ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
8 ore

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:33

Afghanistan, la vile ritorsione per una guerra persa

La denuncia della ricercatrice Fereshta Abbasi: ‘Gli afghani vivono un incubo, vittime della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale’

di Aldo Sofia
afghanistan-la-vile-ritorsione-per-una-guerra-persa
Keystone
La ‘sparizione del corpo delle donne’

Ci si interroga da tempo per capire se il ‘mondo nuovo’ (quello che ridisegnerà i rapporti di forza fra Occidente e Russia-Cina) sia nato il 24 febbraio scorso, con l’invasione dell’Ucraina, o piuttosto il ferragosto di un anno fa, con la caduta programmata di Kabul nelle mani dei talebani.

Visto dal Cremlino, e non solo, l’agosto 2021 fu la prova certa del declino e del disimpegno strategico del gendarme globale americano: l’abbandono dell’Afghanistan dopo due decenni, annunciato da Obama, concordato da Trump coi talebani (l’intesa di Doha condensata in quattro ambigue paginette, in cui la principale preoccupazione Usa è di ripetere per ben 14 volte che Washington non riconoscerà il rinato Emirato islamico), attuato infine nel peggior modo possibile da Biden. Putin ne avrà sicuramente tratto la convinzione che, preparati da diversi anni, potevano essere accelerati i piani dell’‘operazione militare speciale’ per l’annessione sostanziale dell’Ucraina, trasformando la ‘piccola Russia’ dell’ex impero nel teatro della peggior tragedia europea dal 1945.

È anche possibile che per rimediare allo spettacolo offerto con lo ‘spettacolo afghano’, la Casa Bianca abbia deciso di gonfiare i muscoli nei confronti della Cina sul problema di Taiwan, subito dichiarando che "Formosa non sarà mai Kabul", e poi non condannando con fermezza l’insensato viaggio sull’isola della speaker della Camera Nancy Pelosi.

Un anno dopo, è il dramma dell’Afghanistan – troppo in fretta dimenticato – a doverci interrogare. Per cominciare, la gravissima situazione umanitaria: secondo i dati della Croce Rossa Internazionale 20 milioni di persone, circa la metà della popolazione, vive al di sotto del livello di povertà, mentre altre organizzazioni umanitarie denunciano lo stato di malnutrizione acuta per tre milioni di bambini, ragazzine vendute da famiglie disperate, e l’elenco è assai parziale.

Poi, l’unico punto certo su cui i divisi gruppi jihaddisti concordano: la "sparizione del corpo delle donne", coperte da velo, burqa, divieti, paura, frequentazione della scuola solo fino a 12 anni, perseguitate sia dal ritorno della tradizione sia dai maniaci controlli del Ministero "per la promozione della virtù", e le pallottole dei kalashnikov che sibilano sopra le teste di gruppi di coraggiosissime donne che comunque protestano pubblicamente. Infine, la quasi certezza che il Paese stia ridiventando quello che i talebani avevano promesso di non voler più essere: la piattaforma del radicalismo islamico, come dimostra la presenza e l’uccisione a Kabul, con drone statunitense, del capo di al-Qaeda e successore di Bin Laden, al-Zawahiri.

Ma c’è anche, pesantissima, la decisione dei governi occidentali d’isolare gli ‘eredi del mullah Omar’ dopo averli riportati al potere, di congelare 9 miliardi di dollari all’estero appartenenti alla Banca centrale afghana, di ridurre drasticamente gli aiuti stranieri pur sapendo che prima della resa garantivano il 75 per cento della spesa pubblica. Uso ideologico dell’aiuto umanitario. Denuncia perciò Fereshta Abbasi, ricercatrice afghana di Human Rights Watch: "Gli afghani vivono un incubo, vittime della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale". Obiettivamente complici nell’affamare un popolo. Intollerabile eredità e vile ritorsione per una guerra persa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved