ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

I 70 anni di Putin e i bivi della Storia

Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
17 ore

Il disastro rimosso

I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior

La monarchia delle banane

Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 sett

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
il commento
laR
 
23.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:58

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore

di Aldo Sofia
putin-e-l-arma-della-grande-fame
Grano del programma Fao destinato allo Yemen (Keystone)

Da che mondo è mondo, da che guerra è guerra, l’arma della fame è sempre stata utilizzata per stroncare la resistenza del nemico. L’Ucraina, poi, ne è stata segnata in modo particolarmente atroce. Accadde sotto Stalin, fra il 1932 e il 1933, quando la decisione sovietica di collettivizzare la piccola proprietà agricola, provocò la morte per fame di almeno tre milioni di contadini ucraini, strage pianificata attraverso una carestia poi chiamata ‘Holodomor’, e ogni anno ricordata da Kiev nel mese di novembre.

Tragedia storica, da tener ben presente quando si cerca di capire perché una parte del Paese accolse gli invasori nazisti con benevolenza, formò un reparto ucraino di Ss, si gettò nelle braccia della rivolta nazionalista più radicale di Stepan Bandera, lasciando lunghe tracce nei decenni successivi, fino alla creazione di quel battaglione Azov, con i suoi simboli neo-nazisti, che per ottanta giorni ha resistito nelle viscere del gigantesco cantiere metallurgico di Mariupol; e tragedia storica necessaria anche per capire perché, nell’uso forzato, strumentale e ideologico della Storia, Putin insista (con un puro pretesto) sulla volontà di denazificare l’intera nazione militarmente invasa, che nazista certo non è.


Grano caricato su una rinfusiera (Keystone)

Si immagini dunque cosa possa significare ed evocare, nello stato d’animo collettivo dell’Ucraina, l’inevitabile riferimento alla grande carestia subita nel ventesimo secolo. Disinvoltamente, cinicamente, in modo criminale, oggi è Putin a servirsi nuovamente dell’arma della fame per vincere la ‘sua’ guerra. Non tanto, o non solo, puntando quell’arma contro l’Ucraina, ma soprattutto contro 47 milioni di persone che, minacciati dalla carestia, andranno a raggiungere i 276 milioni di sottonutriti (in 83 nazioni) che già sopravvivono soltanto grazie all’aiuto umanitario garantito dal Programma Alimentare Mondiale (Pam) dell’Onu. Tanta Africa, ma anche tanto Medio Oriente. Insieme, Russia e Ucraina garantivano circa un terzo delle esportazioni mondiali. Paesi come Egitto, Tunisia, Giordania, Libano, Yemen, Siria dipendono dal 50 al 70 per cento dai due "granai del pianeta", e molte delle contestazioni popolari più importanti (anche l’avvio delle primavere arabe), sono nate dalle ‘proteste per il pane’.

Sappiamo cosa significherebbe una replica di quelle rivolte: nuove tensioni politiche, nuove repressioni, nuovi e grandi flussi migratori verso l’Europa. Il blocco navale nel Mar Nero imposto dalla Russia fin dal primo giorno dell’aggressione blocca nei silos ucraini 25 milioni di tonnellate di cereali (e altri prodotti della e per l’agricoltura), destinate ad aree che ne hanno un disperato, urgente bisogno. "Sciagura mondiale imminente", ammonisce il Pam.


Il porto di Mariupol in piena funzione nel dicembre 2018 (Keystone)

Da sempre la vergogna della fame nel mondo non è una tragedia naturale e inevitabile. È il flagello causato da scelte politiche scellerate. Contadini dei Paesi più poveri cacciati e privati dei loro terreni, esportazioni massicce organizzate dalle multinazionali, acquisti di enormi appezzamenti coltivabili da parte delle nazioni più ricche (Cina in primis), corruzione dei leader politici locali. Ora anche Putin. Che pensa di vincere. Di aver individuato un altro grimaldello per replicare alle sanzioni. Utilizzando la più immorale delle armi convenzionali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved