chi-parla-in-corsivo-chi-offende-in-grassetto
Fenomeno social, fenomeno da baraccone, fenomeno e basta
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
12 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
18 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
26.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:33

Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto

Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei

Si chiama Elisa Esposito, ma non serve necessariamente che ci ricordiamo il suo nome. Da settimane spopola sui social, e sempre più anche sui media tradizionali, ma in qualità di ‘professoressa di cörsivœ’. Non il solito reggaeton o un qualche calciatore autore del colpaccio al 92esimo. Tormentone e personaggio rivelazione dell’estate al contempo è questa giovanissima milanese che, grazie a TikTok prima e a YouTube poi, è riuscita nell’impresa di risvegliare l’appetito di quei leoni da tastiera bramosi di prede civili, dopo l’indigestione politica fra Putin e Zelensky, fra Johnson e Draghi. Ma a suo vantaggio.

Neanche ventenne, Elisa è diventata virale su TikTok a inizio giugno grazie a un breve video nel quale si rivolgeva al suo ragazzo in una sorta di cantilena avvitando e maltrattando principalmente le vocali. Il cörsivœ, appunto. "È una parlata delle milanesi e dei milanesi figli di papà, che vanno a fare l’aperitivo in centro", spiega lei. I milioni di visualizzazioni in poche settimane la inducono a spostarsi su YouTube per un pubblico più generalista, diciamo. È qui che si passa dalla presa in giro (apparentemente) casuale al personaggio vero e proprio: una ‘professoressa’ finto snob con occhiali di ordinanza che insegna a parlare in corsivo. È boom: l’aspirante proprietaria di centro estetico rimbalza da un profilo all’altro, le pubblicazioni successive si fanno più ragionate, i followers sfiorano il milione, viene intervistata da portali e giornali, invitata in radio e tv, traduce in cörsivœ persino il terribile discorso di Giorgia Meloni in Spagna. Fioriscono le parodie, il corsivo parlato diventa un fenomeno di costume.

Ma fra le rose, anche qualche affilatissima spina per la neoregina della linguistica. Sarà per noia, sarà per invidia sociale, sarà per bullismo di branco. Sarà per incapacità di coglierne la vena comica e ironica: c’è chi è arrivato a chiedersi se l’estetista sia davvero una docente o meno. O sarà per il fatto che l’avvenente – e maggiorenne, ricordiamolo – ragazza ha anche un profilo sul social a luci rosse, OnlyFans, e quindi una dose di sessismo perbenista mettiamocela. Sarà quel che sarà, fatto sta che Elisa non è solo la ragazza più popolare del momento, ma anche quella più odiata. Decine di migliaia di commenti intrisi di livore, offese, volgarità. "Meritiamo l’estinzione"; "fai apparire la gente intelligente vicino a te (sic)"; "quoziente intellettivo ai massimi livelli, complimenti ai genitori"; per citarne alcuni evitando quelli dove le si augura di morire.

Un mare di haters quindi, nel quale la ragazza sembra nuotare comunque bene. "Boomers", li chiama lei, inserendovi genericamente tutti gli over 30. Ma dietro al dispiacere di circostanza, Elisa è tranquilla: l’ondata di disprezzo l’ha portata al successo che ambiva. Ha vinto lei. Perdono, indipendentemente dall’età, i boomers. Quelli che oggi millantano superiorità morale e intellettuale sono magari le stesse persone che dieci anni fa volevano ‘una bira e un calippo’, gli stessi che vent’anni fa avevano come idolo Pietro Taricone del Grande Fratello. Affogati nel proprio populismo e complici del successo di questo trend molto trash che tanto disdegnano. Perché le generazioni cambiano, ma alcuni limiti umani proprio no: quændö ïl sæggïoo ïndïcæ lä lünæ, löö stöltoo güærdæ ïl dïtöö.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cörsivœ elisa esposito parlare corsivo tiktok trash youtube
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved