ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
20 ore

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
IL COMMENTO
1 sett

Giustizia trasparente, nell’interesse di tutti

L’accoglimento, da parte del Tf, del ricorso per l‘accesso al decreto di abbandono ‘Chiappini’ è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’
il commento
1 sett

Biden-Xi Jinping: finalmente...

Il primo faccia a faccia, lungamente preparato in vista del G20, scongiura il peggio e allontana un’escalation militare globale
IL COMMENTO
1 sett

Ps, adesso la vera prova sarà la corsa per il Gran Consiglio

Ufficializzate le candidature di Carobbio e Demaria, il focus si sposta sul parlamento dove per i socialisti sarà fondamentale fare bene
IL COMMENTO
2 sett

Tra armi, pace e giustizia

Cosa ci dice la ritirata russa a Kherson delle sorti della guerra? Alcuni spunti di riflessione
Il commento
laR
 
04.10.2022 - 05:30
Aggiornamento: 20.10.2022 - 07:13

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?

troppe-segnalazioni-cadute-nel-vuoto-serve-un-filo-diretto
Ti-Press
Abbiamo numeri verdi per ogni problema
  • Il caso del 39enne accusato di atti sessuali con fanciulli deve farci riflettere sulle importanti lacune nella comunicazione a più livelli
  • C’è da migliorare e la Scuola deve farsi parte attiva nella ricerca di soluzioni efficaci

Abbiamo infoline e numeri verdi per ogni problema: dal gioco d’azzardo, all’alcolismo, al numero amico per i momenti di crisi e, con la pandemia, è stato creato anche quello per le domande sul coronavirus. Perché non creare anche un numero a disposizione degli allievi cui rivolgersi per segnalare molestie, pesanti attenzioni o importanti situazioni di disagio? Un canale diretto, come potrebbe essere un numero WhatsApp, gestito da una figura specializzata del Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) da contattare se si ritiene di essere oggetto di attenzioni sgradite da parte di docenti. Il caso del 39enne ex direttore della scuola media del Luganese arrestato il mese scorso con l’accusa di atti sessuali con fanciulli è emblematico e deve farci riflettere sulle importanti lacune presenti nella comunicazione a più livelli. Nella delicata vicenda, le segnalazioni giunte dai genitori preoccupati sono state gestite all’interno dell’istituto ma non avrebbero mai raggiunto la direzione del Decs. Una comunicazione che si sarebbe inceppata e che, in mancanza di soluzioni pragmatiche, rischia di interrompersi di nuovo. C’è da migliorare e la Scuola deve farsi parte attiva nella ricerca di soluzioni efficaci. Durante l’incontro con i media di settimana scorsa, il direttore del Decs Manuele Bertoli ha fatto presente che se le segnalazioni non fanno il loro corso bisogna trovare altri canali. Quali sono esattamente? Gli allievi lo sanno? Sarebbe utile promuoverli tra di loro in modo che possano orientarsi e sapere cosa fare in caso di bisogno. Ecco perché un numero WhatsApp potrebbe essere una soluzione facile e diretta.

A titolo di esempio voglio ora raccontare delle situazioni che ho vissuto quando frequentavo la scuola media per mostrare come la comunicazione possa interrompersi a vari stadi dell’ordine gerarchico. Siamo nella scuola media di Cadenazzo, è il mese di giugno dell’anno 2001: nella corte interna dell’istituto viene organizzata una festa di fine anno. Siamo contenti di trovarci tra di noi prima delle vacanze estive, io e le mie compagne siamo anche un po’ agitate: è la prima occasione per ballare un lento con i ragazzi. Qualcuna ha pure portato una matita per truccarci gli occhi, ‘così sembriamo più grandi’, in realtà abbiamo solo dodici anni… Arriva il momento dei balli lenti, tra risate e un velo di imbarazzo balliamo con i nostri compagni. A un certo punto però si avvicinano anche tre docenti che si mettono a ballare con noi. Siamo a disagio nel sentirci strette a loro, un contatto vicino, troppo vicino, con uomini molto più grandi. Non ci era mai successo, è accaduto a scuola. Ne parliamo tra di noi e da quel contatto fisico capiamo inequivocabilmente che due di questi docenti avevano provato dell’eccitazione durante quei balli. La situazione ci imbarazza a tal punto che non raccontiamo niente né ai nostri genitori né alla direzione (che peraltro alla festa era presente). Per un allievo che frequenta le Medie non è sempre facile rivolgersi ai genitori e affrontare argomenti che riguardano la sessualità. Sarebbe stato più facile esternare questo disagio a un servizio apposito.

Altro esempio. Siamo sempre a Cadenazzo, anno 2003. Uno di quegli insegnanti che aveva ballato con noi, con varie scuse mi obbliga a trascorrere diverse ricreazioni (pause sacre per ogni allievo) in sua compagnia. Dice che deve fare la sorveglianza e io devo aiutarlo. Le prime volte è una punizione: "Visto che durante la mia lezione hai chiacchierato a ricreazione dovrai stare con me". In classe divento muta. La strategia cambia: "Visto che hai i pantaloni militari puoi aiutarmi a pattugliare la scuola". Io mangio la foglia e stufa di vedermi privata delle mie pause e costretta a stare in sua compagnia mi rivolgo al mio docente di classe cui spiego la situazione. La sua risposta mi lascia di sasso: "Si vede che gli piaci". Mi sono sentita a disagio, perché avevo quattordici anni e perché non mi sono sentita ascoltata. Anche in questo caso un filo diretto allievo-Decs avrebbe aiutato. Altro esempio con un altro docente, sempre a Cadenazzo in quegli anni: durante la ricreazione un’allieva è seduta su una ringhiera con le gambe divaricate, il docente l’afferra per tirarla verso di sé. Lo stesso insegnante, famoso per le continue battutine a sfondo sessuale fatte in classe, durante una gita scolastica scatta delle foto alle ragazze mentre fanno il bagno nel mare. Le allieve, molto a disagio, se ne accorgono e di nascosto riescono a cancellare le immagini dall’apparecchio. Per denunciare i comportamenti di questo insegnante le allieve di una classe scrivono una lettera alla direzione, ma il suo comportamento non cambia. In questo caso la comunicazione è stata interrotta al livello superiore, quello della direzione. Troppe segnalazioni cadute nel vuoto, troppe voci non ascoltate, ecco perché ci vuole un filo più diretto.

Leggi anche:

Docente arrestato, quelle antenne che funzionano a singhiozzo

Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved