ULTIME NOTIZIE Opinioni
naufraghi.ch
20 ore

Un sisma nel cuore di infinite tragedie

Da Aleppo al Rojava, questo terremoto mette a dura provi luoghi in cui la sofferenza è di casa. E anche la Turchia fa i conti con le politiche di Erdogan
L'analisi
23 ore

Lugano, il Plan B resta criptico

Discussione generale in Consiglio comunale senza colpi di scena: tanto fumo e poche informazioni utili alla cittadinanza
IL COMMENTO
1 gior

La sfida tra Zali, sfinge non più così impassibile, e l’elefante

Le dichiarazioni del direttore del Dt sull’alleanza con l’Udc sono una bomba che rischia di esplodere, e mostrano un mix tra fastidio e preoccupazione
La formica rossa
2 gior

A Carnevale ogni firma vale?

Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
2 gior

Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione

È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
4 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
5 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
6 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 sett

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 sett

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
IL COMMENTO
laR
 
15.11.2022 - 05:20
Aggiornamento: 17:06

Giustizia trasparente, nell’interesse di tutti

L’accoglimento, da parte del Tf, del ricorso per l‘accesso al decreto di abbandono ‘Chiappini’ è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’

giustizia-trasparente-nell-interesse-di-tutti
Keystone
Colonne portanti dello Stato di diritto
In questo articolo si parla di:
  • Il controllo dell’attività della magistratura è un caposaldo dello Stato di diritto
  • Un decreto di abbandono equivale a una sentenza assolutoria pronunciata da una Corte al termine di un processo (pubblico)
  • Anche un decreto di archiviazione può raccontare molto di una persona e di una vicenda

L’accoglimento integrale, da parte del Tribunale federale, del ricorso che avevamo inoltrato contro le forti limitazioni imposteci dalla Corte ticinese dei reclami penali nell’accesso al decreto d’abbandono emesso dal Ministero pubblico, peraltro cresciuto già in giudicato, nei confronti di don Azzolino Chiappini, è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’. Ed è una vittoria non solo sul piano giuridico. Il recente verdetto della massima istanza giudiziaria elvetica riconosce, e ribadisce, il diritto dei media – dunque dell’opinione pubblica, dunque dei cittadini – di apprendere i fatti e i motivi per cui la Procura decreta l’archiviazione di un procedimento penale. E questo per consentire di capire come si è giunti alla decisione e di valutare l’agire dell’autorità giudiziaria, stabilendo anche se eventuali polemiche al suo indirizzo siano fondate o meno. La recente sentenza dei giudici di Mon Repos riguarda pertanto tutti quanti hanno a cuore la trasparenza della giustizia. Il controllo dell’attività della magistratura è un caposaldo dello Stato di diritto.

E non siamo gli unici a sostenerlo. Lo rammenta il Tribunale federale nel verdetto, quando richiama le disposizioni della Costituzione federale e della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Le quali "sanciscono il principio della pubblicità della giustizia" che rappresenta, si sottolinea nella decisione, "un principio fondamentale dello Stato di diritto che permette a chiunque di assicurarsi che la giustizia sia resa correttamente, tutelando la trasparenza e la fiducia nei tribunali ed evitando l’impressione che determinate persone possano essere favorite o sfavorite ingiustificatamente dalle autorità giudiziarie".

Un decreto di abbandono equivale a una sentenza assolutoria, a una sentenza di assoluzione pronunciata da una Corte al termine di un processo (pubblico). Per questo il principio della pubblicità, ancorato al terzo capoverso dell’articolo 30 della Costituzione federale, vale anche per i decreti d’abbandono. È quanto ricorda la prima Corte di diritto pubblico del Tribunale federale.

Anche un decreto di archiviazione può raccontare molto di una persona e di una vicenda intorno alle quali c’è stato o c’è un grande e giustificato interesse pubblico. Era successo per esempio con il caso Argo 1, dal nome della società privata di sicurezza incaricata dal Cantone di sorvegliare i centri per i richiedenti asilo. Nessun rimprovero di carattere penale, ma diversi quelli mossi dal Ministero pubblico sul piano amministrativo e contenuti appunto nella decisione di abbandono del procedimento giudiziario. Furono questi ultimi, insieme ai risultati dell’inchiesta parlamentare, a generare contraccolpi politici. O meglio, a contribuire alla mancata rielezione del consigliere di Stato titolare all’epoca del Dipartimento sanità e socialità.

Ci auguriamo poi che la sentenza dei giudici federali stimoli il restyling del sito online dell’Amministrazione cantonale dedicato alla pubblicazione delle sentenze delle corti ticinesi. Oggi non è aggiornato in maniera tempestiva, è incompleto e di conseguenza non è fruibile. Dal febbraio 2021 è pendente una mozione al Consiglio di Stato dei deputati Sabrina Aldi (Lega) e Fiorenzo Dadò (Centro/Ppd) per migliorarlo. Sarebbe ora. Per garantire una Giustizia trasparente, alla quale tutti possano accedere.

Leggi anche:

Don Chiappini, laRegione vince il ricorso al Tribunale federale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved