ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
1 ora

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 ora

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
4 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
4 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett

Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas

La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
laR
 
14.05.2022 - 05:15
Aggiornamento: 09:43

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta

stampa-di-mordacchia-in-mordacchia
Una museruola tira l’altra (Ti-Press)

Un bavaglio tira l’altro. E così, a furia di piantare paletti normativi, il giornalismo svizzero finirà per occuparsi di veline, le comunicazioni ufficiali, e di argomenti che non turbino il tranquillo sonno dei signorotti di turno. Perché ora il potere (soprattutto), nelle sue varie declinazioni, dispone di uno strumento giuridico in più per silenziare la stampa scomoda. Quella che, non accontentandosi della pappa informativa scodellata dai Palazzi, entra nelle cosiddette stanze dei bottoni per verificare, per vederci chiaro e garantire in questo modo il controllo democratico dei processi decisionali. Già. È che adesso accendere i riflettori sui coni d’ombra diverrà appunto arduo. Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha infatti approvato una modifica del Codice di procedura civile – una modifica di cui non si avvertiva la necessità – che renderà più facile bloccare la pubblicazione o la messa in onda di un servizio giornalistico.

A essere stato ritoccato è l’articolo 266. Che nella versione odierna recita quanto segue: "Nei confronti dei mass media periodici il giudice può ordinare un provvedimento cautelare soltanto se: a. l’incombente lesione dei diritti dell’istante è tale da potergli causare un pregiudizio particolarmente grave; b. manifestamente non vi è alcun motivo che giustifichi la lesione; e c. il provvedimento non appare sproporzionato". A Berna la maggioranza di destra ha tolto, alla lettera a. del 266, il ‘particolarmente’. Non si tratta della rimozione di un inutile orpello. La cancellazione di quell’avverbio rischia di agevolare il ricorso alla censura preventiva. Certo, sarà un magistrato a valutare ("può" ordinare il provvedimento cautelare, non deve) i motivi esposti da chi invoca il divieto di pubblicazione. Il potere di apprezzamento del giudice non potrà comunque prescindere da ciò che la legge afferma, nella fattispecie alla nuova lettera a. dell’articolo 266.

Si vuole arginare la diffamazione via social? Intento condivisibile, ma quanto deciso a Berna non risparmia le testate giornalistiche online, condizionando il lavoro di cronisti preparati e documentati. Eh sì, ci mancava anche questa modifica legislativa. Come se in Svizzera non bastassero le vigenti restrizioni in materia di informazione previste dal Codice di procedura penale e dal Codice penale che costringono le redazioni a equilibrismi defatiganti. Come se al giornalista che sbaglia non si applicassero le vigenti sanzioni penali. Secondo alcuni nostri politici, tutto questo non è sufficiente. Preferiscono una stampa che non disturba. E allora vai con misure legislative… dissuasive: pur di non imbarcarsi in vertenze giudiziarie lunghe, costose e dall’esito incerto, il cronista rinuncerà ad approfondire. Meglio restare sulla superficie dei fatti. In pratica l’autocensura. Altro che giornalismo d’inchiesta! Tra aiuti finanziari non concessi e ulteriori paletti normativi, il margine di manovra del cronista svizzero si riduce sempre di più. I cittadini che credono nel ruolo della stampa, quello di sentinella delle istituzioni, dovrebbero preoccuparsi. Di questo passo l’articolo 17 della Costituzione federale – "La libertà della stampa, della radio e della televisione nonché di altre forme di telediffusione pubblica di produzioni e informazioni è garantita. La censura è vietata (...)"– diventerà lettera morta.

Questa mattina si terrà l’assemblea annuale dell’Associazione ticinese dei giornalisti. Gli argomenti non mancheranno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved