ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
7 ore

Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino

Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 gior

Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro

La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 gior

Materiale infiammabile

I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
2 gior

Imposta di circolazione, dalla confusione al circo

Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
3 gior

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
4 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
5 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
laR
 
29.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:38

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro

di Aldo Sofia
la-rivoluzione-contro-il-velo
Una dimostrante con la foto di Mahsa Amini (Keystone)
  • Sia Russia e Cina che Usa hanno finito per agevolare un’ulteriore involuzione politica in Iran
  • La rivolta contro un governo arcaico e violento è eroica, ma per bruciare il regime potrebbe non bastare

Del progettato ‘mondo altro’, o alternativo all’Occidente, che Cina e Russia proclamano di voler edificare sulle macerie della tragedia ucraina, dovrebbe far parte anche l’Iran teocratico: non a caso, visto che Xi Jinping fa incetta di petrolio persiano, mentre Putin è legato al regime degli ayatollah nella difesa militare della dittatura sanguinaria di Bashir Assad in Siria. Il tasso di democraticità non è del resto una preoccupazione del nuovo (per ora incerto) nuovo asse internazionale in gestazione, visto che le due ‘capitali guida’, Pechino e Mosca, non sono certo modelli basati sullo Stato di diritto.

Va tuttavia ricordato che gli Stati Uniti (con l’Europa più o meno al traino) non sono estranei all’ennesima tragedia che sta vivendo l’Iran, visto che sono state le pesantissime sanzioni economiche volute da Trump – varate insieme alla ingiustificata disdetta dell’accordo sul nucleare – a indebolire fortemente la parte più moderata degli ayatollah, favorendo l’arrivo alla presidenza dell’ultraconservatore Ebrahim Raisi. Insomma: sia ad Est sia ad Ovest, pur con propositi diversi, c’è stata una obiettiva coincidenza nel favorire il peggior governo dell’arcaico e violento clero, che ha contribuito a trascinare una nazione con notevoli potenzialità in un vortice di crisi economica, povertà, corruzione, e leggi sempre più liberticide.


‘Sos Iran’ (Keystone)

È la coraggiosissima ‘ribellione del velo’, partita dalla regione curda del Roijla, dopo l’uccisione in carcere, per mano della truce ‘polizia morale’, della 22enne Mahsa Amini, arrestata perché ‘colpevole’ di indossare in ‘modo non conforme’ lo hijab, obbligatorio per legge e che non deve coprire solo la testa, ma anche collo e gote. Tragica scintilla che ha infiammato diverse regioni, principali protagoniste le donne: taglio in pubblico dei capelli, veli dati alle fiamme, soprattutto lo slogan ‘donna-vita-libertà’.

Da parte del regime islamico l’immancabile risposta: soltanto pallottole, e in tre settimane almeno una settantina di morti, migliaia di fermati de ieri anche l’arresto della figlia dell’ex presidente Rafsanjani, musulmana in chador ma attivista per i diritti umani, aveva definito l’uccisione di Amini ‘terrorismo di Stato’. Le dimensioni assunte dalla protesta, l’aperta solidarietà degli uomini, e il fatto che essa sia animata da ragazze diventate anche le principali vittime della repressione, rende diversa questa protesta da quelle che l’hanno preceduta soprattutto nell’ultimo ventennio. Non mobilita soltanto giovani e studenti della piccola borghesia, ma riguarda tutte le classi sociali.


Proteste per Mahsa Amini in Germania (Keystone)

"Bruciare il velo – spiega il regista Fariborz Kamkari, costretto all’esilio – equivale a bruciare la bandiera stessa del regime, che usa lo hijab come rappresentazione della sua ideologia… e umilia il corpo delle donne per marginalizzarle togliendo loro ogni effettivo ruolo politico culturale, e sociale, e comunque in questa sollevazione c’è la sofferenza di tutto un popolo". Certe esitazioni del regime, le (inedite) scuse del capo dello Stato alla famiglia di Mahsa Amini, alcune voci dall’interno dell’apparato dirigente contro metodi e violenza della ‘polizia morale’, segnalano le preoccupazioni dei vertici. Che tuttavia conservano sicuramente la determinazione e l’apparato repressivo necessari per soffocare la ribellione, servendosi oltretutto dello spauracchio della presunta volontà secessionista e indipendentista della minoranza curda.

Difficile immaginare che con la rivoluzione del velo possa bruciare anche il regime. Soprattutto se continuerà a godere della complicità di quel ‘mondo alternativo’ a traino russo-cinese.


La contro-protesta di Stato a Teheran, a sostegno dello status quo (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved