lugano-la-locomotiva-non-si-ferma
Ti-Press/Archivio
Continua la marcia, ad andatura lenta, del risanamento delle finanze della Città di Lugano
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
22 ore

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
2 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
3 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
5 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
5 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
6 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
6 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
1 sett

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
laR
 
29.04.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:01

Lugano, la locomotiva non si ferma

Le finanze cittadine resistono all’impatto della pandemia e la Città chiude in attivo, con oltre sei milioni di franchi, il consuntivo 2021

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

I conti tornano. Anche l’anno scorso, a livello finanziario, è andata meglio del previsto. Lugano ha chiuso l’esercizio 2021 in attivo di oltre sei milioni di franchi, mentre prevedeva di perderne più di una ventina. Segno che la locomotiva economica del cantone continua la sua rincorsa verso il risanamento, iniziata dolorosamente nel lontano 2013. Un’andatura da treno merci (o da motore diesel), quella intrapresa dalla Città che, anno dopo anno, ha ripreso il suo ruolo di realtà trainante ticinese, riuscendo a sostituire, con altre entrate, il drastico crollo del gettito proveniente dagli istituti bancari (pari a circa 52 milioni di franchi, dal 2005 al 2012). L’impatto negativo sull’erario, legato alla pandemia, è stato limitato e parecchio inferiore rispetto alle nefaste attese. Tanto che sono quasi passate nel dimenticatoio quelle draconiane misure di risparmio, alcune delle quali discutibili, come la chiusura di alcuni gabinetti pubblici, adottate nove anni fa, quando il deficit di gestione corrente si aggirava sui 50 milioni e i debiti a lungo termine avevano raggiunto il miliardo di franchi.

Certo, l’esposizione nei confronti delle banche rimane elevato (876 milioni) e in questi ultimi anni la Città ha beneficiato di tassi d’interesse negativi, ma il grado di autofinanziamento è aumentato al 73,3% e consente di contenere i prestiti per coprire spese ordinarie e assicurare i salari ai dipendenti. Lo scorso anno, sono aumentati pure gli investimenti della Città. Le cifre presentate sono insomma positive, gli indicatori economici stanno migliorando ed è giustificato il moderato ottimismo espresso dal sindaco e capodicastero Finanze Michele Foletti. Non c’è stato, oppure ha avuto effetti insignificanti, quello che in finanza si definisce "Black Swan", ossia l’evento imprevedibile, dovuto al Covid, che si temeva potesse provocare conseguenze potenzialmente gravi. Però, sarebbe un azzardo allargare i cordoni della borsa. Le ripercussioni legate alla pandemia potrebbero infatti palesarsi nei prossimi anni, visto che le sopravvenienze fiscali di 19,2 milioni di franchi, incassate nel 2021, sono soprattutto relative alle notifiche delle imposte risalenti addirittura agli anni dal 2014 al 2016. Mancano all’appello le notifiche più recenti, a causa di annosi contenziosi legati alle tassazioni. Inoltre, ci sono parecchie incognite collegate alla guerra in Ucraina, per quanto riguarda il trading di materie prime e per i prospettati aumenti dei costi di approvvigionamento energetico. Ora, l’esecutivo ha scommesso sul settore Blockchain e le Cryptovalute, aspettandosi future ricadute significative in termini di gettito. Vedremo.

Queste incertezze e le ingenti uscite previste nei prossimi anni per finanziare la costruzione del Polo sportivo e degli eventi a Cornaredo, non paiono lasciare alcun margine di manovra per un’eventuale richiesta di riduzione del moltiplicatore d’imposta, ora fissato al 77%. Un moltiplicatore che, a causa delle cifre in profondo rosso, nel 2013 era stato aumentato di dieci punti (dal 70 all’80%), mentre l’anno successivo il Municipio di Lugano aveva abbattuto in maniera importante le uscite. La velocità di crociera, intrapresa negli ultimi anni, si è dimostrata economicamente sostenibile e le finanze cittadine hanno resistito alla pandemia, anche se alcuni continuano a ritenere che la Città dovrebbe essere maggiormente attenta ai bisogni dei cittadini più in difficoltà.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
finanze lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved