ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
16.03.2022 - 09:10
Aggiornamento: 17:08

Unitas: la giustizia è cieca, ma anche di memoria corta

Riflessioni dopo il ‘non luogo a procedere’ sul caso delle molestie nell’ambito dell’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana

unitas-la-giustizia-e-cieca-ma-anche-di-memoria-corta
Ti-Press
Letture

In questa vicenda c’è più buio che negli occhi di chi non può vedere. Fra le pieghe della storia di Unitas, l’associazione per ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana, le ombre oggi restano molte e le luci poche. Soprattutto dopo che la prescrizione per il reato di molestie sessuali ne ha minato la credibilità e la trasparenza. Il ‘non luogo a procedere’, deciso dal Ministero pubblico per scadenza dei termini di querela di parte (3 mesi!), cancella come una spugna i disagi, le sofferenze e le paure di coloro (soprattutto donne) che hanno denunciato, non solo al nostro giornale ma in passato, a più riprese, a componenti del comitato, di aver vissuto sulla propria pelle tutta una serie di violazioni dell’integrità personale fra cui anche mobbing e pressioni avvalorate da necessità economiche. Testimonianze credibili, lineari, tristemente simili, ricollegabili chiaramente alla stessa persona che in Unitas rivestiva (e riveste tuttora) una posizione ai vertici. Ciò che ha portato qualcuno a dire: da una parte la legge, dall’altra la giustizia, mancata.

Come sia troppo breve il tempo massimo, di poco più di novanta giorni, per denunciare chi, non solo le mani, ma tanto altro, fatichi a tenerli al suo posto, riporta d’attualità un tema che, oggi più che mai, dovrebbe essere affrontato sui banchi di un Legislativo. Troppe volte deputati di ogni foggia partitica si riempiono la bocca nel difendere le vittime di viscidi atteggiamenti, potenzialmente perseguibili, per poi però trincerarsi dietro al silenzio, a un’interrogazione non partorita, a una ‘pulce’ neppure accennata, così da proteggere la propria lobby, il proprio ‘amico’. Anche, purtroppo, in Ticino.

Per riportare a galla, da laggiù, dove in molti hanno cercato magari di insabbiare, nascondere, sotterrare, come il più scomodo degli scheletri nell’armadio, non solo ci vogliono pieni polmoni e tanto fiato, ma grande forza e coraggio, soprattutto, per uscire da un vortice che, all’inizio, ti imprigiona, facendoti perdere direzione e lucidità, portandoti spesso a pensare, sbagliando, di esserne la colpa piuttosto che l’oggetto. Per metabolizzare una violenza, una qualsiasi forma di aggressione fisica o verbale, gli esperti ci insegnano che ci vuole pazienza e un terreno fertile di ascolto, soprattutto da coloro preposti per attivarlo e in particolare per accoglierlo. E altrettanto tempo è necessario per convincere la vittima (o convincersi) a parlare, a buttare fuori tutti i contraddittori contorni di un luogo che anziché proteggere permette quelle citate ‘delicate situazioni’, senza intervenire, se non quando è troppo tardi, senza prendere decisioni nette, perché mascherate da interventi dai toni che non si vogliono ‘eccessivamente punitivi’ per il predatore, per chi abusa, vigliaccamente, del suo potere. E il tutto, in generale, per ‘non nuocere’, ancora una volta, alla propria immagine, al proprio gruppo, al proprio entourage.

Che ancora una volta, a ‘segnalare’ non siano stati coloro che, raccolte le confidenze, su un lungo arco di tempo (si parla di decenni), avevano il dovere di farlo; che ancora una volta i tempi della Legge ‘scagionino’ sensi di colpa e confermate voci di corridoio (quel ‘tutti sapevano del vizietto’); che ancora una volta la vittima si senta dire ‘dovevi dirlo prima’, ebbene tutto questo, nel nome della giustizia, resta, francamente, intollerabile.

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved