ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 ora

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
laR
 
11.06.2022 - 05:30

Il frontalierato delle armi da fuoco

Dopo l’ennesima strage in suolo azteca, il Messico denuncia undici fabbricanti d‘armi americani: ’Sono complici dei narcos’

di Franco Zantonelli
il-frontalierato-delle-armi-da-fuoco
Keystone
Spesso le armi finiscono in mano a dei bambini

Martedì 7 giugno il Messico ha registrato l’ennesima strage di vittime innocenti. Nei pressi di una scuola di Salamanca, nel centro del Paese, un gruppo di uomini armati ha ucciso cinque liceali (dei ragazzi tra i 17 e i 18 anni), oltre a un passante di 65. In quella regione si confrontano due cartelli, uno specializzato nel contrabbando di carburante, l’altro nel traffico di droga. Dal 2006, da quando il governo messicano ha iniziato a tentare di contrastare il potere dei cartelli, in Messico si sono registrati ben 340mila omicidi. Parliamo di tre volte più vittime di quante ne abbia provocate la guerra in Iraq. Tutta gente abbattuta, prevalentemente, con armi acquistate e fabbricate negli Stati Uniti. Ciò che ha indotto il ministero degli Esteri messicano a denunciare, presso un tribunale di Boston, undici fabbricanti d’armi americani. Che sono stati accusati di "pratiche commerciali negligenti e illegali che causano danni diretti alla società messicana".

Nella loro azione legale i messicani si affidano al seguente sillogismo: le aziende denunciate facilitano la vendita di armi ai cartelli, con quelle armi i cartelli uccidono delle persone, ergo i fabbricanti statunitensi sono indirettamente complici di bande di assassini. Le autorità messicane chiedono con la loro causa un risarcimento monstre, visto che esigono l’equivalente del 2% del prodotto interno lordo del Messico. Che, nel 2021, superava i 746 miliardi di dollari. Quindi l’indennizzo dovrebbe sfiorare i 15 miliardi di dollari. Inutile dire che per gli Usa si tratta di un’altra grossa grana, anche perché proietta l’ennesima luce negativa sul principio del "libero fucile in libero Stato" dal quale una parte della società americana non sembra riuscire a liberarsi, nonostante le ripetute stragi di innocenti, caduti sotto i colpi di armi acquistate nei supermercati. Negozi, tra l’altro, sorti come funghi negli stati al confine con il Messico, favorendo di fatto una sorta di frontalierato delle armi da fuoco da parte dei vari cartelli messicani.

Ciò detto è anche giusto aggiungere che i politici messicani, molti dei quali sono stati eletti grazie ai voti dei narcos, ci hanno messo del loro perché la ferocia della criminalità organizzata arrivasse a prendere in ostaggio il loro Paese. Consentendo, contemporaneamente, che il potente vicino a stelle e strisce venisse inondato di cocaina, fentanyl e metanfetamina di provenienza messicana. Resta da capire se l’azione legale intentata ai fabbricanti d’armi abbia qualche possibilità di successo. Come abbiamo scritto su questo giornale nel febbraio scorso in realtà un precedente, volendo, c’è. Parliamo dei 73 milioni di dollari che la Remington Arms ha versato a 9 delle 26 vittime della strage compiuta nel dicembre del 2012 nella scuola elementare Sandy Hook, nel Connecticut, da un giovane con problemi mentali che utilizzò un fucile mitragliatore di proprietà della madre. Remington pagò per una campagna di marketing ritenuta negligente. L’eccidio di Sandy Hook venne compiuto con la medesima arma da guerra impiegata sovente dai narcos messicani. La domanda da porsi è se la vita dei bambini di una scuola elementare abbia lo stesso valore di quella degli sgherri di un Chapo Guzmán.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved