mendrisiotto-senza-via-d-uscita
Ti-Press
Progetti viari?Controversi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
6 ore

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
1 sett

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
laR
 
28.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 19:06

Mendrisiotto senza via d’uscita

L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sarà pure vero che tutte le strade portano a Roma. Ai momò, però, viene da pensare che le vie del buon senso non conducano di certo dalle loro parti. Non quando in gioco ci sono arterie cantonali e nazionali. Chi da decenni, ormai, fatica a digerire nuovi tracciati, maxi svincoli e una mobilità senza vie d’uscita (quanto a traffico e colonne) mercoledì ha avuto un sussulto nello scoprire che, a Berna, il governo federale ha deciso di spingere sull’acceleratore della terza corsia autostradale fra Lugano sud e Mendrisio. Una ‘botta’ di gas che vale un anticipo di dieci anni – dall’orizzonte 2040 al 2030 – per un progetto che fra la popolazione non fa l’unanimità. Anzi. Sono in tanti – come dimostrato dalla petizione recapitata a Palazzo federale, destinataria la stessa consigliera Simonetta Sommaruga che oggi sforna Prostra – a temere che il potenziamento dell’A2 – il progetto PoLuMe – non sortirà gli effetti magnificati dai tecnici dell’Ustra, l’Ufficio federale delle strade. Così, mentre il Consiglio di Stato gioisce per avere conquistato un posto al sole nel Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali per due dossier ritenuti cruciali – la terza corsia e il collegamento A2-A13 –, nel Distretto ci si mette le mani nei capelli. I più maliziosi si domandano cosa ci sia dietro questa svolta federale e quale sia il patto stretto con il Cantone, determinato a portare a casa il risultato per la Bellinzona-Locarno (anche se nella tabella di marcia verrà dopo la terza corsia). Tanto più che Ustra è riuscito a piazzare anche l’area per i Tir nel tratto sud dell’autostrada; per di più senza che il Cantone ne avesse un riscontro ufficiale (dixit). Ce n’è quanto basta, insomma, per rafforzare l’impressione che in pochi – tanto a Berna quanto a Palazzo delle Orsoline – si siano preoccupati davvero per il prezzo che il Mendrisiotto sarà chiamato a pagare in termini territoriali e ambientali. In effetti, anche se la procedura verso il progetto generale di PoLuMe – atteso comunque ancora quest’anno – è alle battute iniziali, nel Distretto i contrari hanno compreso bene che i loro margini di manovra saranno assai esigui, non avendo lasciato loro neanche il tempo di reagire. Ormai, come anticipato dallo stesso direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, adesso la partita si gioca sui ricorsi individuali. Come dire che la battaglia sembra ormai persa.

Eppure c’è persino di più. La regione, in effetti, sta vivendo un paradosso. Il pacchetto Prostra ha portato in dote a questa terra anche l’archiviazione, dopo una ventina di anni, della circonvallazione Stabio Est-Gaggiolo (detta altrimenti il prolungamento della superstrada Mendrisio-Stabio). Di che rallegrarsi, almeno per chi l’ha avversata fin dalla prima ora. A ben vedere, però, questo stralcio potrebbe avere degli effetti collaterali che qui proprio non erano stati calcolati. Sì, perché mentre si rinuncia a questo nuovo collegamento, sul versante autostradale si spinge per la terza corsia; che non potrà non avere delle ripercussioni anche sul traffico nel comprensorio tra Mendrisio e Stabio. E questo anche se, nel frattempo – e per fortuna –, si è realizzata la linea ferroviaria per Varese. Viene da chiedersi: nel soppesare l’incarto superstrada si è tenuto conto ‘solo’ di un progetto datato? In altre parole, si sono fatti i conti con l’attuale situazione viaria del Distretto, oppure no? E pensare che il Municipio di Stabio ha pure chiesto uno studio di impatto ambientale regionale. Senza ricevere risposta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisiotto prostra simonetta sommaruga superstrada terza corsia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved