il-futuro-dello-streaming-oltre-la-lex-netflix
keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
2 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
2 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
3 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
3 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
4 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
4 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
5 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
6 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
laR
 
28.04.2022 - 05:20
Aggiornamento: 18:45

Il futuro dello streaming, oltre la ‘Lex Netflix’

Indipendentemente dall’esito del referendum del 15 maggio, prepariamoci a cambiamenti nell’offerta di video on demand

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un sì alla nuova legge sul cinema, il prossimo 15 maggio, non renderà la Svizzera una nuova Hollywood e neanche una nuova Cinecittà, d’altra parte neanche porterà a un impoverimento qualitativo dell’offerta dei servizi di streaming e a un aumento degli abbonamenti. Per carità, siamo abituati alle iperboli, prima delle votazioni popolari e tutto sommato i toni sono quasi moderati, per la cosiddetta Lex Netflix che vuole estendere agli operatori del video on demand le norme che riguardano le emittenti televisive: investire parte dei ricavi in produzioni svizzere e riservare una quota a film e serie tv europee. Che si tratti di una questione di parità di trattamento tra aziende che forniscono servizi simili o di una ingiustificata limitazione alla libertà d’impresa, di garantire al cinema svizzero le risorse necessarie a raccontare e rappresentare la nostra realtà o di imposizioni che ridurranno la nostra libertà di spettatori, lasciamo scegliere al lettore.

Quello che ci interessa, qui, è notare che le norme che ora si vogliono introdurre per lo streaming sono arrivate, per le tv, nel 2007: in quello stesso anno Netflix, una compagnia di noleggio di Dvd praticamente sconosciuta al di fuori degli Stati Uniti, iniziava a offrire ai propri abbonati la possibilità di guardare online qualche film. Comprensibile, che all’epoca non si pensasse allo streaming: il catalogo era limitato a un centinaio di titoli. Il servizio si è poi ampliato, è arrivato in altri Paesi e oggi, secondo i dati Digimonitor, il 40% degli svizzeri guarda Netflix almeno una volta a settimana.

Oggi si dibatte sulla nuova legge sul cinema che – con i soliti compromessi della politica – prende atto delle nuove abitudini mediatiche della popolazione e tuttavia, proprio mentre si discute di una legge che è stato naturale chiamare "Lex Netflix", l’azienda statunitense ha annunciato per la prima volta un calo nel numero globale di abbonamenti. Certo 200mila utenti in meno, su un totale di oltre 220 milioni, sono tutto sommato pochi, soprattutto se teniamo conto della crescita che c’è stata nella fase acuta della pandemia e che ben 700mila si sono persi con la sospensione del servizio in Russia decisa dopo l’invasione dell’Ucraina. Tuttavia l’azienda ha precisato che non pensa di recuperare questo calo, anzi: si attende altri 2 milioni di abbonamenti in meno. La concorrenza – negli Stati Uniti sono ormai decine i servizi di streaming – da una parte toglie abbonamenti, dall’altra fa aumentare i costi per i diritti di film e serie tv. Difficile pensare a un declino che porterà Netflix all’irrilevanza; quasi certo che il modello attuale (un obolo mensile per l’accesso illimitato a un catalogo sterminato) sarà sostituito da qualcos’altro. La stessa Netflix ha già annunciato che diversificherà maggiormente gli abbonamenti, introducendo se il caso della pubblicità, ma è solo una delle possibili strategie. Per noi spettatori il futuro sarà probabilmente più caotico, con offerte difficili da confrontare, ma speriamo anche capace di creare incentivi che portino a qualcosa di nuovo rispetto all’offerta che va per la maggiore nei servizi di streaming e che pare puntare, più che sull’originalità, sulla capacità di creare discussioni online.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lex netflix streaming
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved