covid-un-viaggio-di-andata-e-ritorno
Ti-Press
Dopo due anni, pensare di viaggiare senza mascherine ci fa quasi sentire nudi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
2 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
2 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
3 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
3 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
4 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
4 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
5 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
6 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
03.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:17

Covid, un viaggio di andata e ritorno

Per il Consiglio federale è giunta l’ora di tracciare la via verso la normalità. Gradualmente o in un colpo solo, quella è la questione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tutte le strade portano alla normalità. Gradualmente o in un colpo solo, quella è la questione. A indicare la via è stato ieri il Consiglio federale, che con piglio deciso ha annunciato una serie di allentamenti immediati (niente più quarantene per i contatti stretti, niente più telelavoro obbligatorio), e contemporaneamente ha messo in consultazione un ambizioso pacchetto che, di fatto, abolirebbe tutte le restrizioni attualmente in vigore: fine dell’utilizzo del certificato Covid; revoca dell’obbligo della mascherina sui trasporti pubblici e in tutti i luoghi chiusi; nessuna limitazione per gli incontri privati. Le decisioni adottate a Berna hanno d’altronde avuto un effetto immediato in Ticino. Preso atto della fine delle quarantene decisa dalla Confederazione, il Consiglio di Stato ha revocato l’obbligo della mascherina alle scuole elementari già da lunedì prossimo.

A livello federale sono due le varianti contemplate nella consultazione: le restrizioni potrebbero scomparire in blocco, oppure a tappe. Ora i Cantoni potranno dire la loro entro il 9 febbraio. Una settimana dopo sarà il Consiglio federale a prendere una decisione definitiva. “Il 16 febbraio – ha osservato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis – potremo decidere quali saranno le prossime tappe del nostro viaggio”. Un viaggio, quello pandemico, che sembra finalmente diventato di andata e ritorno.

Attenzione, però, a credere che sia tutto finito. “La pandemia non è superata”, ha detto dal canto suo il consigliere federale Alain Berset. Ciò che ora diventa possibile è prevedere un’uscita dalla fase acuta della crisi. Il ministro della Sanità ha spiegato che “tracciare la via che ci riporterà alla normalità non implica soltanto una decisione, bensì la definizione di un processo”.

In questo senso l’idea dell’abbandono in blocco di tutte le restrizioni può destare una certa preoccupazione. Colpisce in particolare l’idea di fare a meno, fra un paio di settimane, di uno dei simboli della lotta contro il coronavirus: la mascherina. Forse perché dopo due anni di pandemia siamo talmente abituati a salire sul treno col volto coperto, che pensare di viaggiare senza ci fa quasi sentire nudi. O forse, come sostiene Christian Garzoni, perché “è assolutamente prematuro togliere uno strumento efficace e che non tocca praticamente le libertà individuali”. Per il direttore sanitario della Moncucco, insomma, una sorta di liberi tutti dal punto di vista medico “è irragionevole”. Resta il fatto che ieri il Consiglio federale ha dato il via a una “nuova fase” (sempre Cassis), dopo che la task force aveva a sua volta dato, il giorno prima, un preavviso favorevole a un progressivo alleggerimento delle misure.

Che sia prudente fare un passo alla volta, per non ritrovarsi poi costretti a compiere qualche clamorosa retromarcia, risulta evidente. Ma è anche vero che definire azzardata la strategia del governo, se si tiene conto di ciò che sta avvenendo nel resto d’Europa (Danimarca, Norvegia, Regno Unito, Francia e perfino l’Italia stanno allentando la presa), appare eccessivo.

Berset lo ha ribadito più volte in questi due anni: ogni scelta comporta dei rischi, che vanno ben ponderati. Ora che, secondo gli esperti, si sta concretizzando il passaggio alla fase endemica, pensare di riuscire a convivere con il virus non sembra più essere una chimera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alain berset certificato covid consiglio federale coronavirus ignazio cassis
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved