mendrisiotto-senza-via-d-uscita
Ti-Press
Progetti viari?Controversi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
2 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
2 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
3 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
3 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
4 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
5 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
6 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

laR
 
28.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 19:06

Mendrisiotto senza via d’uscita

L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sarà pure vero che tutte le strade portano a Roma. Ai momò, però, viene da pensare che le vie del buon senso non conducano di certo dalle loro parti. Non quando in gioco ci sono arterie cantonali e nazionali. Chi da decenni, ormai, fatica a digerire nuovi tracciati, maxi svincoli e una mobilità senza vie d’uscita (quanto a traffico e colonne) mercoledì ha avuto un sussulto nello scoprire che, a Berna, il governo federale ha deciso di spingere sull’acceleratore della terza corsia autostradale fra Lugano sud e Mendrisio. Una ‘botta’ di gas che vale un anticipo di dieci anni – dall’orizzonte 2040 al 2030 – per un progetto che fra la popolazione non fa l’unanimità. Anzi. Sono in tanti – come dimostrato dalla petizione recapitata a Palazzo federale, destinataria la stessa consigliera Simonetta Sommaruga che oggi sforna Prostra – a temere che il potenziamento dell’A2 – il progetto PoLuMe – non sortirà gli effetti magnificati dai tecnici dell’Ustra, l’Ufficio federale delle strade. Così, mentre il Consiglio di Stato gioisce per avere conquistato un posto al sole nel Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali per due dossier ritenuti cruciali – la terza corsia e il collegamento A2-A13 –, nel Distretto ci si mette le mani nei capelli. I più maliziosi si domandano cosa ci sia dietro questa svolta federale e quale sia il patto stretto con il Cantone, determinato a portare a casa il risultato per la Bellinzona-Locarno (anche se nella tabella di marcia verrà dopo la terza corsia). Tanto più che Ustra è riuscito a piazzare anche l’area per i Tir nel tratto sud dell’autostrada; per di più senza che il Cantone ne avesse un riscontro ufficiale (dixit). Ce n’è quanto basta, insomma, per rafforzare l’impressione che in pochi – tanto a Berna quanto a Palazzo delle Orsoline – si siano preoccupati davvero per il prezzo che il Mendrisiotto sarà chiamato a pagare in termini territoriali e ambientali. In effetti, anche se la procedura verso il progetto generale di PoLuMe – atteso comunque ancora quest’anno – è alle battute iniziali, nel Distretto i contrari hanno compreso bene che i loro margini di manovra saranno assai esigui, non avendo lasciato loro neanche il tempo di reagire. Ormai, come anticipato dallo stesso direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, adesso la partita si gioca sui ricorsi individuali. Come dire che la battaglia sembra ormai persa.

Eppure c’è persino di più. La regione, in effetti, sta vivendo un paradosso. Il pacchetto Prostra ha portato in dote a questa terra anche l’archiviazione, dopo una ventina di anni, della circonvallazione Stabio Est-Gaggiolo (detta altrimenti il prolungamento della superstrada Mendrisio-Stabio). Di che rallegrarsi, almeno per chi l’ha avversata fin dalla prima ora. A ben vedere, però, questo stralcio potrebbe avere degli effetti collaterali che qui proprio non erano stati calcolati. Sì, perché mentre si rinuncia a questo nuovo collegamento, sul versante autostradale si spinge per la terza corsia; che non potrà non avere delle ripercussioni anche sul traffico nel comprensorio tra Mendrisio e Stabio. E questo anche se, nel frattempo – e per fortuna –, si è realizzata la linea ferroviaria per Varese. Viene da chiedersi: nel soppesare l’incarto superstrada si è tenuto conto ‘solo’ di un progetto datato? In altre parole, si sono fatti i conti con l’attuale situazione viaria del Distretto, oppure no? E pensare che il Municipio di Stabio ha pure chiesto uno studio di impatto ambientale regionale. Senza ricevere risposta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisiotto prostra simonetta sommaruga superstrada terza corsia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved