ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
1 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
2 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
3 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
3 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
4 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
5 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
5 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
6 gior

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett

Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas

La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
laR
 
15.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:28

Fin dove vuole arrivare il leader del Cremlino

II neo-zar vuole ‘solo’ il Donbass, cerca di fermare l’espansione Nato o ambisce a rovesciare il governo di Kiev? Molte domande, qualche indizio

di Aldo Sofia
fin-dove-vuole-arrivare-il-leader-del-cremlino
Keystone
Chissà cos’ha in mente

Da settimane, stringendo sempre più “la presa sul collo dell’Ucraina” (denuncia del rieletto presidente tedesco, il socialdemocratico Frank-Walter Steinmeier), la domanda è sempre la stessa: fin dove vuole (e può) arrivare Vladimir Putin? È vero che l’autocrate di Mosca dichiarò pubblicamente che “il crollo dell’Unione Sovietica è stato la più grande catastrofe del Ventesimo secolo”, e se ne potrebbe perciò dedurre che egli respinga la realtà geopolitica sancita dalla fine della guerra fredda, fino al punto di voler in qualche modo ristabilire ‘l’ordine antico’. Ma è anche vero che in seguito lo stesso uomo del Cremlino se ne uscì con l’affermazione che “chi volesse restaurare l’Urss è una persona senza cervello”, e a lui di certo la materia grigia non manca. Quindi, di nuovo, dove sta il suo agognato punto d’approdo?

In questo apparente rompicapo si stanno esercitando politici e analisti. Il traguardo minimo del neo-zar è quello, dopo la Crimea, di riprendersi con la forza anche l’altra parte di terra ucraina che corrisponde al Donbass, con popolazione a maggioranza russofona, dove si combatte da anni una ‘guerra a bassa intensità’ che però ha già fatto 14mila morti? Oppure l’ambizione massima è pilotare e provocare a Kiev un cambio di regime favorevole all’ex ‘madre Russia’, che non vuole rinunciare a quella terra che per secoli ha fatto parte dei suoi imperi (zarista prima, sovietico poi)? O ancora, traguardo intermedio, in nome della sicurezza nazionale ‘semplicemente’ evitare che l’Ucraina finisca nella Nato (in questo caso con relative basi missilistiche) come è già avvenuto per gli ex vassalli, dall’Ungheria alla Polonia, dagli Stati baltici alla Cechia. Con un corollario di domande subordinate, ma non di poco conto: dividere gli alleati delle due sponde dell’Atlantico, puntare sulle paure degli europei fortemente tributari dell’indispensabile energia (gas, petrolio) proveniente dalla Russia, dare alla Cina un motivo in più per rafforzare l’asse Mosca-Pechino in funzione anti-Usa.

Tanti interrogativi, che non si eliminano a vicenda; e qualche imprevista risposta. Per esempio quella di Richard Haass, presidente del Council on Foreign Relations, uno dei più prestigiosi think tank statunitensi, che afferma: “Dovremmo anche prepararci per un’altra possibilità, una crisi prolungata, in cui un numero significativo di forze russe rimane parcheggiato ai confini ucraini”; dunque il protrarsi di un braccio di ferro militare, diplomatico, da guerra fredda, una sorta di indeterminato conflitto ibrido. Che farebbe più comodo al Cremlino, sia per la sua esibizione muscolare (tenuta comunque sotto controllo) che mette comunque in ansia il fronte nemico, sia per i vantaggi economici che nello status quo favoriscono con certezza più i russi che gli occidentali. L’agenzia Bloomberg ha in effetti calcolato che i prezzi più alti di quest’anno per gas e petrolio garantiranno al Cremlino oltre settanta miliardi di dollari in più. E se la situazione di crisi senza conflitto dovesse protrarsi, le entrate per il Ministero delle finanze a Mosca potrebbero rivelarsi decisamente maggiori. Paradossi che forse più di altri vengono interpretati e rappresentati dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che rimprovera addirittura il suo protettore americano: Kiev è assediata, “ma non è il caso di esagerare con l’allarmismo”. E chissà che il figliol prodigo di Kiev non capisca meglio fin dove voglia arrivare Putin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved