il-frontalierato-delle-armi-da-fuoco
Keystone
Spesso le armi finiscono in mano a dei bambini
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
9 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
5 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
11.06.2022 - 05:30

Il frontalierato delle armi da fuoco

Dopo l’ennesima strage in suolo azteca, il Messico denuncia undici fabbricanti d‘armi americani: ’Sono complici dei narcos’

di Franco Zantonelli
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Martedì 7 giugno il Messico ha registrato l’ennesima strage di vittime innocenti. Nei pressi di una scuola di Salamanca, nel centro del Paese, un gruppo di uomini armati ha ucciso cinque liceali (dei ragazzi tra i 17 e i 18 anni), oltre a un passante di 65. In quella regione si confrontano due cartelli, uno specializzato nel contrabbando di carburante, l’altro nel traffico di droga. Dal 2006, da quando il governo messicano ha iniziato a tentare di contrastare il potere dei cartelli, in Messico si sono registrati ben 340mila omicidi. Parliamo di tre volte più vittime di quante ne abbia provocate la guerra in Iraq. Tutta gente abbattuta, prevalentemente, con armi acquistate e fabbricate negli Stati Uniti. Ciò che ha indotto il ministero degli Esteri messicano a denunciare, presso un tribunale di Boston, undici fabbricanti d’armi americani. Che sono stati accusati di "pratiche commerciali negligenti e illegali che causano danni diretti alla società messicana".

Nella loro azione legale i messicani si affidano al seguente sillogismo: le aziende denunciate facilitano la vendita di armi ai cartelli, con quelle armi i cartelli uccidono delle persone, ergo i fabbricanti statunitensi sono indirettamente complici di bande di assassini. Le autorità messicane chiedono con la loro causa un risarcimento monstre, visto che esigono l’equivalente del 2% del prodotto interno lordo del Messico. Che, nel 2021, superava i 746 miliardi di dollari. Quindi l’indennizzo dovrebbe sfiorare i 15 miliardi di dollari. Inutile dire che per gli Usa si tratta di un’altra grossa grana, anche perché proietta l’ennesima luce negativa sul principio del "libero fucile in libero Stato" dal quale una parte della società americana non sembra riuscire a liberarsi, nonostante le ripetute stragi di innocenti, caduti sotto i colpi di armi acquistate nei supermercati. Negozi, tra l’altro, sorti come funghi negli stati al confine con il Messico, favorendo di fatto una sorta di frontalierato delle armi da fuoco da parte dei vari cartelli messicani.

Ciò detto è anche giusto aggiungere che i politici messicani, molti dei quali sono stati eletti grazie ai voti dei narcos, ci hanno messo del loro perché la ferocia della criminalità organizzata arrivasse a prendere in ostaggio il loro Paese. Consentendo, contemporaneamente, che il potente vicino a stelle e strisce venisse inondato di cocaina, fentanyl e metanfetamina di provenienza messicana. Resta da capire se l’azione legale intentata ai fabbricanti d’armi abbia qualche possibilità di successo. Come abbiamo scritto su questo giornale nel febbraio scorso in realtà un precedente, volendo, c’è. Parliamo dei 73 milioni di dollari che la Remington Arms ha versato a 9 delle 26 vittime della strage compiuta nel dicembre del 2012 nella scuola elementare Sandy Hook, nel Connecticut, da un giovane con problemi mentali che utilizzò un fucile mitragliatore di proprietà della madre. Remington pagò per una campagna di marketing ritenuta negligente. L’eccidio di Sandy Hook venne compiuto con la medesima arma da guerra impiegata sovente dai narcos messicani. La domanda da porsi è se la vita dei bambini di una scuola elementare abbia lo stesso valore di quella degli sgherri di un Chapo Guzmán.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
messico narcos remington stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved