ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
17 ore

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
1 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
laR
 
28.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 07:53

Se Putin deve cambiare i suoi piani

È inevitabile constatare l’evidenza di una de-escalation delle pretese e ambizioni ufficiali di Mosca

di Aldo Sofia
se-putin-deve-cambiare-i-suoi-piani
keystone

Continua a consumarsi in Occidente lo scontro (‘dai nostri salotti’) sulle responsabilità della guerra ucraina. Ma intanto, cosa accade sul terreno? Cosa significa per il Cremlino passare alla ‘fase 2’ della guerra, annunciata un paio di giorni fa da Sergei Rudskoy, capo operativo dello Stato maggiore dell’esercito russo? Come interpretare l’affermazione che per il neo-zar si tratta ora di raggiungere l’obiettivo prioritario, "la liberazione del Donbass, fornendo assistenza al popolo delle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk, che da otto anni subisce il genocidio del regime di Kiev" (formulazione evidentemente di parte)? Sostanzialmente due cose: o si è di fronte a una manovra diversiva, di una semplice pausa tattica, della momentanea necessità di aggiornare le direttrici dell’avanzata e della conquista dell’intero paese; oppure siamo alla conferma del definitivo stravolgimento, o quanto meno del forte ridimensionamento, dell’obbiettivo della cosiddetta ‘operazione militare speciale’, come Mosca si ostina a definire l’invasione. Nessuna delle due ipotesi è esclusa. Ma è inevitabile constatare l’evidenza di una de-escalation delle pretese e ambizioni ufficiali di Mosca. In un solo mese, Putin è passato dallo slogan operativo ‘l’Ucraina è Russia’, dunque tutta da sottomettere; all’esplicito invito a un putsch militare per abbattere Zelensky e la sua "banda di drogati e neo-nazisti"; dunque alla prospettiva di un ‘regime change’ a Kiev con la scelta di un nuovo presidente-burattino agli ordini del ventriloquo di Mosca; fino alla "protezione prioritaria" della minoranza russofona, già tutelata dal 2014 da armamenti e militari russi con divise senza insegne, oltre all’annessione pura e semplice della Crimea.

Difficile negare che l’imprevista tenacia della resistenza ucraina ha il suo peso. Gli obiettivi del Cremlino erano sostanzialmente due. A scalare, dal più importante: l’immediata resa del paese invaso, dopo uno sbrigativo blitz armato, quindi la costituzione di un nuovo governo ucraino asservito agli interessi imperiali di Mosca lungo l’asse euro-asiatico; oppure, piano B, quantomeno la definitiva sottrazione alla giurisdizione di Kiev non soltanto del Donbass ribelle (7,2 per cento di controllo del territorio, 20 per cento del prodotto interno lordo, 25 per cento delle esportazioni nazionali), ma addirittura di una nuova frontiera situata lungo il fiume Dnepr, giù fino a Mar Nero e Mare d’Azov, lasciando sull’altra sponda del mitico corso d’acqua una regione ancor più spogliata di moltissime risorse economiche, quindi assai impoverita, svuotata dall’emigrazione forzata di milioni di abitanti. "Se il piano fosse questo e si compisse, l’Ucraina verrebbe riportata indietro di secoli, addirittura al Trattato di Andrusovo del 1656, quando sulla riva destra del Dnepr comandava la Russia e su quella sinistra la Polonia", ricorda Fulvio Scaglione (autore di ‘La Russia è tornata, la nuova politica di potenza del più vasto paese del mondo’). Scenari ipotetici. E altri potrebbero emergere nell’intrecciarsi di un terribile conflitto (per numero di vittime, distruzioni, fuggiaschi) che non sembra aprire spiragli di vero dialogo. Questo a meno di 30 anni dal memorandum di Budapest: 1994, in cambio della consegna di tutto il suo arsenale atomico, l’Ucraina ottiene l’impegno per la protezione della sua sovranità e integrità territoriale: impegno sottoscritto da Stati Uniti, Gran Bretagna e… Russia. Era l’inizio del regno espansionista di Putin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved