taiwan-sdraiata-su-una-mina
Benvenuta a Taiwan, Nancy Pelosi (Keystone)
+1
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
16 ore

I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha

Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior

Nella padella del ‘woke’

L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
04.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:50

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino

C’è un film su un posto disgraziato e conteso che racconta tutti i posti disgraziati e contesi di questo mondo. Ha più di vent’anni e un nome che dice già tutto: "No Man’s Land", ovvero "Terra di nessuno". La storia, ambientata nei Balcani, in una trincea a metà strada fra il fronte serbo e quello bosniaco, si svolge in un microcosmo dolente in cui il tempo sembra schiacciare tutto e tutti, come sempre accade in guerra. Nei personaggi, il soldato serbo e il bosniaco (che si alternano tragicomicamente nel ruolo di vittima e carnefice), la giornalista, il sergente dell’Onu con un cuore e il suo superiore senza, ognuno può rivederci gli attori di ogni conflitto. Poi c’è Tzera, il soldato sdraiato su una mina, in attesa di soccorsi che arriveranno eppure non serviranno a nulla, perché la mina non si può disinnescare.

Tzera, come in un paradosso, è vivo eppure è già morto. Il suo destino è già segnato: se si muove, o qualcuno lo muove, salta per aria, se resta fermo lo attende un’agonia sfibrante e identica sorte.

Taiwan è Tzera, sdraiata sulla mina che le impedisce di fare qualsiasi cosa mentre intorno tutti gli altri armeggiano, minacciano, atterrano, sorvolano, mostrano i muscoli, i trattati, le mostrine: è la Terra di nessuno, e tutti possono muoversi come credono, tranne che per sollevare Taiwan da quella mina, che farebbe saltare in aria pure i loro interessi.


Una scena di "No Man’s Land" di Denis Tanovic (YouTube)

Per questo a Taipei nessuno voleva davvero che arrivasse Nancy Pelosi, eppure l’hanno ringraziata, perché gli americani servono a questa democrazia con gli anni contati (per Pechino entro il 2049, centenario della Repubblica Popolare, deve rientrare nei ranghi). Gli Stati Uniti sono un alleato fondamentale, e senza di loro probabilmente Taiwan sarebbe da tempo qualcos’altro, qualcosa che a loro – che hanno assaggiato la democrazia e che votano davvero i loro governanti, senza vederseli paracadutare dal Partito – non piace.

Ne sa qualcosa Hong Kong, che era dentro un patto simile e non rispettato: ‘Dal 1997 non sarete più parte del Regno Unito, ma non diventerete mai del tutto Cina’. Venticinque anni dopo a Hong Kong ci sono elezioni pilotate, leggi-bavaglio per zittire la stampa non allineata, commando pronti a bloccare ogni gesto di ribellione, retate per mettere in galera, senza equo processo, tutti quelli che pensano a un bivio rispetto alla strada tracciata da Pechino.

A Hong Kong, lo scorso 4 giugno, è stata vietata la storica veglia che ricorda le proteste di piazza Tiananmen: c’erano sempre migliaia di persone, stavolta non c’era nessuno o quasi. I sei che si sono esposti sono stati arrestati. Era una democrazia, doveva diventare Terra di nessuno, ma i cinesi - che ne hanno fiutato la pericolosità - stanno cercando di accelerare il processo di assimilazione in tutte le maniere, comprese quelle forti.


Proteste anti-Pelosi a Hong Kong (Keystone)

A Taiwan, il 4 giugno, c’erano invece centinaia di persone in piazza a ricordare Tiananmen, nonostante Pechino avesse fatto pressione. Si sentono una democrazia, con cenni minimi lo fanno capire ogni volta che possono, ma non possono permettersi gesti eclatanti perché restano sdraiati sulla loro mina e da lì non possono muoversi.

Il gesto di Nancy Pelosi, molto yankee, da elefante portato a fare un rodeo nella cristalleria, rientra nelle cose che non si possono fare. Ma agli americani sembra non interessare il destino di Taiwan, quanto piuttosto la propria presenza nel Pacifico. Così come non interessa a Pechino, che il destino di Taiwan lo ha già deciso. Resta una differenza con il film, dove alla fine tutti si allontanano e abbandonano il soldato, che morirà fuori campo, solo, dopo la scritta "fine". Taiwan, presto o tardi, salterà per aria sotto ai nostri occhi. Bisogna solo vedere se lo farà con gli effetti speciali, all’americana, o nella semioscurità di una lanterna cinese.


Alzabandiera a Taipei (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
democrazia nancy pelosi no man's land pechino taipei taiwan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved