL COMMENTO

Due anni di guerra in Ucraina, uno scontro di valori

Il 24 febbraio 2022 è stata solo buttata la maschera: la Russia non accetta il tramonto del suo impero, non permette che Kiev si leghi all’Occidente

In sintesi:
  • È tutto un commento, è tutta una ‘visione’. Ma dove sono i fatti?
  • Al tempo della globalizzazione Putin intende imporre le sfere di interesse, come nel 20esimo secolo
Sul terreno l’esercito ucraino appare in difficoltà
(Keystone)
24 febbraio 2024
|

Due anni terribili. Due anni pieni di morti, di distruzione, di negazione dell’umanità.

Ricordiamo la rabbia che provammo ascoltando il discorso all’alba di quel drammatico 24 febbraio 2022 di Vladimir Putin, quando il capo del Cremlino annunciò l’inizio della ‘Operazione militare speciale’ in Ucraina. Da quel momento, che in futuro gli storici considereranno uno spartiacque tra epoche diverse, il mondo non è più lo stesso. Basta guardarsi attorno e ci si rende conto che l’abisso di un conflitto globale è tremendamente vicino.

È molto peggio oggi – la conclusione – che ai tempi della Guerra Fredda. L’imprevedibilità di attori fuori controllo la fa da padrone; l’irresponsabilità di leader, che alzano la posta costantemente e non dicono la verità, ha trasformato gli organismi internazionali in ring di pugilato.

A parte l’uso in forma industriale della nuova tecnologia – leggi droni, computer e missili ipersonici –, sui campi di battaglia e contro i civili, l’elemento che colpisce di più della tragedia russo-ucraina è come sia stata violentata la comunicazione di massa. Falsificazioni, mistificazioni, imprecisioni dilettantesche! È tutto un commento; è tutta una ‘visione’! Ma signori, dove sono i fatti? Quale la verità? Quali le fonti? Perché è successo tutto questo?

Le origini della tragedia sono da ricercare nella scelta improvvisa e non spiegata alla popolazione dell’allora presidente ucraino Yanukovych di non firmare più nel novembre 2013 il Patto di associazione economica con l’Unione europea dopo anni di riforme politico-giuridico-sociali. A un certo punto a Kiev tutto era “euro”. Poi, dopo un viaggio a Sochi da Putin, Yanukovych decise clamorosamente per il no.

Quindi l’inizio delle proteste; del pestaggio a sangue di giovani da parte delle squadre antisommossa con le campane delle chiese capitoline che suonavano all’impazzata come ai tempi della Rus’, quando si chiamava a raccolta la gente per la difesa dall’invasione dei mongoli; del milione in piazza il giorno dopo a difendere la democrazia e lo Stato di diritto. Ecco l’EuroMajdan, con Kiev presidiata per mesi da migliaia di dimostranti. Tra il 18 e il 21 febbraio 2014 Janukovich tentò di riprendere la situazione sotto controllo con la forza. Non vi riuscì. Lui e i suoi ‘amici’ fuggirono in Russia coi forzieri pieni, mentre Putin iniziò l’operazione di ‘annessione’ della Crimea – completata il 18 marzo – e un manipolo di irregolari ultranazionalisti russi, giunti da oltrefrontiera, mise a ferro e fuoco il Donbass. Sia il presidente sia il capo dei ‘patrioti’ Strelkov ce l’hanno raccontato per filo e per segno.

Seguirono un anno e mezzo di battaglie – ufficialmente il Cremlino ne era fuori – tra i ‘separatisti filo-russi’ e i governativi di Kiev, con 14mila morti. Quindi la realtà della ‘guerra congelata’.

Il 24 febbraio 2022 è stata solo buttata la maschera: la Russia non accetta il tramonto del suo impero; non permette che Kiev si leghi all’Occidente; non vuole interferenze nello spazio ex sovietico. Al tempo della globalizzazione Putin intende imporre le sfere di interesse, come nel 20esimo secolo. Non comprende che i popoli possano decidere in libertà il loro destino autonomamente da vicini prepotenti. Ecco spiegato perché il precipizio è a un passo e riguarda tutti. Questo è uno scontro di valori.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE