al-consiglio-di-sicurezza-la-svizzera-si-mette-alla-prova
Keystone
Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis a New York per il voto dell’Assemblea generale dell’Onu
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
10 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
5 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
10.06.2022 - 05:30
Aggiornamento : 13:49

Al Consiglio di sicurezza la Svizzera si mette alla prova

Il seggio di membro non permanente per il biennio 2023/2024 è anche un test per la politica di neutralità in corso di ridefinizione

Da un lato il Cicr, la ‘Ginevra internazionale’, con la sede europea delle Nazioni Unite, le agenzie specializzate dell’Onu e le Ong che vi gravitano attorno; dall’altro la sempre circospetta politica estera di un Paese che si vuole nonostante tutto neutrale, indipendente. "La Svizzera, o l’arte di essere in contatto col mondo senza veramente parteciparvi", ha scritto ‘Le Temps’. Per il quotidiano ginevrino, l’elezione al Consiglio di sicurezza dell’Onu è "l’ultima tappa della sua normalizzazione", "la fine di un’eccezione".

Davvero? La scontata elezione avvenuta giovedì a New York (vedi pagina 3) è sì un momento rilevante nella storia della Confederazione. Ma la pietra miliare resta l’adesione decisa nel 2002 da popolo e Cantoni, culmine di un lungo e sofferto processo di avvicinamento alle Nazioni Unite, avviato in piena Guerra fredda e non privo di battute d’arresto (il ‘no’ popolare del 1986). Sarebbe sbagliato pensare a una cesura, a un prima e a un dopo l’entrata della piccola Svizzera nella corte delle grandi potenze. Non saranno due anni da membro non permanente del Consiglio di sicurezza – organo del quale peraltro già applica tutte le risoluzioni – a stravolgere una politica estera consolidata e tutto sommato ancora ben riconoscibile sulla scena internazionale.

La guerra in Ucraina, con un Consiglio di sicurezza tagliato fuori dai giochi a causa del veto russo; l’acceso dibattito sulla neutralità elvetica; quello riapertosi di recente sull’esportazione di armi; la scelta di aumentare le spese militari: l’ingresso della Svizzera nell’organo più influente dell’Onu giunge però in un contesto – internazionale, ma anche interno – assai fluido e in ogni caso molto diverso da quello del 2011, quando Berna annunciò la candidatura; e anche da quello del 2006, quando l’allora ministra degli Esteri Micheline Calmy-Rey affermò: «Chissà, forse un giorno saremo persino abbastanza sicuri di noi da candidarci per un seggio nel Consiglio di sicurezza».

Quel giorno arrivò relativamente presto. E oggi, 11 anni dopo, la Svizzera pare più che sicura di sé. «Siamo pronti», afferma l’ambasciatrice all’Onu Pascale Baeriswyl. Al Dipartimento federale degli affari esteri i lavori sono stati fatti come si deve: la candidatura è stata minuziosamente preparata. E il Parlamento ha avuto più d’una occasione per dire la sua. Ora che ci siamo, però, le difficoltà non mancheranno. Per due anni la Svizzera sarà sotto i riflettori, esposta più che mai alle pressioni dei ‘grandi’. Abituato ai ritmi lenti della politica elvetica, un Consiglio federale dimostratosi negli ultimi tempi piuttosto pachidermico in situazioni di stress, dovrà prendere posizione in modo chiaro e nel giro di poche ore su crisi politiche, conflitti, sanzioni, invio di caschi blu, corridoi umanitari e via dicendo. Decisioni delicate lo attendono. Potrà astenersi, ma poi dovrà essere in grado di spiegare bene per quali ragioni lo fa.

D’altro canto, la Svizzera avrà una rara opportunità di dimostrare anche ai vertici dell’Onu quanto ha da offrire: una preziosa competenza in ambiti come i buoni uffici, la promozione della pace e soprattutto del diritto umanitario, oltre che un rinnovato impegno a riformare il Consiglio di sicurezza, anche spingendo per un ricorso più moderato al diritto di veto da parte dei cinque membri permanenti in caso di genocidio, crimini di guerra e altre gravi violazioni del diritto internazionale. Forse non è granché, forse servirà a poco. Ma vent’anni dopo l’adesione, nel pieno di un benvenuto dibattito sul futuro della neutralità, non mettersi alla prova sarebbe stato un peccato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio sicurezza elezione onu svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved