ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:33

Afghanistan, la vile ritorsione per una guerra persa

La denuncia della ricercatrice Fereshta Abbasi: ‘Gli afghani vivono un incubo, vittime della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale’

di Aldo Sofia
afghanistan-la-vile-ritorsione-per-una-guerra-persa
Keystone
La ‘sparizione del corpo delle donne’

Ci si interroga da tempo per capire se il ‘mondo nuovo’ (quello che ridisegnerà i rapporti di forza fra Occidente e Russia-Cina) sia nato il 24 febbraio scorso, con l’invasione dell’Ucraina, o piuttosto il ferragosto di un anno fa, con la caduta programmata di Kabul nelle mani dei talebani.

Visto dal Cremlino, e non solo, l’agosto 2021 fu la prova certa del declino e del disimpegno strategico del gendarme globale americano: l’abbandono dell’Afghanistan dopo due decenni, annunciato da Obama, concordato da Trump coi talebani (l’intesa di Doha condensata in quattro ambigue paginette, in cui la principale preoccupazione Usa è di ripetere per ben 14 volte che Washington non riconoscerà il rinato Emirato islamico), attuato infine nel peggior modo possibile da Biden. Putin ne avrà sicuramente tratto la convinzione che, preparati da diversi anni, potevano essere accelerati i piani dell’‘operazione militare speciale’ per l’annessione sostanziale dell’Ucraina, trasformando la ‘piccola Russia’ dell’ex impero nel teatro della peggior tragedia europea dal 1945.

È anche possibile che per rimediare allo spettacolo offerto con lo ‘spettacolo afghano’, la Casa Bianca abbia deciso di gonfiare i muscoli nei confronti della Cina sul problema di Taiwan, subito dichiarando che "Formosa non sarà mai Kabul", e poi non condannando con fermezza l’insensato viaggio sull’isola della speaker della Camera Nancy Pelosi.

Un anno dopo, è il dramma dell’Afghanistan – troppo in fretta dimenticato – a doverci interrogare. Per cominciare, la gravissima situazione umanitaria: secondo i dati della Croce Rossa Internazionale 20 milioni di persone, circa la metà della popolazione, vive al di sotto del livello di povertà, mentre altre organizzazioni umanitarie denunciano lo stato di malnutrizione acuta per tre milioni di bambini, ragazzine vendute da famiglie disperate, e l’elenco è assai parziale.

Poi, l’unico punto certo su cui i divisi gruppi jihaddisti concordano: la "sparizione del corpo delle donne", coperte da velo, burqa, divieti, paura, frequentazione della scuola solo fino a 12 anni, perseguitate sia dal ritorno della tradizione sia dai maniaci controlli del Ministero "per la promozione della virtù", e le pallottole dei kalashnikov che sibilano sopra le teste di gruppi di coraggiosissime donne che comunque protestano pubblicamente. Infine, la quasi certezza che il Paese stia ridiventando quello che i talebani avevano promesso di non voler più essere: la piattaforma del radicalismo islamico, come dimostra la presenza e l’uccisione a Kabul, con drone statunitense, del capo di al-Qaeda e successore di Bin Laden, al-Zawahiri.

Ma c’è anche, pesantissima, la decisione dei governi occidentali d’isolare gli ‘eredi del mullah Omar’ dopo averli riportati al potere, di congelare 9 miliardi di dollari all’estero appartenenti alla Banca centrale afghana, di ridurre drasticamente gli aiuti stranieri pur sapendo che prima della resa garantivano il 75 per cento della spesa pubblica. Uso ideologico dell’aiuto umanitario. Denuncia perciò Fereshta Abbasi, ricercatrice afghana di Human Rights Watch: "Gli afghani vivono un incubo, vittime della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale". Obiettivamente complici nell’affamare un popolo. Intollerabile eredità e vile ritorsione per una guerra persa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved