ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
2 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
3 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
4 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
6 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
l'ospite
08.07.2022 - 07:36
Aggiornamento: 15:42

Scelte e sguardi

di di Giona A. Nazzaro, direttore artistico Locarno Film Festival
scelte-e-sguardi
Ti-Press

Anno Uno. Il nostro 75esimo anniversario è un altro inizio. Non una celebrazione, ma un ideale nastro di partenza dal quale muoviamo (ancora una volta...) verso nuove destinazioni. Il cinema, come sempre, è saldamente ancorato nel presente ma si proietta instancabilmente in avanti, verso il "futuro". Solo compiendo scelte giuste e visionarie oggi, abbiamo una possibilità, conquistata sul campo, di ambire e pensare al futuro.
L’edizione dell’anno scorso, la prima grande manifestazione culturale a riaprire le porte in Svizzera, ha permesso a numerosi film e autrici e autori di intraprendere un viaggio avventuroso e pieno di soddisfazioni in uno dei momenti più drammatici della storia dell’industria cinematografica. I riconoscimenti ottenuti dai film nel mondo dopo Locarno ne sono la prova.
Il cinema – inteso come linguaggio – è l’infrastruttura della nostra comunicazione quotidiana e lavorativa. Le forme del racconto cinematografico sono diventate la sintassi del nostro immaginare il mondo e le relazioni sociali.
Al Locarno Film Festival, dunque, il compito di continuare a tenere saldamente al centro del proprio lavoro il cinema in tutte le sue forme. Il cinema è il cuore del nostro fare e del nostro esserci, mentre tutto cambia. E anche il nostro "essere festival" dovrà cambiare per imparare ad accogliere il cinema di domani.
Immaginare il futuro come un insieme di accadimenti lineari è ingenuo. L’immagine, come la parola, cambia inarrestabilmente. Gli accadimenti recenti – qualora ce ne fosse bisogno – ci hanno rammentato che guardare e registrare è una scelta di campo.
La selezione dei film che abbiamo messo insieme dopo avere visionato e valutato più di 3’000 titoli (di ogni formato e lunghezza) vuole essere il segno di un tempo e di un cinema in movimento. Un tempo storico che si muove contemporaneamente in più direzioni e di un cinema che s’interroga sul mondo e su come vivere in esso responsabilmente, in forme sostenibili. L’immagine è una testimonianza e una dichiarazione di solidarietà. Anche quando è urticante, e brucia.
Imparare, instancabilmente, a guardare insieme significa riprendere a dialogare per ritrovare il senso delle nostre comunità. La lezione fondamentale del cinema secondo Rossellini.
Il Locarno Film Festival è il bastione del cinema d’autore. Del cinema giovane ed emergente. Del cinema che ancora non c’è. Dei giovani che muovono i primi passi. Dei Pardi di domani, per esempio, la fucina del cinema contemporaneo più entusiasmante al mondo.
I film selezionati, che vi invitiamo a scoprire, sono il segno di una creatività forte e consapevole di un’arte viva, al passo con i tempi, che non si guarda alle spalle, ma con lo sguardo saldamente in avanti. Un cinema al presente indicativo.
Selezionare i titoli delle differenti sezioni è stato un lavoro lungo e complesso, svolto con passione e dedizione dal comitato di selezione che ha contribuito con generosità encomiabile, riversando in esso anni di studio e competenze acquisite sul campo, lavorando senza tregua e infinita passione.
Ci auguriamo di avervi al nostro fianco in questo nuovo viaggio alla scoperta del cinema. Raramente l’immagine in movimento ci è sembrata più ricca di possibilità e futuro. Il Locarno Film Festival è il luogo ideale per convincersene.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved