e-il-lupo-si-travesti-da-pecora-anzi-da-vitello
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
13 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
19 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
laR
 
15.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:37

E il lupo si travestì da pecora! Anzi da vitello

Le protezioni pensate e finanziate dalle autorità sono calibrate per il bestiame minuto. Non per le mucche. Una sbranata nei Grigioni. Ed è polemica!

‘In bocca al lupo. Crepi il lupo’. Detti popolari, stereotipi, favole... lo vedono da tempo immemorabile vestire i panni del predatore cattivo, crudele, quasi demoniaco, anche compagno di streghe che ulula alla luna piena. In realtà, il lupo è un animale schivo, diffidente, soprattutto verso l’uomo, che tende a rimanere nascosto nel suo habitat. Ma molto dipende dai numeri. La sua presenza si moltiplica di anno in anno. Ufficialmente si contano in Svizzera 150 lupi (erano una decina nel 2010), almeno 15 branchi di cui almeno 6 nei Grigioni, dove la convivenza è molto molto difficile e la polemica divampa da giorni. La posta si è alzata notevolmente perché il branco del Beverin ha ucciso negli ultimi giorni su un alpe grigionese due mucche nutrici, una era in un recinto. La protezione non è servita a nulla. Le associazioni di agricoltori e alpigiani grigionesi hanno chiesto due giorni fa lo "stato di emergenza lupo" e che il branco venga ucciso. In questo momento mancano le basi legali per la soppressione immediata di uno o più capi del branco, anche se il numero degli animali da reddito uccisi ha già raggiunto la soglia massima. Coira spinge, Berna temporeggia, in un infuocato braccio di ferro estivo.

L’attacco a una mucca è una novità nei Grigioni. Prima era toccato a numerose pecore custodite dai cani pastore. Non vogliamo dire che una pecora valga meno di una mucca. Il punto è che le protezioni standard anti-lupo pensate e finanziate dalle autorità sono calibrate soprattutto per il bestiame minuto. Non funzionano per mucche, manzi e vitelli. Se diventano nuove prede dei lupi, risultano piuttosto indifesi. Inoltre mal tollerano i cani da protezione. Al dirlo in un approfondimento sulla Regione è il presidente dell’Unione contadini Omar Pedrini. Questo ovviamente sta mettendo in allarme molti contadini anche in Ticino. Chi è sugli alpeggi, come ci raccontano allevatori e pastori, ha rafforzato le misure di protezione per gli ovini, spendendo molti soldi. Si vive nella costante ansia di nuove predazioni. È finito il tempo delle pecore in quota che scorrazzano libere, anzi alcuni allevatori evitano addirittura di far salire gli animali al pascolo. Come ci conferma la Sezione agricoltura alcuni piccoli alpeggi non protetti non vengono più caricati a causa del lupo. La conseguenza alla lunga è l’inselvatichimento del paesaggio: un danno per il turismo e per l’economia di montagna.

Intanto, si moltiplicano cani da guardia (sono 250 in Svizzera), chilometri di recinzioni elettrificate, personale ausiliario, nuovi rifugi mobili per pastori sugli alpeggi più discosti. Sono tutte misure di emergenza finanziate dall’autorità per proteggere le greggi, non lasciare soli i contadini e favorire una possibile coesistenza col lupo, regolandone pragmaticamente la popolazione, senza minacciarne l’esistenza. Un equilibrismo non facile che sta mettendo a dura prova i nervi di politici, animalisti e allevatori. C’è chi a fine stagione tirerà le somme e deciderà se continuare o meno.

La via più saggia è aumentare la protezione degli animali (finché sarà economicamente sostenibile). Uno studio scientifico di KORA e Agridea ha dimostrato che l’uso di cani da guardia (poco amati dai turisti) riduce drasticamente le predazioni, mentre la regolamentazione dei branchi non ha avuto effetti evidenti. Il lupo non sparirà come per magia, il tempo delle fiabe è finito. Anche quello del pascolo libero.

Leggi anche:

Primo attacco dei lupi a una mucca da latte

Il presidente del governo grigionese critico con l’Ufam sul lupo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grigioni lupo mucche protezioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved